Panel Ravenna AIPH-38

Abstract e documentazione del Panel

Martedì 6 Giugno | h. 8.30-10.00 | Palazzo Corradini, Aula 5 [Galleria fotografica]

AIPH-38 Insegnanti e giornalisti come Public Historian?
Coordinatore Luigi Tomassini (Università di Bologna)

  1. Paolo Ceccoli (Insegnante) Insegnanti protagonisti 
  2. Paolo Gheda (Università della Val d’Aosta), Giacomo Zanibelli (Università di Siena) Giornalismo e Public History. Una nuova frontiera della comunicazione 
  3. Antonella Pagliarulo (Giornalista) Pratiche di Public History: il giornalismo d’archivio
  4. Lorenzo Grassi (Giornalista) Rete giornalisti storici

1. Insegnanti protagonisti
Paolo Ceccoli (Insegnante)

Abstract
Le ragioni di una riflessione sull’uso pubblico della storia in Italia ci sono tutte. L’invito a contribuire alla prossima conferenza di Ravenna le elenca seppure sinteticamente in maniera convincente. Sembra tuttavia, leggendo l’elenco dei possibili temi di discussione, che manchi all’appello uno dei protagonisti: l’insegnante. Il lavoro del docente di storia nelle scuole di ogni ordine e grado si colloca a pieno titolo nelle attività che contribuiscono “all’affermazione di una maggiore consapevolezza del sapere storico quale requisito per l’esercizio di una piena cittadinanza”. Si può sostenere che senza la scuola nessuna public history potrebbe avere luogo, ma anche che, nella scuola, la public history trovi un riferimento decisivo per confrontarsi con la formazione dei giovani ponendo le basi per un efficace apprendimento permanente. Gli insegnanti, infatti, stanno tra la storia scientifica, che devono conoscere e disseminare, e l’opinione pubblica, spesso divergente dalla conoscenza accademica, con cui si devono confrontare per promuovere nei loro studenti lo spirito critico, una finalità educativa trasversale terreno d’elezione di qualunque educazione storica. Vi sono alcune evidenze perciò che portano a pensare che il docente di storia debba affrontare nel suo lavoro quotidiano sfide simili a quelle del public historian. Alcuni studi, infatti, indicano che la storia scolastica, anche per i suoi difetti, competa spesso male con quella che gli studenti imparano dalla famiglia o negli altri contesti di educazione informale. Il docente di storia poi è anche coinvolto direttamente nella public history quando ad esempio, organizza una visita d’istruzione a mostre, musei, città e luoghi della memoria, o quando, chiamato dalle istituzioni a celebrare commemorazioni ufficiali, deve preparare i propri studenti e permettere loro di cogliere le ragioni delle scelte politiche che hanno ispirato tali ricorrenze. Da queste ragioni nasce l’esigenza sia di far sentire la voce dei docenti nel dibattito sulla public history sia di portare la consapevolezza teorica della public history nelle scuole. Tutto ciò in vista di una sinergia e uno scambio metodologico tra scuola e accademia, anch’essa costretta a confrontarsi con il tema, e uso pubblico della storia in senso anglosassone.

Abstract (english version)
There are many reasons to reflect upon Public History in Italy. All of them are summarized in CFP leaflet, all but one. I think that teachers are public historians as well as others history educators. It seems to me that teachers’ work belongs fully to all the activities contributing to “state the major role of historical knowledge as a means to exercise effectively the rights of citizenship”. In other words it can be hold that without schooling public history would not take place at all and, at the same time, that public history finds in schooling a partner in dealing with youngsters education and life long learning implementation. Teachers stand in the middle between scholarship, to be known and disseminated, and public opinion, often inconsistent with academic history outcomes. They have to deal with it in order to promote critical thinking, a cross curricular aim and a basic skill for any possible history education. There is some evidence leading to think that the history teacher has to face in his daily work challenges similar to those of the public historian. Some studies, in fact, indicate that school history, sometimes for its flaws, often compete badly with what students learned and/or are learning from family or other informal education contexts. What is more I believe that history teachers are directly involved in public history when they organize excursions, field trips, educational visits to exhibitions, museums, historical towns and memorial sites, and when, asked by political institutions to celebrate some official remembrance, have explain what does it mean the policy underpinning this or that memorial day. For all the reasons above mentioned I would like to raise the teachers’ voice in the public history debate. I definitely think that teachers has to be educated in public history and public history scholars, who nowadays are facing many public history challenges as well, should listen to teachers in order to built a fruitful synergy and a useful methodological interchange.

2. Giornalismo e Public History. Una nuova frontiera della comunicazione
Paolo Gheda (Università della Val d’Aosta), Giacomo Zanibelli (Università di Siena

Abstract
La recente riforma dell’Ordine Nazione dei Giornalisti (ODG) ha previsto per tutti gli iscritti l’obbligo di partecipare ad un percorso strutturato di formazione permanente per un totale di 60 CFU. In quest’ottica sono stati organizzati corsi di aggiornamento su tematiche giuridiche, economiche e sociali. La rivista di storia “Progressus” assieme al Dipartimento di Filologia e Critica delle Letterature Antiche e Moderne dell’Università di Siena, a partire dall’a.a. 2015-2016, ha gettato le basi per avviare un dialogo tra storici e giornalisti per favorire una maggiore diffusione del concetto di public history. L’obiettivo principale era quello di fornire degli strumenti chiari e necessari per favorire la nascita di un giornalismo storico che si poggiasse su basi concrete e solide. Questo esperimento ha riscosso fin da subito un ampio successo tra i giornalisti toscani che si sono mostrati molto interessati a questa nuova opportunità professionale. La crisi del mercato del lavoro ha portato a guardare con attenzione anche a nuove sfaccettature della professione e l’ambito storico pare riscuotere un grande interesse. Terminata la fase sperimentale si è proceduto a programmare un percorso strutturato e destinato a durare nel tempo. Grazie alla collaborazione con la Fondazione Bianca Piccolomini Clementini Onlus di Siena si è avviato un percorso didattico che in accordo con il Gruppo Stampa Senese mira ad approfondire tutti gli aspetti legati all’uso pubblico della storia come il cinema, la fotografia e i new media. L’obiettivo di questo progetto è quello di creare un dialogo costruttivo e continuo tra storici di professione ed esperti della comunicazione per sviluppare anche progetti comuni di divulgazione storica in occasioni di anniversari e celebrazioni di carattere nazionale e internazionale.

Pratiche di Public History: il giornalismo d’archivio
Antonella Pagliarulo (Giornalista)

Abstract
Lavorando da anni su progetti di valorizzazione e diffusione delle fonti documentarie attraverso l’uso delle nuove tecnologie ‐ organizzazione di percorsi e portali per, tra gli altri, l’archivio Luce, il Comune e la Provincia di Roma, attività giornalistica con fonti d’archivio pubblicate nel portale storico della Camera dei deputati ‐ in una parola progetti di digital curation vorrei con questo paper portare un contributo, di riflessione e operativa al tempo stesso, sulle nuove figure professionali nate con il mondo dei digital media. Esercitando attività di curation content sulle fonti documentarie, gli archivi in primis, essi assumono implicitamente ruoli di public historian: siano content manager, giornalisti d’archivio, documentatori multimediali creatori di metadati di archivi digitali (tutti ruoli ricoperti da chi scrive). Il giornalismo d’archivio, se esercitato professionalmente, anche se “calendarizzato” sull’attualità dall’agenda setting dei media, fornisce al pubblico della rete un racconto documentato fondato sugli archivi, ne mostra le potenzialità come strumento di narrazione, promuove una conoscenza contestualizzata delle nuovi fonti disponibili e una consapevolezza dell’uso critico di dati e informazioni restituiti dalla ricerca in rete. Nell’ecosistema digitale, popolato e alimentato da continue ed estese raccolte di dati spesso grezzi o privi di contesti, il ruolo del divulgatore/comunicatore di informazioni strutturate scientificamente, può essere di grande aiuto alla identificazione di utili pratiche pubbliche della storia. Per l’attività di documentazione delle immagini d’archivio (fotografie e testi audiovisivi) assume centralità la costruzione dell’accesso all’informazione e l’archivista d’immagine acquista un grande e delicato ruolo di mediazione tra l’utente e la fonte. Il documentatore entra, necessariamente, prepotentemente nel processo di costruzione della memoria attraverso una metadatazione complessa che assegna ad un contenuto digitale una semantizzazione strutturale e vincolante. Se i dati sono trattati con tecnologie evolute – i linked data ‐ il potenziale informativo nel web semantico dei metadati creati ‐ e con esso la responsabilità ‐ è enorme.

Abstract (english version)
Since I’have been working for years in valorization and dissemination of documentary sources through the use of new technologies ‐ organization of channels, categories in archive portals, for Luce Institute’s Archive or Comune di Roma i.e, journalist activities with archive materials published in the historical website of the Chamber of Deputies ‐ I would like to contribute with this paper to the conference topic dealing with the new professionals born with the digital media world since by exercising curation content activities on documentary sources, archives they implicitly assume roles of public historian: an historic content manager, an archive journalists, a multimedia archivist creators of digital files metadata (all roles played by the writer). The activity of archive journalist, although “timetabled” on current media agenda setting, provides web audience a documented story based on archives, it shows the potential as a storytelling tool, it promotes a contextualized knowledge of the new sources available, and a critical awareness of the use of data and information returned by the search network. In a digital ecosystem, populated and powered by continuous and extensive collections of data lacking in context, the role of disseminator / communicator of information scientifically structured can be of great help to the identification of useful public history practices. Concerning the cataloguing of archive images (photographs and audiovisual texts) the access to the record is central and the image archivist acquires a great and delicate role as a mediator between user and the source. The image archivist enters necessarily powerfully in the memory construction process through a complex metadating that attributes to digital content a ri‐semantization. If data are processed with advanced technology of Semantic web ‐ the linked data ‐ the quantity information of metadata created and the responsibility of human creator (the archivist) are huge.