Panel Ravenna AIPH-37

Abstract e documentazione del Panel

Lunedì 5 Giugno | h. 15-16.30 | Palazzo Corradini, Aula 4 [Galleria fotografica]

AIPH-37 Public History nei festival e nelle riviste
Coordinatrice Elisabetta Vezzosi (Università di Trieste)

  1. Beatrice Borghi e Rolando Dondarini (Università di Bologna), Linguaggi, strumenti e pratiche di “public history”. La “Festa internazionale della storia” 
  2. Lorena Carrara (Insegnante), Elisabetta Salvini (Giornalista), “Partigiani a tavola”: la Resistenza tra storia, racconto, corpo e nutrizione 
  3. Manuela Soldi e Danilo Craveia (Festivaletteratura), Luisa Onesta Tamassia (Archivio di Stato di Mantova), Entrare in archivio: il pubblico dei festival culturali e l’approccio alle fonti archivistiche 
  4. Piero Pruneti (Archeologia Viva), Alle origini di un’archeologia Pubblica italiana: “Archeologia Viva”, un’esperienza di 35 anni 
  5. Roberta Biasillo (Ricercatrice indipendente), Francesca Chiarotto (Università di Torino), La storia come diritto: “Historia Magistra. Rivista di storia critica” e “FestivalStoria”

Public History nei festival e nelle riviste
Abstract
Il panel analizza alcune accezioni, sia teoriche sia empiriche, della public history in Italia negli ultimi anni. In primo luogo si sofferma sul controverso rapporto tra politica e storia e sull’uso strumentale della storia. In secondo luogo prende in considerazione due progetti, quali FestivalStoria – nato nel 2003 – e la rivista Historia Magistra – fondata nel 2009 – entrambi diretti da Angelo d’Orsi, ideati e sviluppati all’interno dell’Associazione per il diritto alla storia Historia Magistra. Le quattro presentazioni hanno lo scopo di illustrare il contesto e la modalità che hanno portato al lancio di questi due nuovi progetti; la necessità di rispondere alla crescente domanda di “Storia” da parte di un pubblico sempre più vasto; le motivazioni scientifiche e civili delle due iniziative prese in esame; l’ambivalenza dell’aggettivo public tradotto in italiano sia con “pubblico” sia con “politico”; il processo di cambiamento che interessa i luoghi tradizionali di produzione del sapere e la necessità di incentivare la “terza missione” tra le attività accademiche. Diversi sono i livelli di indagine: la riflessione sull’uso/abuso della storia nel tempo presente con particolare attenzione agli effetti del revisionismo; la presentazione di alcune pratiche di public history, più o meno accademiche, in Italia; un excursus sullo stato dell’arte della storia in rete. I temi sviluppati sono il ruolo che le riviste di storia e gli intellettuali svolgono in Italia nel mediare, elaborare e recepire la produzione di sapere storico; la crisi di una narrazione condivisa del passato nazionale e le sue conseguenze; la sfida alle pratiche, alla epistemologia e alla metodologia che la digital history e l’uscita della storia dall’accademia pone ai modelli tradizionali di produzione, valutazione e divulgazione delle conoscenze.

Abstract (english version) 
This panel starts with a discussion on the public use of history in Italy over the last two decades with a particular focus on its impact on political life and debate and on the controversial relationship between the historical and political spheres. It then analyses two specific cases of “public history” practices promoted by the Association to right to history Historia Magistra: FestivalStoria, launched in 2003, and the scientific journal Historia Magistra, opened in 2009 and directed by Angelo d’Orsi. The four presentations illustrate the context in which those two projects have been developed and their scholarly and civic motivations; the necessity to respond to a growing demand for historical knowledge in a responsible and responsive way; the ambivalence of the Italian translation for public, which stands for both political and public in itself; the change process involving the traditional places of knowledge production and the increasing relevance of the “third mission” in the academia. The panel explores several aspects: an analysis of different uses/abuses of history addressing the effects of revisionism; an introduction of a few practices of public history, more or less academic, taking places in Italy nowadays; an excursus on the state of the art of online history. Our presentations offer insights into the role played by journals and intellectuals in producing history and dealing with other sources of historical knowledge; the crises of a collective and social constructed national narrative and the impacts of this loss in cultural terms; the challenges to traditional practices, epistemology, and evaluation posed by the spread of digital history and public engagement.

1. Linguaggi, strumenti e pratiche di “public history”. La “Festa internazionale della storia”
Beatrice Borghi Rolando Dondarini (Università di Bologna)

Abstract
Fin dalle origini la Storia ha prodotto un insieme di lasciti e di risorse nel quale sono confluiti, i caratteri, i beni, i valori, i saperi ambientali, storico-artistici, scientifici e ideali delle comunità umane. Questo Patrimonio di cui siamo tutti eredi, custodi e creatori è composto sia dai retaggi universali sia dalle impronte prodotte nei diversi ambiti territoriali. Essendo un naturale punto d’incontro tra passato, presente e futuro e tra dimensione locale e globale, consente di osservare la Storia in una visione ampia e non soltanto retrospettiva. La conoscenza dei suoi lasciti materiali e immateriali e dei suoi “segni” leggibili sul territorio, è basilare per sollecitarne la salvaguardia, il recupero e la valorizzazione attraverso un impegno fattivo di ogni persona e può divenire lo sfondo integratore su cui imbastire e costruire nuove appartenenze, che non annullino le diversità e le peculiarità di origine, ma che le facciano concorrere a pianificare il futuro, superando incomprensioni e ostilità.La Festa internazionale della Storia, è una grande manifestazione che attiva un raccordo continuo e vitale tra tutte le componenti delle città e dei territori coinvolti. È un progetto multiforme promosso e realizzato da un’ampia rete di soggetti uniti dalla volontà di diffondere la conoscenza della storia quale fondamento e fattore di consapevolezza, responsabilità e libertà di scelta. Avviata a Bologna tredici anni fa, si basa su attività che si svolgono in permanenza, ma che vengono esibite durante le giornate prescelte. Gli argomenti presi in considerazione non hanno confini tematici né limiti di tempo e, pur in una rigorosa attendibilità, sono presentati attraverso aspetti che li rendono più gradevoli e percepibili: la musica, l’arte, la letteratura, il teatro, l’alimentazione, lo sport, la moda, la religione, la politica, la tecnologia. In tal modo gli eventi assumono attrattiva, capacità comunicative e di coinvolgimento, spaziano dalla dimensione locale a quella globale e vedono la partecipazione di docenti e studenti di ogni ordine e grado, di operatori di musei, archivi, biblioteche, associazioni ed enti di promozione culturale, accomunati dalla convinzione che la conoscenza del patrimonio storico e di tutte le sue eredità sia essenziale per vivere il presente e progettare il futuro.

Abstract (english version)
From its origins, history has produced a set of legacies and resources in which have been fed, the characters, values, environmental knowledge, historical, artistic, scientific and ideals of human communities. This equity of which we are all heirs, guardians and creators is made by both universal legacies both fingerprints produced in the different areas. Being a natural meeting point between past, present and future, and between local and global dimension, it allows you to see history in a broad view, and not only retrospective. The knowledge of its tangible and intangible legacies and its “signs” readable on the territory, is essential to solicit the protection, recovery and enhancement through an active commitment of each person and can become the integrating background on which to build and strike up new memberships, which do not nullify the differences and peculiarities of origin, but that enable them to participate in planning for the future, overcoming misunderstandings and hostility. The “International Feast of History”, is a great event that activates a continuous and vital connection between all the components of the cities and territories involved. It is a multifaceted project promoted and implemented by a wide network of people united by a desire to spread the knowledge of history as the foundation and awareness factor, responsibility and freedom of choice. Launched in Bologna thirteen years ago, it is based on activities that take place permanently, but which are exhibited during the selected days. The topics considered have no thematic boundaries or limits of time and, despite a rigorous reliability, are presented through aspects that make them more attractive and noticeable: music, art, literature, theater, food, sports, fashion, religion, politics, technology. Thus the events taking attractiveness, communication skills and involvement, ranging from local to global, and they see the participation of teachers and students of all levels, from museum professionals, archives, libraries, associations and cultural promotion agencies , share the belief that knowledge of the historical heritage and all its heritage is essential to living the present and plan the future.

2. “Partigiani a tavola”: la Resistenza tra storia, racconto, corpo e nutrizione
Lorena Carrara (Insegnante), Elisabetta Salvini (Giornalista)

Abstract
Nel luglio 2015 è stato pubblicato Partigiani a tavola. Storie di cibo resistente e ricette di libertà, Fausto Lupetti Editore. L’intento di noi autrici era quello di illustrare il significato delle pratiche alimentari durante i venti mesi di resistenza al nazifascismo, procedendo per capitoli appaiati (uno con un taglio antropologico-letterario, l’altro storico) e usando il cibo come lente per comprendere meglio quel fondamentale biennio da una prospettiva inconsueta. Di fatto, abbiamo incanalato l’attenzione mediatica che oggi si riversa sull’alimentazione nella direzione di una conoscenza storica percepibile come “immediata”, aperta e alla portata di tutti. Opponendoci alla retorica della resistenza e all’uso improprio che spesso se ne fa, abbiamo voluto “restituire un corpo” ai ragazzi e alle ragazze che hanno scelto di entrare nelle bande partigiane, riportando alla luce le difficoltà quotidiane dovute a questa scelta e dando rilievo alle urgenze primarie che accomunano tutti nella quotidianità dell’esistenza: mangiare, bere, dormire. Non si tratta di una mera semplificazione, né di una riduzione ai minimi termini, ma di una diversa mediazione di temi storici complessi. La fame, ad esempio, da questa angolatura assume i caratteri di una profonda scelta politica. Questo approccio ci ha consentito di parlare di storia all’interno di festival enogastronomici e culturali (per citarne alcuni: lo Sponz Festival di Vinicio Capossela, il Gola Gola, il Festival della Lentezza), nelle scuole alberghiere, in ristoranti, circoli e osterie, in occasione di eventi conviviali e virali. È stato correttamente interpretato dalle persone come il primo discorso sulla Resistenza realmente unificante (Nord e Sud Italia) e transgenerazionale. Addirittura attualizzabile in forme di resistenza odierna (ad esempio nella Terra dei Fuochi).
Abbiamo avuto particolare attenzione nell’uso di un linguaggio che non fosse specialistico, accademico, manualistico, e abbiamo voluto narrare il biennio ’43 – ’45 principalmente attraverso l’uso di fonti orali e letterarie, con lo scopo di sfruttare la naturale empatia stimolata dalla lettura e dall’ascolto. Così il racconto storico è diventato più accessibile, più vicino e umano, in particolare per i ragazzi delle superiori, oggi molto distanti dal tema in questione. A quasi due anni dalla pubblicazione possiamo trarre un bilancio: decine di presentazioni in tutta Italia (di cui solo una minima parte istituzionali), giornate nelle scuole (soprattutto in quelle tradizionalmente meno interessate alla storia), eventi conviviali in cui si sono concretate esperienze reali di Public History. Si è attivato un dialogo autentico con le persone che sono venute ad ascoltarci, si è creata una rete di relazioni e conoscenze che ci ha indotto a realizzare una pagina social e un blog per raccogliere tutti gli spunti che ci sono stati offerti. Da un libro di storia e di cucina sono scaturiti contatti, relazioni e stimoli non ancora esauriti e ampliabili in altre nuove iniziative: di turismo storico (rievocazioni, ecc.), di incontri, di produzioni multimediali (documentari, video, mostre, musei diffusi sul territorio, letture drammatizzate…). Un’unica nota critica è la mancanza di credibilità e autorevolezza che abbiamo sempre percepito nelle occasioni più “ufficiali”, derivante dal fatto di essere due “ricercatrici indipendenti”, outsider rispetto all’Accademia, in un paese in cui l’Università è ancora considerata l’unica depositaria accreditata di cultura. Ci chiediamo allora: siamo pronti per realizzare con pienezza di senso e di convinzione delle esperienze autentiche di Public History in Italia?

Abstract (english version)
In July 2015 Partisans at the Table. Resistant food stories and Recipes of Freedom was published by Fausto Lupetti Editore.
The intent of us authors was to illustrate the meaning of the food practices during the twenty months of resistance to Nazism. Proceeding by paired chapters (one with an anthropological and literary cutting, another historical), we used food as a lens to better understand that crucial two-year period from an unusual perspective. In fact, we have channeled the media attention that today is addressed to nutrition in the direction of a historical knowledge perceived as “immediate”, open and available to everyone. We opposed the Resistance’s rhetoric and we wanted to “give a body” to the boys and girls who have chosen to join the guerrilla bands. We have brought to light the daily difficulties due to this choice and we gave emphasis to primary urgencies that unite all in daily life: eating, drinking and sleeping. This is not a simplification, neither a reduction to a minimum, instead we are dealing with a different mediation of complex historical issues. Hunger, for example, from this angle assumes the character of a deep political choice. This approach has allowed us to talk about history in cultural and gastronomic festivals (to name a few: the Vinicio Capossela’s Sponz Festival, the Gola Gola, the Slowness’s Festival), in the hotel schools, in restaurants, clubs and pubs, on the occasion of convivial and viral events. It has been correctly interpreted by the people as the first truly unifying and transgenerational discourse on Resistance. People have even considered this approach suitable to current situations (for example, against the mob in the “Land of Fires – Terra dei Fuochi”).
We chose a language that was not specialized, academic and technical. We narrated the years ’43 – ’45 mainly through the use of oral and literary sources, with the aim of exploiting the natural empathy stimulated by reading and listening. So the historical narrative has become more accessible, more human and close, especially for high school students, very distant, today, from the topic in question.
Almost two years after the publication we do an evaluation: dozens of presentations throughout Italy (of which only a fraction is institutional), days in schools (especially those traditionally less interested in history), convivial events in which cases they resulted experiences real Public History. We have enabled a genuine dialogue with the people who came to listen to us. We have set up a network of relations that has led us to create a Facebook page and a blog to gather all the ideas that have been offered. From a book of history and cuisine have sprung contacts, relationships and stimuli not yet exhausted, and expanded into other new initiatives: the historical tourism (re-enactments, etc.), Encounters, multimedia productions (documentaries, videos, exhibitions, scattered museums, dramatized readings and so on).
We report a single negative note: the lack of credibility and authority that we have always felt towards us, particularly in the most “official functions”. We call ourselves “independent researchers”, we are outside the Academy, in a country where the university is still considered the only accredited custodian of culture. We’re asking you: are we really ready to build in Italy authentic experience of Public History?

3. Entrare in archivio: il pubblico dei festival culturali e l’approccio alle fonti archivistiche
Manuela Soldi e Danilo Craveia (Festivaletteratura), Luisa Onesta Tamassia (Archivio di Stato di Mantova)

Entrare in archivio e scoprire la propria storia: possibilità scontata per gli addetti ai lavori, ma sorprendente per il pubblico del Festivaletteratura di Mantova. Quando nel 2013 nacque l’idea di un laboratorio di ricerca genealogica durante la manifestazione, da realizzarsi in collaborazione con l’Archivio di Stato di Mantova attraverso un’interfaccia per la fruizione della documentazione anagrafica digitalizzata per l’occasione, lo staff del festival non immaginava certo che le porte dell’archivio avrebbero dovuto aprire in anticipo sotto la pressione del gran numero di utenti, mantovani e non, accorsi per individuare i propri antenati tra i registri messi a disposizione, relativi alla città, o anche semplicemente per apprendere un metodo da applicare altrove. Un successo replicato negli anni successivi, quando sono state ricostruite le storie delle case del centro storico di Mantova, attraverso la digitalizzazione dei fondi catastali, e le vicende dei soldati della provincia di Mantova che parteciparono alla Grande Guerra, a partire dalla digitalizzazione dei ruoli matricolari relativi alle classi di leva 1848-1899. Quest’ultimo progetto è partito dall’edizione 2014 del festival e ha poi coinvolto 16 comuni del territorio, dove ha generato, attraverso la partecipazione dei cittadini e delle scuole, mostre e pubblicazioni. Molti utenti hanno dichiarato agli operatori che li hanno coadiuvati nella ricerca di non aver mai messo piede, prima di allora, in un archivio e di non avere idea di poter accedere facilmente a fonti che li riguardassero così da vicino. I laboratori sono dunque diventati occasione non solo di ricostruzione storica condivisa, attraverso un approccio non mediato alle fonti, ma anche di promozione di una cultura archivistica. La relazione intende dare conto delle problematiche organizzative e scientifiche, delle soluzioni messe in campo per rendere sostenibili gli eventi, della loro ricaduta sul territorio, e dei presenti e futuri progetti sviluppati dalla partnership tra il Comitato organizzatore di Festivaletteratura e il locale Archivio di Stato.

Abstract (english version)
Entering the archives: cultural festival audiences and contacts with archival sources Entering the archives and discovering history: predicted possibilities for those in the field, but surprising ones for the Festivaletteratura audience in Mantua. When, in 2013, the idea came about of a genealogical research workshop to take place during the event, to be held in collaboration with the Mantua State Archive, through an interface for the use of digitalised data for the occasion, Festival staff certainly did not imagine that the doors of the archives would have to be opened early due to the sheer amount of users, both locals and those from further afield, who were eager to locate their ancestors among the records that had been made available, related to the city, or even to learn a method that could be applied elsewhere. A success that would be repeated in subsequent years, which saw the reconstruction of homes from Mantua’s historical centre, through the digitalisation of cadastral documents, and the histories of those soldiers from the province of Mantua who fought in the Great War, starting with the digitalization of registration documents relating to the classes of 1848-1899. This latter project started in the 2014 edition of the Festival, and it has involved 16 municipalities from the local area, where it has generated, through the involvement of citizens and schools, a number of exhibitions and publications. Many users have explained to the workers who aided them in their search that they had never before stepped inside an archive, and that they had no idea that they could so easily access resources that were closely related to them. The workshops have therefore become an opportunity not only for shared, historical reproduction, through an unmediated approach to the sources, but also one of the promotion of an archival culture. The report aims to give an account of the scientific and organizational issues, the solutions put in place to ensure the sustainability of events, their impact on the local area, and on present ant future projects developed through the partnership between the Organising Committee of Festivaletteratura and the Mantua State Archives.

4. Alle origini di un’archeologia Pubblica italiana: “Archeologia Viva”, un’esperienza di 35 anni
Piero Pruneti (Archeologia Viva)

Abstract
Le società moderne hanno uno strumento di analisi di se stesse basato sulla conoscenza del proprio passato. Esattamente come avviene per le singole persone tramite l’analisi proposta da Freud. Dunque l’archeologo ha una grande responsabilità pubblica: rendere conto alla società delle sue ricerche nel modo più chiaro e comprensibile.

Abstract (english version) 
Modern civil societies have an analysis tool of themselves based on knowledge of its past. Just as with individuals people through the analysis proposed by Freud. So the archaeologist has a great public responsibility: to account to the civil societies of his research in the most clear and understandable way.

5. La storia come diritto: “Historia Magistra. Rivista di storia critica” e “FestivalStoria”
Roberta Biasillo (Ricercatrice indipendente), Francesca Chiarotto (Università di Torino)

Abstract
Fin dalla sua nascita Historia Magistra. Rivista di storia critica ha sviluppano alcuni filoni critici al cui centro sta una ricca e ampia riflessione sull’uso politico e pubblico della Storia. In particolare, alcune rubriche, che caratterizzano la sua struttura, quali “Osservatorio (UPS)” e “ Tra Storia e Politica” hanno affrontato questa tematica con declinazione differenti e con approccio multidisciplinare. Nella prima l’attenzione è rivolta alle diverse forme di uso e abuso politico della Storia, nella seconda è privilegiato l’intreccio tra storiografia e discorso politico, volto a valorizzare la dimensione pubblica e civile della Storia. Partendo da questi presupposti, la rivista si pone come obiettivo di creare uno spazio di disvelamento e di disincantamento delle retoriche mediatiche e politiche costruite intorno al passato. La cifra di Historia Magistra sta proprio nel suo calarsi nella contemporaneità, nei dibattiti pubblici dove non di rado la storia subisce strumentalizzazioni e manipolazioni. Lo scopo dell’intervento è duplice: da un lato, mira a tracciare il profilo e l’attività della rivista che in quasi dieci anni di vita ha cercato di evidenziare le mistificazioni, i “rovescismi” e il dilettantismo insiti in certi dibattiti pubblici, nella stampa o presenti nella stessa storiografia; dall’altro pone l’interrogativo sul ruolo che attualmente le riviste di storia e il lavoro intellettuale devono assumere nei confronti di un pubblico di non addetti ai lavori e dell’accelerazione dei mezzi di comunicazione e delle trasformazioni tecnologiche nell’era della globalizzazione, in cui ai falsari dell’informazione si sono affiancati i professionisti della “post-verità”.
Scopo di FestivalStoria è quello di portare la storia al di fuori degli studi specialistici, le aule universitarie, i luoghi della ricerca, ma senza inquinarla o banalizzarla, nell’ambizione di far giungere i risultati della ricerca storiografica a un pubblico ampio. FestivalStoria critica la concezione della storia come terreno di opinioni tutte equivalenti e muove invece dalla convinzione che essa invece possa e debba assicurare conoscenza dei fatti realmente accaduti. La Storia è sia una “scienza” – benchè non esatta – e nello stesso tempo costituisce una pratica necessaria agli individui e alle comunità. Se la Storia rappresenta, insomma, un diritto fondamentale dell’essere umano, fine di FestivalStoria è di coinvolgere tutti nel “discorso pubblico” sulla Storia. FestivalStoria si propone di “divertire” con la Storia, offrendo un’ampia varietà di forme e di strumenti, con l’ambizione non solo di fornire conoscenza, ma anche di intrattenere nel senso più alto e ricco. Non è un raduno di storici ma un incontro fra discipline diverse intorno a un tema portante. Ogni edizione mette insieme eventi scientifici (lectio magistralis, convegni, forum, interviste e conversazioni pubbliche), didattici e d i intrattenimento (mostre, teatro, cinema, musica, spettacoli) intorno a un tema specifico – le migrazioni, la guerra, i libri, i risorgimenti nazionali, il Mediterraneo, il denaro, l’Oriente visto dall’Occidente. Giunta alla X edizione, FestivalStoria ha avuto come sedi Torino, Saluzzo, Savigliano, Monforte d’Alba, Napoli e San Marino.

Abstract (english version)
Since its launch Historia Magistra has investigated a few crucial themes concerning the public and political uses of history. Some distinctive sections such as “Osservatorio (UPS)” and “Tra Storia e Politica” approaches the overlapping space between history and politics using different methodologies and point of views. “Osservatorio (UPS)” mainly addresses empirical cases of uses and abuses of historical knowledge, while “Tra Storia e Politica” explores the interconnection between historiography and current debate stressing the activism and civic afflatus of history. The journal aim to create a space to unveil misunderstanding and intentional twists of the past operated by mass media. This presentation tries to achieve two goals: firstly, it outlines the profile and the almost ten years of activities of the journal; secondly, it opens the floor for a discussion about the role of history journals in general and of the role of intellectuals. What could be their positions on the wide use and production of history, on the era of fast and online and global communication, on the establishment of a non critical “post-truth”?
The purpose of FestivalStoria has been to bring history outside of the traditional and institutional venues without corrupting or oversimplifying it but with the ambition of reach a broader audiences. FestivalStoria questions the rising assumption that history represents a bounce of equivalent opinions and argues that history has still the role to reconstruct the past and propose a sort of truth. History is indeed a “science” – although not a hard science – and at the very same time it represents a necessary practice for individuals and communities. A fundamental assumption of this project is that the practice of history is a human right and everyone should be involved in the public dimension of history. This project points at amusing people through several performances and tools. It is crossroad of different disciplines rather than a meeting of historians exploring a specific topic from different perspectives. Each edition includes scientific events – such as lectio magistralis, meetings, forums, interview and public debates – didactic activities and entertainment – such as exhibitions, plays, concerts. Topic of the past editions have been: migration, war, books, the national Risorgimenti, the Mediterranean sea, money, the East seen from the West. Venues of the past editions have been: Torino, Saluzzo, Savigliano, Monforte d’Alba, Napoli e San Marino.