Panel Ravenna AIPH-40

Abstract e documentazione del Panel

Lunedì 5 Giugno | h. 15-16.30 | Palazzo Corradini, Aula 4 [Galleria fotografica]

AIPH-40 Storia urbana, architettura e progetti di comunità
Coordinatrice Paola Lanaro (Università Ca’Foscari, Venezia)

  1. Vittoria Capresi (Università di Berlino), Storia orale e narrativa per esplorare l’architettura. Le nuove città di Mussolini 
  2. Andrea Coccorese (Centro di documentazione storica Torino), Marco Meotto (Centro di documentazione storica Torino), Rigenerazione del quartiere Vallette di Torino: un’esperienza di Public History 
  3. Giuseppe Muroni (Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara), Davide Brugnatti (Architetto), Edmondo Rossoni e Tresigallo: il restauro dell’architettura contemporanea. Filologia, recupero, variazione d’uso

Storia urbana, architettura e progetti di comunità
Abstract

1. Storia orale e narrativa per esplorare l’architettura. Le nuove città di Mussolini
Vittoria Capresi (Università di Berlino)

Abstract
L’interpretazione dello spazio architettonico è spesso legata ad una lettura delle permanenze materiali. Il paesaggio architettonico è analizzato attraverso le forme e relazioni spaziali tra le singole emergenze architettoniche. Le funzioni degli edifici e degli spazi forniscono un livello aggiuntivo di informazioni, utilizzato per una lettura delle facciate e delle interazioni tra gli edifici stessi. Cosa accade, se come ulteriore livello di interpretazione aggiungessimo l’utilizzo reale (e non previsto a livello progettuale) fatto dello spazio dalle persone? Quale lettura danno gli abitanti e users degli spazi che consumano? È questa lettura conforme a quella fornita dalla muta architettura? Quali nuovi spunti può offrire a livello di metodo una analisi delle storie e racconti degli abitanti dello spazio costruito? Il contributo offre un esempio di come le storie e narrazioni possano fornire elementi fondamentali ad una interpretazione olistica del paesaggio architettonico. Come caso analizzato verrà presentata l’architettura costruita sotto il fascismo in Italia (caso Pianura Pontina) e in Libia (villaggi di colonizzazione). La lettura dei nuovi centri di colonizzazione è solitamente distorta dalla propaganda dell’epoca: le foto che il regime pubblica, cosi come le descrizioni che la stampa divulga, offrono una immagine parziale e falsificata di quella che era la vita all’interno dell’architettura. Ciò che rimane oggi come permanenza costruita permette una interpretazione limitata dello spazio originale e delle sue trasformazioni fisiche e di funzioni. Attraverso una lettura dei racconti e storie degli abitanti, delle fotografie, lettere e diari, verrà ricomposto un quadro diverso, che aggiunge informazioni fondamentali per una interpretazione più completa, anche se mai definitiva, del paesaggio architettonico nel passato e oggi.

Abstract (english version)
The interpretation of architecture is often linked to a direct explanation of the material space. The built landscape is habitually analysed through the forms and spatial relationships between the single buildings. The functions of the buildings and of the space provide an additional layer of information, which can be use for a better understanding of the facades and of the interactions between the buildings themselves. What happens if – as an additional level of interpretation – we add the actual use (and not the expected one, at a project level) made of the space by the people? Which interpretation of the space is given by the inhabitants and its users? Is this interpretation similar to that one emerging by a mere analysis of the architecture? Which new insights can offer the analysis of the stories and narratives of the inhabitants of the built space? The contribution provides an example of how the stories and narratives can provide key elements to a holistic interpretation of the architectural landscape. As case studies the new towns built under the fascist regime in Italy (Pontine Marshes) and colonial Libya will be presented and discussed. The interpretation of the new settlements is usually distorted by the propaganda: the photos and descriptions in the press of that time offer only a partial and misleading impression of how life was in the centres. Today the buildings and spaces which still exist allow a limited interpretation of the original uses and functions. Through an interpretation of the stories and narratives of the inhabitants, of the old photographs, letters and diaries, it will be possible to compose a different image of the architectural landscape, which adds essential information for a more complete interpretation, although never final, of that architecture and urban space in the past and today.

2. Rigenerazione del quartiere Vallette di Torino: un’esperienza di Public History
Andrea Coccorese (Centro di documentazione storica Torino), Marco Meotto (Centro di documentazione storica Torino)
Testo dell’intervento
Presentazione – slide

Abstract
Negli anni del miracolo economico italiano Torino, capitale italiana dell’industria automobilistica, è un polo attrattivo di intensi flussi migratori dal Sud Italia. La risposta del Governo all’urgente problema abitativo è la realizzazione, nel 1961, di un quartiere “futuristico” e “autosufficiente”: Vallette. Gli architetti coinvolti, tra cui Isola e Gabetti, presto noti a livello nazionale e internazionale, progettano un nuovo quartiere che, per le sue caratteristiche innovative, avrebbe dovuto incoraggiare solidarietà e vita comunitaria. Nonostante le positive premesse, molti dei servizi pubblici previsti nel progetto non sono però realizzati e in un crescente clima di stigmatizzazione il quartiere assume da subito l’etichetta di “ghetto di Torino”. Nel 2008 il Centro di Documentazione Storica della Circoscrizione 5 di Torino, in collaborazione con diverse realtà locali, ha avviato un progetto di ricerca storica sul quartiere, da cui sono scaturiti pubblicazioni, dibattiti pubblici, mostre e visite guidate. L’approccio di Public History adottato ha permesso di decostruire, insieme agli abitanti, il mito negativo e di promuovere una diversa immagine del luogo, in particolare come esempio notevole di edilizia pubblica italiana. Il progetto ha permesso di coinvolgere successivamente anche realtà esterne, oltre che diffondere una nuova consapevolezza tra gli abitanti, aumentando la partecipazione in attività rivolte a preservare e rigenerare Vallette. Dal 2014, il Politecnico di Torino e il collettivo di giovani architetti “Laboratorio ZIP”, insieme al CDS e altre realtà locali, hanno iniziato a progettare la trasformazione di alcune parti del quartiere in spazi pubblici in grado di ospitare attività culturali e rafforzare la vita comunitaria. L’ambizione è favorire un’ampia rigenerazione del quartiere, rendendolo più attrattivo, promuovendo attività che preservino e valorizzino il patrimonio materiale e immateriale locale (edifici, storie, memorie degli abitanti). Con questa presentazione si discuteranno criticamente i vari aspetti dell’esperienza, a partire da una domanda: può la Public History stimolare una maggiore partecipazione all’interno della comunità  e contribuire a un futuro diverso attraverso la reinterpretazione del passato, nonostante il peso del mito negativo che per decenni ha connotato questa parte di periferia torinese?

Abstract (english version)
During the post-war economic boom, Turin became Italy’s capital of the automotive industry and a magnet for intense migration from Southern Italy. In order to house a growing population, the Government inaugurated a “futuristic” and self-sufficient neighbourhood in 1961: Vallette. The architects’ involved, such as Isola and Gabetti, who soon became nationally and internationally famous, intended to design an estate that would encourage solidarity among a new and affluent community. Despite the positive premise, most of the public services (community centre, theatre, etc.) weren’t built and, due to a stigmatisation, the estate was soon labelled as Turin’s “ghetto”. In 2008 the Historical Documentation Centre (CDS), District 5 – City of Turin, in cooperation with several local groups, started a research project into Vallette’s neighbourhood history, which led to a number of publications, public debates and an exhibition. The Public History approach enables to discredit the stigma and to highlight that, despite its mistakes, the neighbourhood represents a remarkable example of Italian public architecture. The cultural activities attracted new external partners and spread a new awareness amongst the community, which increased the involvement in activities aimed to preserve and regenerate Vallette. Since 2014, Polytechnic University of Turin and the architects’ collective “Laboratorio ZIP”, working closely with both citizens and CDS, started new projects to remodel parts of the neighbourhood into open, publicly-owned spaces, in order to host cultural activities and strengthen community life. Our ambition is a wider regeneration of the whole estate, promoting activities to interpret and preserve the local heritage, in terms of tangible/intangible elements, for example buildings, stories, or inhabitants’ memories. The key question of our presentation is: Could the Public History stimulate new participation within the community and, in conjunction with external partners, reclaim a new future by re-shaping its past, despite the negative myths?

3. Edmondo Rossoni e Tresigallo: il restauro dell’architettura contemporanea. Filologia, recupero, variazione d’uso
Giuseppe Muroni (Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara), Davide Brugnatti (Architetto)
Presentazione -slide

Abstract
Tresigallo, in provincia di Ferrara, ha ricoperto un ruolo cardine in campo socio-economico ed urbanistico-architettonico nel periodo fra il Primo ed il Secondo Dopoguerra, soprattutto grazie alla figura di Edmondo Rossoni, che rivestì la carica di Ministro dell’Agricoltura e Foreste tra il 1935 e il 1939. Città di fondazione sui generis: sebbene sia tra le più grandi in termini di costruito è rimasta confinata ai margini della storiografia nazionale. Fra tutti i personaggi del Fascismo, Rossoni fu uno dei pochi (con Bottai, Grandi e Farinacci) ad avere un progetto politico preciso, in qualche modo autonomo, se non addirittura indipendente, da quello di Mussolini. Del gerarca tresigallese, però, non c’è ancora una biografia ufficiale e, a livello pubblico, la città di fondazione ferrarese ha risentito della mediaticità di quelle pontine. La storia della città e del suo fondatore, la riappropriazione di spazi urbani dismessi e il restauro scientifico delle architetture è stato un percorso complesso che ha coinvolto storici, architetti, restauratori, scrittori, curatori di mostre, attori ed ha rafforzato l’identità storico-culturale della comunità. Il panel si propone, quindi, di descrivere questo iter multidisciplinare da tre punti di vista: storico, architettonico e turistico, in modo tale da mettere in risalto come il processo scientifico di riscoperta della storia si sia tradotto nella riappropriazione di luoghi della città a lungo dimenticati e abbia avuto positive ricadute socio-economiche a livello locale, oltre ad aver attirato l’interesse di studiosi e di riviste specializzate. La prima relazione verte sulla complessità del progetto politico di Rossoni alla luce delle ultime ricerche compiute presso l’Archivio Centrale dello Stato: Tresigallo città corporativa e agro-industriale. La seconda si focalizza sul recupero dell’architettura razionalista, ovvero il restauro del moderno e il tema dell’uso: filologia, recupero, variazione d’uso. Il terzo contributo riguarda l’azione dell’associazione culturale Torri di Marmo impegnata sul territorio nella divulgazione storico-architettonica del paese, nella raccolta di fonti orali e nell’organizzazione di eventi concernenti la storia del ’900.

Abstract (english version)
Tresigallo, in the province of Ferrara, has played a pivotal role in the socio-economic and urban-architectural field in the period between the First and Second World War, particularly thanks to Edmondo Rossoni, who had the position of Minister of Agriculture and Forests between 1935 and 1939. This sui generis New-Town, although being one of the biggest at the time, has remained on the margins of national historiography. Among all characters of Fascism, Rossoni was one of the few (along with Bottai, Grandi and Farinacci) who had a clear political project, somehow autonomous, even independent, from Mussolini’s. However, there is still no official biography of the hierarch from Tresigallo; at the public level, this New-Town was affected by the mediatic phenomenon represented by the Pontine cities. The history of Tresigallo and its founder, the re-appropriation of abandoned urban spaces and the scientific restoration of the architectures have constituted a complex operation that has involved historians, architects, restorers, writers, curators and actors, while strengthening the historical and cultural identity of the community. The panel, therefore, aims to describe this multidisciplinary process from the historical, architectural and touristic perspectives. At the same time, it intends to highlight how the scientific process of the rediscovery of Tresigallo’s history has been translated into the re-appropriation of long forgotten places, has had a positive socio-economic impact at the local level, and has attracted the interest of scholars and specialised magazines. The first speech shall address the complexity of Rossoni’s political project in the light of the latest researches that were carried out at the Central Archives of the State: Tresigallo corporate and agro-industrial town. The second one will focus on the conservation of rationalist architecture, or the restoration of the Modern and its re-use: philology, recovery, change of use. The third speech will concern the contribution of the cultural association “Torri di Marmo”, which is committed to several aspects on the territory: the historical and architectural promotion of the town, the collection of oral sources and the organisation of events relating to the history of the 20th century.