Panel Ravenna AIPH-41

Abstract e documentazione del Panel

Venerdì 9 Giugno | h. 16.15-17.45 | Palazzo Corradini, Aula Tumidei [Galleria fotografica]

AIPH-41 Turismo culturale
Coordinatore Stefano Pivato (Università di Urbino)

  1. Aldo Di Russo (Unicity SpA), Museo narrante “Il mondo di Federico II” 
  2. Chiara Lebole (Università di Torino), Giorgio Di Gangi (Università di Torino), Il Progetto Orgères (La Thuile, Aosta) 
  3. Elisabetta Marchetti, Fiorella Dallari (Università di Bologna), Enrique Matarredona (Università di Bournemouth), Turismo culturale e devozionale tra pellegrinaggi e patrimonio culturale 
  4. Elisa Tizzoni (Università di Firenze), L’offerta turistica legata alla Grande Guerra nell’area di Trento

2. Il Progetto Orgères (La Thuile, Aosta)
Chiara Lebole (Università di Torino), Giorgio Di Gangi (Università di Torino)

Abstract
 Nel 2014, nel Comune di La Thuile (AO) a ridosso del Piccolo San Bernardo e del confine francese, sono iniziati gli scavi ad Orgères (tardoantico-età moderna). Il Progetto Orgères è stato finanziato grazie all’impegno del Comune di La Thuile e con autofinanziamento sia tramite un Crowndfunding – con una notevole azione pubblicitaria (giornali “La Stampa” e locali, TV, utilizzo delle nuove tecnologie con una pagina facebook) – sia con la vendita di gadgets dedicati al progetto (maglie, bracciali, penne). In queste operazioni sono stati coinvolti i negozi e le ditte presenti sul territorio, per implementare i canali di autofinanziamento. Inoltre, è stato realizzato un “marchio di Prodotto” per la vendita di prodotti caseari locali, in virtù delle evidenze di scavo. L’attività di archeologia pubblica è supportata dal rigore scientifico garantito da tutti i dipartimenti dell’Università di Torino coinvolti nel progetto e dalla collaborazione con la Soprintendenza RAVdA, il Comune di La Thuile e con il Consorzio per il Turismo. La divulgazione è stata uno degli obiettivi del lavoro. A tal fine sono state svolte conferenze per residenti e turisti, gli scavi sono stati aperti al pubblico, i bambini hanno partecipato a laboratori, sul campo o in museo, concernenti attività di scavo. Inoltre, si sono svolte delle giornate di archeologia sperimentale sia con laboratori sulla produzione della ceramica e la riduzione del ferro sia con laboratori di geologia e di botanica per la conoscenza del territorio. In accordo con il Consorzio del Turismo, abbiamo proposto – ad un pubblico ampio ed eterogeneo – percorsi tematici, stimolando una particolare attenzione al concetto di “paesaggio culturale” inteso non già come “natura incontaminata” ma “prodotto di secolari pratiche di gestione dello spazio rurale (U. Moscatelli)”.

Abstract (english version)
In 2014, in the municipality of La Thuile (AO) near the Piccolo San Bernardo and the French border, began the digs at Orgères (late roman-modern age). The Project Orgères was funded by the efforts of the municipality of La Thuile and by way of self-financing with a Crowndfunding – with a significant advertising campaign (national newspaper “La Stampa” and some local newspapers, TV, use of new technologies like a Facebook page) – both with the sale of gadgets devoted to the project (T-shirts, bracelets, pens). In these actions we were involved shops and companies in the area, to implement the fundraising streams. Furthermore, it has been realized a “Product brand” for the sale of local dairy products, by virtue of the excavation evidence. The public archeology activity is supported by scientific quality thank at the collaboration with all departments of the University of Torino involved in the project and with the Superintendence RAVdA, the municipality of La Thuile and the Tourist Consortium. The disclosure was one of the aims of research. For this purpose were conducted lectures for residents and tourists, the excavations have been opened to the public, the children participated in workshops, in the field or in the museum, concerning archaeological activities. Furthermore, there were working days devoted to experimental archaeology both with workshops on the production of ceramics and iron reduction both with geology and botany laboratories for the local knowledge. In agreement with the Tourist Consortium, we have proposed – to a wide and diverse audience – thematic tours, stimulating particular attention to the concept of “cultural landscape” is understood not as ““natura incontaminata” but “prodotto di secolari pratiche di gestione dello spazio rurale (U. Moscatelli)”.

3. Turismo culturale e devozionale tra pellegrinaggi e patrimonio culturale
Elisabetta Marchetti, Fiorella Dallari (Università di Bologna), Enrique Matarredona (Università di Bournemouth)

Abstract
La conoscenza storica e la sua pratica trovano nel viaggio e nel pellegrinaggio – e in concreto in quello culturale, sacro e devozionale – un fecondo ambito di incontro tra discipline e prospettive concomitanti quali quelle storiche, religiose, geografiche, culturali, turistiche e sociologiche. Considerando dunque il ruolo centrale del viaggio e dell’esperienza di libertà e pensiero –particolarmente legati e connessi nella società contemporanea– la presente ricerca si inserisce nelle tematiche e nelle pratiche del turismo religioso quale settore emergente all’interno del più generale quadro del turismo culturale. Partendo dagli studi e dalle concrete iniziative sorte intorno ai Cammini di Santiago di Compostela, Via Francigena e Vie Romee -specie nel tratto germanico- si evidenzierà come il turismo religioso contribuisca in maniera significativa alla conoscenza storica, alla coscienza identitaria, come anche alla conservazione e tutela di un ingente patrimonio culturale. Una corretta integrazione di itinerari religiosi, patrimonio, cultura e turismo può inoltre convertirsi, in motore importante di sviluppo sostenibile con beneficio alle comunità di questi territori oltre a preservare valori identitari presenti nella memoria collettiva senza perdere di vista la componente universalistica apportata da pellegrini e turisti. Il contributo, partendo da casi concreti, intende quindi affrontare aspetti basilari quali: una analisi del concetto di turismo culturale in generale e di turismo religioso-devozionale in particolare dentro la concezione di sviluppo sostenibile; riflettere sulle nuove forme di pellegrinaggio e pellegrino (e-pilgrim); esplorare come il turismo religioso, in concreto i principali cammini, siano non solo promotori del patrimonio culturale, ma siano anche responsabili -come dimostrano le recenti riflessioni ed iniziative sviluppatesi e concretatesi in ambito internazionale (UNESCO)- promotori di un superamento della dicotomia tra patrimonio materiale e patrimonio immateriale.

Abstract (english version)
Historical knowledge and its practice are in the travel and in the pilgrimage -specifically in the cultural, sacred and devotional one – a fertile field between discipline and concomitant prospects such as historical, religious, geographical, cultural, tourist and sociological. Therefore, considering the central role of the travel and the experience of freedom and thought – particularly attached and connected in contemporary society – this research fits in the themes and practice of religious tourism as an emerging sector within the broader framework of cultural tourism. Starting from the studies and concrete initiatives risen around Routes of Santiago de Compostela, the Via Francigena and Vie Romee -specially in the Germanic section- will highlight how religious tourism contributes significantly to historical knowledge, consciousness of identity, as well as the conservation and protection of a significant cultural heritage. Proper integration of religious tours, heritage, culture and tourism can also be converted, in a major driver of sustainable development to the benefit of these territories to the community in addition to preserving identity values ​​present in the collective memory without losing sight of the universal component brought by pilgrims and tourists. The contribution, starting from concrete cases, therefore intends to deal with such basic aspects as: an analysis of the concept of cultural tourism, in general, and in particular, religious and devotional tourism into the sustainable development concept; reflect on new forms of pilgrimage and Pilgrim (e-pilgrim); explore how religious tourism, specifically the main roads, are not only promoters of cultural heritage, but are also responsible of an overcoming of the dichotomy between tangible and intangible heritage, as the recent reflections and initiatives have been developed and have been specified at an international level (UNESCO).

4. L’offerta turistica legata alla Grande Guerra nell’area di Trento
Elisa Tizzoni (Università di Firenze)

Abstract
Negli ultimi anni si è assistito alla diffusione di un turismo di tipo culturale-esperienziale basato sul recupero e la valorizzazione della memoria della Grande Guerra, proponendo ai visitatori percorsi nei quale ricostruzione storica, divulgazione e scoperta del territorio si fondono con modalità variabili. La ricorrenza del Centenario del conflitto, in particolare, oltre a incentivare ulteriormente la visita in quelli che sono stati definiti “landscapes of war heritage” (Jansen-Verbeke e George 2012) ha stimolato la riflessione di storici ed esperti di discipline economico-sociali attorno alle caratteristiche del turismo nei luoghi della Grande guerra. Nel contributo proposto, esamineremo l’offerta turistica legata alla Grande Guerra nell’area della Provincia autonoma di Trento mediante una desk research alla quale sarà affiancata un’indagine sul campo, focalizzandoci sugli aspetti connessi al carattere “dissonante” della memoria del conflitto in Trentino, all’epoca diviso tra il senso di appartenenza all’Impero e le spinte irredentiste; sullo spazio riservato alla narrazione storica, comprendente anche la ricostruzione delle tragedie vissute da civili e militari, all’interno dei contenuti turistici;  sul rapporto tra marketing territoriale e attività di ricerca condotta da Università e altre istituzioni culturali. Dal punto di vista della domanda, cercheremo di indagare la percezione manifestata dal turista nei confronti dei paesaggi della grande guerra trentini, esaminando dati statistici riferiti a survey e rilevazioni periodiche, contenuti condivisi su social networks, articoli di giornale. Il contributo si propone dunque di individuare alcune linee interpretative generali che descrivano il fenomeno del turismo nei luoghi della Grande Guerra in Trentino, anche attraverso comparazioni internazionali che consentano di individuare le eventuali specificità proprie di questo territorio.

Abstract (english version)
Recently a cultural and experiential tourism based on conservation and enhancement of the remembrance of Great war has been fostered, thus offering a various blend of historical reconstruction, divulgation, destination discovery. As the Centenary of Great war outbreak approached, the visit to so-called “landscapes of war heritage” (Jansen-Verbeke e George 2012) has been further enhanced, as well as the debate about the features of war tourism among scholars in history and social sciences. Hence, this paper will deal with the tourism supply linked to Great war heritage in the autonomous Province of Trento (Northern Italy), basing on both desk and field research and focusing on aspects as the “dissonant” memory of the conflict, given that Trentino was divided between loyalty to Austro-Hungarian Empire and the cause of “irredentismo”; the place accorded to historical narration (including the reconstruction of losses and suffering by civilians and soldiers) into the tourism supply; the relationship between territorial marketing and research activities carried on by Universities and other cultural Institutions. From the point of view of tourism demand, the contribution will dwell into the perception of Great war landscapes by tourists, taking into consideration statistical data gathered from annual surveys and contents displayed in some of the most important social networks and newspapers. The aims of this paper is thus to find some keys to interpreting the Great war heritage tourism in Trentino, also assessing the basic outlines of this area by international comparison.