Panel Ravenna AIPH-42

Abstract e documentazione del Panel

Mercoledì 7 Giugno | h. 10.15-11.45 | Palazzo Corradini, Aula 2 [Galleria fotografica]

AIPH-42 Archeologia di comunità
Coordinatore Marco Milanese (Università di Sassari)

  1. Chiara Marcotulli (Università di Firenze), Elisa Pruno (Università di Firenze), #Archeosharing: le storie di tutti 
  2. Mattia Sanna Montanelli (Archeologo), Dall’ex cathedra al crowdsourcing 
  3. Enrico Zanini (Università di Siena), Elisabetta Giorgi (Università di Siena), Dieci anni di archeologia pubblica, condivisa e sostenibile a Vignale: bilancio e questioni aperte 
  4. Gilda Zazzara (Università di Venezia), Passeggiate (post)industriali: esperienze sul campo 
  5. Massimiliano David (Università di Bologna), Maria Stella Graziano, Cristina Pappalardo (Università di Pisa), Un progetto di archeologia pubblica per l’infanzia a Ostia

Archeologia di comunità

1. #Archeosharing: le storie di tutti
Chiara Marcotulli (Università di Firenze), Elisa Pruno (Università di Firenze)

Abstract
Archeosharing è un progetto presentato nel 2015 per il bando ″Che Fare3″ che intende promuovere,  attraverso la creazione di percorsi culturali condivisi, l’inclusione sociale delle comunità straniere residenti in territorio italiano. I Beni Culturali, infatti, costuiscono uno strumento potente di inclusione sociale e possono divenire la chiave per la reciproca conoscenza. Punto nodale del processo è che il background culturale di ciascuno sia fondamentale per creare conoscenze utili alla definizione di nuove identità, attraverso il racconto partecipato della Storia. Il progetto, in fase di avvio, privilegia un approccio multidisciplinare con la costituzione di una rete di partner tra archeologi, storici e storici dell’arte e associazioni e istituzioni che si occupano di integrazione linguistica e culturale. L’archeologia è alla base di Archeosharing perché privilegia gli aspetti materiali della cultura, riducendo la distanza tra paesi con tradizioni storiografiche diverse; consente di focalizzare il discorso sulle tradizioni (utilizzo e produzione di oggetti di uso comune, non necessariamente opere d’arte) e sui fenomeni di lunga durata ; permette inoltre di condurre esperienze interattive (tour, laboratori, living history, sensorialità). La metodologia si fonda sull’Archeologia Pubblica, una disciplina che ricerca e, su base scientifica, promuove il rapporto inclusivo tra archeologia e società civile mettendo in atto pratiche per la creazione di un tessuto connettivo con le comunità locali, regionali o nazionali. Archeosharing, ideato da archeologi medievisti, esemplifica come il Medioevo rappresenti il periodo di formazione di molte identità culturali e nazionali europee; gli effetti di alcune dinamiche storiche medievali sono ancora presenti nel paesaggio italiano (popolamento, urbanizzazione, vocazioni produttive), mentre il discorso sulle cronologie più antiche (a scala mediterranea) si appiattirebbe sui caratteri (in parte imposti) romano-imperiali.

Abstract (english version)
Archeosharing is a project presented in 2015  “Che Fare3” selection which aims to promote, through the creation of shared cultural path, the social inclusion of the foreign community residing in Italy. The Cultural Heritage, in fact, constitute a powerful instrument of social inclusion and can become the key to mutual understanding. A nodal point of the process is that the cultural background of each is critical to create knowledge for the definition of new identities, through the shared history telling. The project, being started, favors a multidisciplinary approach with the establishment of a network of partners including archaeologists, historians and art historians and associations and institutions that deal with linguistic and cultural integration. Archaeology is the basis for Archeosharing because it privileges the material aspects of culture, reducing the gap between countries with different historiographical traditions; It allows us to focus the discussion on traditions (use and production of everyday objects, not necessarily works of art) and the long-term phenomena; also it allows us to conduct interactive experiences (tours, workshops, living history, senses). The methodology is based on Public Archaeology, a discipline that searches and, on science-based method, promotes the relationship between archeology and civil society by implementing practices for creating a connective tissue with local communities, regional or national. Archeosharing, designed by medievalists archaeologists, it exemplifies how the Middle Ages represents the period of formation of many European cultural and national identities; the effects of some medieval historical dynamics are still present in the Italian and European landscape (population, urbanization, productive vocations), while the discussion on the oldest chronologies (at Mediterranean scale) will flatten on the characters (in part imposed) Roman imperial.

2. Dall’ex cathedra al crowdsourcing
Mattia Sanna Montanelli (Archeologo)

Abstract
I tradizionali moduli comunicativi dell’archeologia, connotati da una prassi discorsiva percepita spesso come autoreferenziale (quando non ‘iniziatica’), ha dato luogo anche in Sardegna ad una diffusa tendenza a distinguere tra una c.d. ‘archeologia ufficiale’ (intesa come generico contenitore di pratiche e soggetti istituzionalmente accreditati etc.) e un’archeologia, per così dire, ‘amatoriale’. L’artificiosa distanza tra ‘due archeologie’, sempre meno ignorata da chi orbita nell’ambito della prima e avvertita principalmente da chi se ne sente estromesso, appare viepiù acuita laddove, in contesti di diffuso malcontento sociale, diviene facile strumento per chi cerca di coagulare consenso politico, talvolta facendo leva, come in Sardegna, su capziose retroproiezioni di un’identità di gruppo in mitiche età dell’oro, contro chi, ex cathedra, ne minaccerebbe l’affermazione nel presente. Nonostante pratiche di ‘ricucitura’ siano già da tempo in atto nell’ambito della c.d. ‘archeologia ufficiale’, specie attraverso un uso più consapevole dei social media, le esperienze partecipative volte a facilitare il dialogo sulle tematiche archeologiche appaiono ancora limitate. Il superamento della ricerca della ‘verità assoluta’, a favore di una ‘verità processuale’, passa necessariamente per quelle dinamiche di crowdsourcing che, attraverso regole di ingaggio e codici di comportamento preordinati, determinino la misura della data quality in entrata ma anche in uscita (open data), mostrandosi aperto alle legittime istanze delle comunità del presente.

Abstract (english version)
Traditional paradigms in archaeological communication, connoted by a sintax perceived as inwardlooking (or ‘for initiates’), also in Sardinia produced a common tendency to distinguish between a so called ‘official archaeology’ (meaning a generic space for practices and experts accredited by institutions) and an ‘amateur’ one. Artificial distance between ‘two archaeology’, always less ignored by who gravitates around the first one, perceived mainly by who feels himself excluded by this arguments, seems to grow in social discontent contexts, where could be used, as in Sardinia, for political purposes, generating a retro-projection of a false collective identity of a mythical “golden age” of the past. Although some good practice were realized  in ‘official archaeology’, especially in social media communication, participative experiences that aim to make easier the dialogue about archaeological themes is still limited. The passing of research on ‘real truth’, in favor of research of a ‘processual truth’, needs for crowdsourcing, the use of shared ‘engagement rules’ and codes of conduct, measuring the data quality, inbound and also outbound data (open data), opened to request of contemporary communities.

3. Dieci anni di archeologia pubblica, condivisa e sostenibile a Vignale: bilancio e questioni aperte
Enrico Zanini (Università di Siena), Elisabetta Giorgi (Università di Siena)
-Slide intervento (pdf)

Abstract
Il paper si propone di fare un bilancio critico di un decennio di archeologia pubblica sul sito archeologico di Vignale. Nato come un tradizionale progetto di conoscenza archeologica, lo scavo di Vignale si è progressivamente trasformato in un progetto di archeologia pubblica, condivisa con la comunità locale fin dalle fasi della progettazione. Il cantiere di scavo è concepito come uno scenario all’interno del quale, in forme diverse, interagiscono i diversi soggetti portatori di interesse: gli archeologi, le associazioni culturali del territorio, le scuole, il sistema economico e imprenditoriale locale, la pubblica amministrazione. Le esigenze della conoscenza e della tutela sono armonizzate con quelle della valorizzazione, intesa come conferimento al patrimonio culturale di un concreto valore collettivo, soprattutto in termini di creazione di una identità locale condivisa. Uno scavo e un progetto aperti alla partecipazione e alla collaborazione attiva di tutti, che ha prodotto risultati di grande rilievo sia sul piano della conoscenza specifica, sia su quello della conoscenza diffusa, sia su quello della sostenibilità nel tempo, attraverso la costruzione di un modello di gestione economica modulare e scalabile, quindi teoricamente riproducibile in altri contesti specifici. Molte questioni rimangono ovviamente aperte: prima fra tutte quella della sostenibilità nel tempo delle figure professionali che in questo progetto si sono costruite e che possono rappresentare una risposta concreta alla crisi occupazionale in archeologia.

Abstract (english version)
The paper aims to make a critical assessment of a decade of public archeology on Vignale archaeological site. Born as a “traditional” archaeological project, the excavation at Vignale gradually turned into a project of public archeology, shared with the local community right from the design stage. The excavation site is conceived as a scenario where many stakeholders (archaeologists, local cultural associations, schools, local economic system, public administration) can interact in many different ways. The needs of the knowledge and protection are harmonized with those of exploitation, the last being intended as the attribution to the cultural heritage of a concrete collective value, especially in terms of shared local identity. Vignale qualifies to be a project open to the participation and the active collaboration of everybody, and this produced very important results in at least three different fields: specialized archaeological knowledge, shared knowledge, and sustainability, through the creation of an small “economic”  model that seems to work fine. Being this model simple, modular and scalable, it should be theoretically reproducible in other specific contexts. Many questions remain obviously open: first of all the long-term sustainability of the professionals engaged in the project. This is a really hard theme, but, in perspective, the “Vignale model” could be one practical response to the employment crisis in archeology.

4. Passeggiate (post)industriali: esperienze sul campo
Gilda Zazzara (Università di Venezia)

Abstract
Lo storico del lavoro industriale novecentesco è sempre più sollecitato a integrare nella sua analisi e nella sua attività didattica il tema del declino industriale e della memoria del lavoro in un contesto di deindustrializzazione. Negli ultimi quindici anni gli studi internazionali sulla deindustrializzazione (in particolare nordamericani) hanno messo a disposizione nuovi strumenti concettuali, che fanno ampio ricorso all’antropologia urbana e del paesaggio, alla storia orale e alla public history. Nel frattempo è andato crescendo un interesse delle comunità locali per le proprie periferie industriali, che si è tradotto nell’organizzazione, da parte di associazioni e gruppi di cittadini, di “passeggiate” alla scoperta di fabbriche dismesse. Quale ruolo può avere lo storico del lavoro in queste proposte di turismo (post) industriale? Sulla base di esperienze dirette condotte nel contesto dell’area industriale di Porto Marghera (Venezia) l’intervento si propone di riflettere sul possibile contributo degli storici a questo tipo di iniziative. Tra le sfide che si pongono allo storico del lavoro vi è quella di interpretare il paesaggio deindustrializzato oltre la contemplazione architettonica o la mera estetizzazione delle rovine, definita “ruin porn” (cfr. Cowie-Heatcott, Beyond the Ruins. The Meanings of Deindustrialization, 2003; High, Beyond Aestetics: Visibility and Invisibility in the Aftermath of Deindustrialization, 2013; Strangleman, “Smokestack Nostalgia”, “Ruin Porn”, or Working Class Obituary: The Role and Meaning of Deindustrial Representation, 2013). Per farlo, lo storico dovrebbe riuscire a integrare nella narrazione l’esperienza e la memoria del lavoro, contribuendo a una maggiore consapevolezza del significato dell’eredità industriale nel segnare l’identità collettiva e il paesaggio urbano.

Abstract (english version)
The historian of labour in the Twentieth century is more and more solicited to integrate in his analysis and teaching activity the subject of the industrial decline and the memory of work in a
context of deindustrialization. In the last Fifteen years, the international studies on the deindustrialization (in particular North Americans), offered new conceptual tools, largely based on urban/landscape anthropology, oral history and public history. Meanwhile the interest of the local communities toward their industrial peripheries increased meaningfully, and associations and groups of simple citizens organised public walks across the dismantled factories. What role could the labour historian play in this offer of (post) industrial tourism? On the basis of experiences done in the context on the industrial area of Porto Marghera (Venezia), the speech aims to reflect on the possible contribution of the historians to this kind of initiatives. One of their challenges is to foster the interpretation of the deindustrialized landscapes beyond the contemplation of the architecture or the bare “aestheticization” of the ruins, also defined as “ruin porn” (see Cowie-Heatcott, Beyond the Ruins. The Meanings of Deindustrialization, 2003; High, Beyond Aestetics: Visibility and Invisibility in the Aftermath of Deindustrialization, 2013; Strangleman, “Smokestack Nostalgia”, “Ruin Porn”, or Working Class Obituary: The Role and Meaning of Deindustrial Representation, 2013). The historians should make a positive contribution including the social history and memory of work into these narratives. In so doing, they would encourage a better consciousness of the industrial heritage and the mark of labour on the collective identities and urban landscapes.

5. Un progetto di archeologia pubblica per l’infanzia a Ostia
Massimiliano David (Università di Bologna), Maria Stella Graziano, Cristina Pappalardo (Università di Pisa)

Abstract
Negli ultimi anni si è particolarmente sviluppata nel pubblico italiano la necessità di elaborare nuovi modi di fruizione del bene culturale indirizzato ad ogni fascia di età. Vengono sempre più spesso proposti, soprattutto per il pubblico più giovane, metodi di apprendimento interattivi, che prediligono la sperimentazione e le attività pratiche. Sono così sorti laboratori dedicati che permettono di avvicinare i più giovani ai materiali e alle tecniche di produzione in uso in ogni periodo storico, ampliando le capacità personali di ragionamento, manualità e creatività. D’altra parte la sperimentazione è un tema che interessa sia il pubblico non specialista sia il mondo della ricerca storica. L’archeologia sperimentale negli ultimi anni ha assunto un ruolo fondamentale in molti campi della ricerca e spesso riesce nel compito di mettere alla prova la solidità delle interpretazioni storiche. Il progetto API (Archeologia per l’Infanzia), patrocinato dall’associazione Nuovi Scariolanti, ha lo scopo di diffondere tra i bambini la conoscenza della realtà territoriale di Ostia, attraverso il loro coinvolgimento in attività ludico-pratiche. Nuovi Scariolanti per lo Sviluppo delle Scienze Archeologiche (ANSARC) è un’associazione senza scopo di lucro, che intende promuovere la ricerca archeologica in Italia ed in particolare nel territorio costiero di Roma. Il nome è ispirato dagli scariolanti romagnoli che alla fine dell’800 bonificarono il territorio tra Roma e il mare strappando le terre alla palude e rendendole salubri. Tali lavori rappresentarono la premessa indispensabile per la riscoperta di Ostia romana, un patrimonio archeologico dell’umanità riportato alla luce con il lavoro di più di due secoli e divenuto uno dei più importanti parchi archeologici nel panorama mondiale. Il progetto API si avvale di metodi pratici di divulgazione culturale creando laboratori sperimentali che permettono di far incontrare l’infanzia con la realtà archeologica di un sito straordinario. La città si configura infatti come un luogo ideale per la comunicazione archeologica. L’associazione Nuovi Scariolanti è in stretta relazione con le associazioni culturali e i comitati cittadini del territorio e organizza eventi di promozione culturale e attività pratiche che permettono di sensibilizzare il pubblico su queste tematiche. La creazione di laboratori didattici per bambini permette di coinvolgere le famiglie e quindi anche il pubblico meno giovane e di creare momenti di conoscenza e di confronto storico tra pubblico e specialisti del settore. Un altro scopo del progetto è anche quello di essere di supporto alla didattica scolastica e di “interrogare” il pubblico giovane attraverso la creazione di questionari e disegni che permettano di comprendere qual è la percezione del parco archeologico da parte dei bambini e come si sviluppa la loro relazione identitaria con la storia e i monumenti ostiensi. Questi supporti alla didattica permetteranno inoltre di creare attività più incisive e di costruire una banca dati per futuri progetti di valorizzazione partecipata.

Abstract (english version)
In the last years Italian people have expressed a growing need of new ways of enjoying the cultural heritage in each age group. Interactive learning methods with firsthand experimentations through practical activities are increasingly being proposed, especially for the younger audience. This is the reason why laboratories aiming to approach younger people to materials and production techniques of every historical period have been created, in order to increase children’s skills and creativity. Furthermore, firsthand experimentation is a topic that interests both non-specialists and scholars. In recent years experimental archeology has assumed a key role in many fields of research, often succeeding in the attempt to test the strength of historical interpretations. The API Project (Archeologia per l’infanzia, Archaeology for Children), supported by the “Associazione Nuovi Scariolanti”, aims at spreading among the children, through practical activities, the consciousness of the territorial context of Ostia. The “Nuovi Scariolanti per lo Sviluppo delle Scienze Archeologiche” (ANSARC) is a non-profit organization which aims at promoting archaeological research in Italy and particularly in the coastal territory of Latium near Rome. The name is inspired by the “Scariolanti Romagnoli” that at the end of XIX century reclaimed the marshland territory between Rome and the sea, making healthy the land. These activities were decisive for the first rediscovery of Roman Ostia, that so became one of the most important archaeological sites in the world. The API project makes use of practical methods of cultural divulgation by creating archaeological activities for children, with the purpose of making known the extraordinary site of Ostia. The “Associazione Nuovi Scariolanti” has also established very close relations with local cultural associations and citizens committees by organizing promotion events and cultural activities, which allow to increase public awareness on those topics. The organization of children’s educational workshops allows to involve families and older audience, by creating moments of knowledge and historical comparison between public and scholars. Among the other tasks of the project are the support to school education and the statistical survey of young audience through questionnaires that allow to understand what is the perception of the archaeological site and the relationship with the history and monuments of Ostia. These supports to teaching activities will also allow to create a database for future projects of shared development.