Panel Ravenna AIPH-39

Abstract e documentazione del Panel

Mercoledì 7 Giugno | h. 10.15-11.45 | Palazzo Corradini, Aula 5 [Galleria fotografica]

AIPH-39 Documentari e multimedialità: autori e consulenti di storia
Coordinatrice Chiara Ottaviano (Cliomedia Officina)

  1. Leonardo Campus (Rai Storia), L’esperienza in Rai Storia fra schermo e rete 
  2. Silvia Cassamagnaghi (Università di Milano), Scrivere di storia, riscrivere per i media 
  3. Roberta Garruccio (Università di Milano), , Sara Roncaglia (Associazione AVoce), Sara Zanisi  (Fondazione ISEC), Il Polline e la ruggine. Memoria, lavoro, deindustrializzazione a Sesto San Giovanni (1985-2015) 
  4. Elena Pirazzoli (Ricercatrice indipendente), La casa di Nostra Donna a Porto Fuori. Una ricostruzione digitale, una mostra, un documentario, un video d’artista 
  5. Michela Ponzani (Rai Storia), Passato e Presente in Tv. Le. Linee editoriali de Il Tempo e la Storia

Documentari e multimedialità: autori e consulenti di storia

Abstract

Tema comune per tutti i relatori, storici che hanno collocazioni professionali molto diverse, è la riflessione scaturita dall’esperienza personale nella realizzazione di documentari audiovisivi, programmi televisivi  e prodotti multimediali di tema storico. Roberta Garruccio  e Silvia Cassamagnaghi sono ricercatrici in storia economica e storia contemporanea  all’Università degli Studi di Milano, Leonardo Campus e Michela Ponzani lavorano con continuità per la Rai mentre Elena Pirazzoli invece è una storica dell’arte ricercatrice indipendente che collabora con varie istituzioni culturali. Diversi sono stati anche i ruoli occupati nella produzione dei vari prodotti. Roberta Garruccio, che ha collaborato con Sara Roncaglia (dell’Associazione Voce) e Sara Zanisi (della Fondazione Isec), è autrice di un documentario a basso budget esito di lavoro, durato anni, di un gruppo di ricercatori che ha raccolto una cinquantina di interviste applicando le metodologie della storia orale. Silvia Cassamagnaghi invece ha avuto è stata consulente nella realizzazione di un documentario prodotto dalla RAI, basato proprio sui risultati di un suo lavoro di ricerca che ha avuto come primo esito la pubblicazione di un volume a stampa. L’esperienza di Michela Ponzani è quella della conduzione di un programma di storia di successo con ospiti in studio mentre Leonardo Campus ha collaborato con canali internet della Rai producendo nuovi contenuti attraverso la ricerca e valorizzazione dei materiali d’archivio. Elena Pirazzoli infine, nel ruolo di ricercatrice, ha strettamente collaborato con la regia per la produzione di un documentario che è parte di un complesso progetto che comprende ricostruzioni digitali e una mostra.
Vari sono i punti comuni di riflessione per quanto diversi possano essere stati i mezzi economici disponibili, i prodotti finali e i modi di produzione. La comunicazione audiovisiva implica limiti, potenzialità e questioni ben diverse rispetto alla scrittura di un testo. Tutti hanno lavoro in équipe con altri ricercatori e/o altri professionisti e  per qualcuno si è trattato di una “prima volta”, un inedito rispetto al lavoro in solitudine. Comuni sono i problemi legati alla scelta di linguaggi accessibili e allo stesso tempo attraenti per un pubblico non specialistico. Sempre comune per tutti è la necessità di valutare tempi di lavoro e budget disponibili. Nei casi in cui è stata centrale la raccolta di testimonianze temi cruciali sono i modi in cui gli intervistati devono essere coinvolti e informati, dalla progettazione alla realizzazione, alla distribuzione del documento realizzato.

1. L’esperienza in Rai Storia fra schermo e rete
Leonardo Campus (Rai Storia)
-Slide intervento (pdf)

Abstract
Partendo dal mio profilo professionale come ricercatore di storia da un lato (ho un dottorato in Storia Contemporanea e ho pubblicato due monografie, oltre a vari saggi in Italia e all’estero) e come divulgatore della stessa dall’altro (sono autore tv del noto programma ‘Il tempo e la storia’ e web-editor del portale del canale Rai Storia), il mio intervento mirerà a:
-presentare alcuni esempi di contenuti e metodologie della public history applicata ai media (tv) e ai nuovi media (web, social)
-condividere alcune osservazioni personali sulla public history maturate nel corso della mia esperienza professionale a cavallo tra ricerca scientifica e divulgazione.
In particolare mi concentrerò su quale possa essere lo spazio effettivo per l’esercizio professionale della public history in Italia; quale possa essere la sua utilità sociale; quali i suoi metodi e i rischi da evitare nella sua implementazione. Ciò sarà integrato, all’occorrenza, da personali esempi concreti, sia sulle metodologie messe in atto per comunicare una data ricerca scientifica (incluso il crowdfunding), sia invece sui lavori divulgativi da me realizzati per Rai Storia. Sarà inoltre messa in luce la necessità – da parte degli storici stessi – di uscire dalla nicchia degli ‘addetti ai lavori’, per mantenere una rilevanza sociale e contribuire a colmare le gravi lacune pubbliche di conoscenza storica, specie riguardo il periodo post-1945, che pure è quello che ha più impatti sulla realtà odierna. Nel complesso, tali riflessioni cercheranno di offrire alcuni elementi sia teorici che concreti, per contribuire alla comune riflessione sugli spazi della nascente public history in Italia.

Abstract (english version)
My contribution will be based upon my professional experience as both a researcher (I have a PhD in History and have published two monographs, in addition to several papers in Italy and abroad) and as a public historian (I am a TV Author for the well-known program ‘Il tempo e la storia’ and a web-editor for the internet portal of the Italian history thematic channel, Rai Storia). In this context I will aim to:
-present some examples of content and methodologies of public history, as applied to both traditional media (TV) and new media (web, social)
-share some personal observations on public history, shaped in the course of my career situated between scientific research and the popularization and communication of history.
I will focus in particular on which can be the effective spaces for conducting professional work in the field of public history in Italy; what its social utility can be; its methods and risks of implementation. This would be complemented, if required, by personal, practical examples, on both the methods used to publish the results of scientific research (including crowd-funding) and on works of history communication I have produced for ‘Rai Storia’. Another aspect highlighted will be the need by professional historians to get beyond the ‘niche of experts’ in order to maintain relevance and contribute to fill the alarmingly wide public gaps in historical knowledge, particularly when it comes to the decades after 1945, in spite of their close relevance for today’s world. All in all, said points will try to provide a few elements of both a theoretical and practical nature to contribute to the common dialogue on the space to be occupied by Italy’s nascent field of public history.

2. Scrivere di storia, riscrivere per i media
Silvia Cassamagnaghi (Università di Milano)
-Slide intervento (pdf)

Abstract
Come passare da un prodotto storico “tradizionale” (saggio o monografia), costruito primariamente su basi archivistiche e destinato a specialisti della materia, a un prodotto pensato e realizzato per un pubblico generalista e di massa com’è quello della televisione? Ci si propone qui di analizzare un case study, quello della “trasformazione” di una ricerca documentaria sul fenomeno delle “spose di guerra” – le ragazze italiane che durante il secondo conflitto mondiale conobbero e sposarono soldati americani (Silvia Cassamagnaghi, “Operazione Spose di guerra”, Feltrinelli, 2014) –, in un documentario prodotto da Rai cultura e realizzato da MovieMovie (“Spose di guerra. Storie d’amore della seconda guerra mondiale”, 2016), per essere trasmesso in prima serata su Rai Storia. Il testo scritto, diretto agli specialisti, ha necessità di una dimensione narrativa che metta in evidenza il rigore della ricerca e conferisca al racconto il giusto spessore. Come mantenere le stesse caratteristiche – rigore storico e sostanza argomentativa – anche per il prodotto televisivo? Come trasformare oltre 300 pagine di saggio in meno di un’ora di film? Per poter ricostruire vicende individuali, collocate nella cornice più ampia della seconda guerra mondiale, documenti archivistici, fonti a stampa e memorialistica, pur ampiamente utilizzati, non sono sufficienti. Si deve dunque far ricorso a interviste ai protagonisti, a film di fiction – sia italiani, sia americani –, a cinegiornali, a romanzi, indispensabili per la costruzione del prodotto televisivo. Fondamentale, nel passaggio da un linguaggio all’altro, il lavoro in équipe (laddove la ricerca tradizionale è generalmente “solitaria”), il trovare un giusto, seppur non scontato, equilibrio tra diversi tipi di professionalità (lo storico, il regista, lo sceneggiatore, il cameraman, il tecnico del suono…), ognuna delle quali deve dare il proprio contributo, senza prevaricare le altre.

Abstract (english version)
How is it possible to switch a “traditional” historical research (essay or monography), realized primarily on archival bases and intended to history specialists, to a product designed and made for a generalist, mass audience as television’s one? We propose here to analyse a case study: the transformation of a research, based mainly on documents, about “war brides” – the Italian girls that during the Second World War met and married American soldiers (Silvia Cassamagnaghi, “Operazione Spose di guerra”, Feltrinelli, 2014) – in a documentary produced by Rai cultura and realized by MovieMovie ( “Spose di Guerra. Storie ‘amore della seconda guerra mondiale”, 2016), to be broadcast, in prime time, on Rai Storia channel. The written text, intended to specialists, needs for a narrative dimension, highlighting the research strictness, giving the right thickness to the storytelling. How to keep the same features – historical strictness and argumentative substance – also for the television product? How to turn over 300 pages essay in less than an hour of film? In order to reconstruct individual events, placed in the broader framework of the Second World War, archival documents, printed sources and memoirs, although widely used, are not enough. It is therefore necessary to use personal interviews, fiction films – both Italian and American –newsreels and novels, essential in making a documentary. In the transition from one language to another one, team work is essential (where traditional research is usually a “lonely job”), finding a fair, though not obvious, balance among different types of professionals (the historian, the director, the screenwriter, the cameraman, the sound engineer…): each one has to give his/her own contribution, without overwhelming the others’.

3. Il Polline e la ruggine. Memoria, lavoro, deindustrializzazione a Sesto San Giovanni (1985-2015)
Roberta Garruccio (Università di Milano), Sara Roncaglia (Associazione AVoce), Sara Zanisi  (Fondazione ISEC)
-Sintesi intervento (pdf)

Abstract
Presentiamo un documentario prodotto da Associazione AVoce, Dipartimento di scienze della mediazione linguistica e di studi interculturali dell’Università degli studi di Milano, Fondazione Isec. Esso nasce da un più ampio progetto di ricerca in parte finanziato da Regione Lombardia-Fondo Sociale Europeo attraverso un bando pubblico sulla valorizzazione del patrimonio culturale lombardo, in parte attraverso una campagna di crowdfunding. Il progetto triennale nel suo complesso ha prodotto tre risultati: un archivio audiovisivo con circa 50 interviste (conservato in Isec); un e-book fotografico sugli spazi ex-industriali della città; il documentario stesso. “Il polline e la ruggine” vuole contribuire a conservare e fare conoscere le narrazioni e le rappresentazioni delle ricadute locali di ampi processi globali. Il luogo è Sesto San Giovanni (quinto polo industriale italiano negli anni del boom) e il focus è sulla dismissione delle acciaierie Falck (la maggiore impresa siderurgica privata del paese, in quello stesso arco di tempo). È un progetto collettivo e partecipato, frutto della collaborazione tra professionisti e cittadini: due storiche, un’antropologa, un fotografo, un film-maker, specialisti della post-produzione video, i musicisti, gli archivisti, una catalogatrice, gli uomini e le donne intervistati, le associazioni e i cittadini che hanno partecipato al finanziamento, gli spettatori delle diverse proiezioni. Poiché la deindustrializzazione è molto di più che solo la perdita della produzione industriale, la sua portata culturale è qualcosa che non ha ancora finito di manifestare i suoi effetti, molti dei quali hanno preso, e ancora prenderanno, visibilità solo con il tempo. Il documentario indaga il significato culturale e politico, oltre che economico, di questo processo.

Abstract (english version)
We will show a documentary produced by the Department of Language Mediation and Intercultural Communication at the University of Milan, Isec Foundation, AVoce Association. The documentary arose from a wider research project funded by the Lombardy Region and the European Social Fund and it was supported by a crowdfunding campaign. This three-year project as a whole has resulted in three research products: an oral history interview campaign that collected 50 video recordings (now archived at the Isec Foundation); a photographic e-book of the city’s industrial heritage; and the documentary we will be screening. “Pollen and Rust” intends to contribute to preserving and circulating narratives and representations of the local impact of major global processes. The selected place is Sesto San Giovanni (the fifth industrial district in Italy during the economic boom). In particular, the documentary focuses on the shutting down of the Falck steel mills (the largest Italian private steelmaking company during the same period of time). It was a shared and participatory project that saw close cooperation between researchers and citizens: two women historians, a woman anthropologist, a photographer, a film-maker, several film post-production experts, the musicians that realised the score, the archivists, a woman cataloguer, the interviewees, citizens that supported crowdfunding, different audiences. Since deindustrialisation goes beyond the mere loss of manufacturing, its cultural and political impact has not yet finished to manifest itself, while only time will reveal its long-term effects. The documentary investigates the political and cultural meanings of this process, showing how people experience it in different ways.

4. La casa di Nostra Donna a Porto Fuori. Una ricostruzione digitale, una mostra, un documentario, un video d’artista
Elena Pirazzoli (Ricercatrice indipendente)

Abstract
Il 5 novembre 1944 la chiesa di Santa Maria in Porto Fuori (RA) venne colpita da un bombardamento, interrompendo una storia devozionale, culturale e artistica di lungo corso. Il progetto coordinato da Alessandro Volpe (Dipartimento Beni Culturali, Università di Bologna, sede di Ravenna) tra il 2015 e il 2016 ha portato a una ricostruzione digitale dell’interno della chiesa e in particolare degli affreschi trecenteschi dell’abside e delle cappelle laterali (a cura di Fr@me Lab, Simone Zambruno e Antonino Vazzana). L’immagine ricostruita, la cui ricchezza di dettagli sembra sconfinare nell’iperrealtà, sottende una natura numerica, inconsistente, che dà solo l’illusione del recupero del monumento perduto. La mostra La casa di Nostra Donna. Immagini e ricordo di Santa Maria in Porto Fuori ha proposto al pubblico quello che resta oggi della chiesa e del suo ciclo di affreschi: le sue rappresentazioni, nate dagli sguardi che si sono posati su di essa negli ultimi secoli. I disegni di Felice Giani e gli schizzi di Cavalcaselle, le campagne fotografiche realizzate per studio o per divulgazione (guide e cartoline) tra gli ultimi decenni del XIX secolo e i primi del XX, le fotografie private scattate nei tardi anni Trenta e nei primi anni Quaranta, e infine lo sguardo di un artista contemporaneo, Stefano Massari. In questo percorso, la ricostruzione digitale si propone come un’esperienza immersiva e insieme illusiva, benché filologicamente corretta, in cui l’osservatore entra ed esplora il dettaglio tridimensionale di una fotografia in bianco e nero, il colore delle fonti usate per l’anastilosi. Per questo motivo si è scelto di accostarvi un’altra immagine ricostruita: quella cercata nei ricordi degli abitanti di Porto Fuori. Il documentario realizzato coinvolgendo la comunità locale (regia di Fabrizio Varesco e ricerche di Elena Pirazzoli) restituisce un’immagine speculare a quella digitale: quella sfocata, imprecisa ma vivissima, affettiva, che alcuni abitanti custodiscono dentro di sé. Questa “immagine interiore” ha permesso di recuperare una dimensione emozionale e percettiva della basilica, della sua distruzione ma anche della sua vita, riattivando la consapevolezza di una memoria comunitaria.

Abstract (english version)
The church of Santa Maria in Porto Fuori was destroyed by Allied bombing on November 5, 1944, halting an enduring narrative of worship, art and heritage. The project curated in 2015-2016 by Alessandro Volpe (Beni Culturali Department, Bologna University, Ravenna) acquired the digital reconstruction of the building’s inner space and its 14th century frescoes (by Fr@me Lab, Simone Zambruno e Antonino Vazzana). The recreated image, rich in detail, even hyper-realistic, conceals a numeric nature, without substance, which gives only the illusion of the recovery of the lost monument. The exhibition La casa di Nostra Donna. Images and memory of Santa Maria in Porto Fuori showed to the public what still remains: the representations originated from the different looks directed to the church and its frescoes in recent centuries. The 19th century drawings of Felice Giani and the sketches of Cavalcaselle, the black and white pictures taken for study purposes or for publishing (postcards and travel guides), colour photos taken during private visits in the Thirties or Fourties and culminating in the impressions of a contemporary artist, Stefano Massari. In this exhibition, the digital reconstruction is presented as an immersive experience, and, at the same time, illusive, albeit philologically precise. The observer can enter and explore all the details of a 3D black and white photography, that is the material of the sources used to create the anastylosis. For these reasons, another recreated image has been paired to this one: the image emerging from the memories of the people of Porto Fuori. The documentary film (directed by Fabrizio Varesco, researched by Elena Pirazzoli) shot by interviewing the local community, gives back an image symmetrical to the digital one: blurry, imprecise yet vivid and sentimental; the image which the people of Porto Fuori keep close to themselves. This “internal image” permits the recovery of an emotional and perceptual dimension of the church, of its destruction but also of its life, rekindling a community memory.