Panel Ravenna AIPH-43

Abstract e documentazione del Panel

Venerdì 9 Giugno | h. 08.30-10.00 | Palazzo Corradini, Aula 4 [Galleria fotografica]

AIPH-43 Musei di storia, temi e promotori
Coordinatore Daniele Jalla (ICOM Italia)

  1. Simona Casonato (Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, Milano), Vita di laboratorio. Costruire una narrazione storica partecipata intorno ad un oggetto museale 
  2. Federica Di Padova (Università degli Studi di Trieste e Udine), I musei della Shoah in Italia tra uso pubblico della storia e Public History 
  3. Marta Gara (Associazione PopHistory), Musei di impresa e public history: tre casi milanesi 
  4. Raffaele Savigni (Università di Bologna), La storia nei musei, nelle mostre e nei percorsi espositivi

1. Vita di laboratorio. Costruire una narrazione storica partecipata intorno ad un oggetto museale
Simona Casonato (Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, Milano)

Abstract
Il Museo possiede una collezione di 16.000 oggetti, dall’Ottocento ad oggi: modelli leonardeschi, strumenti scientifici,  reperti industriali, mezzi di trasporto e comunicazione, opere d’arte.  È una risorsa storica preziosa per gli esperti, ma anche per i 400.000 visitatori che frequentano ogni anno i suoi 20.000mq di aree espositive. Il caso di studio presentato offre un esempio di come un museo di area scientifica possa interpretare il ruolo dei musei nella costruzione di narrazioni storiche al di fuori dell’accademia. Nel 2016 il Museo ha inaugurato Extreme, un’area permanente dedicata alla fisica delle particelle. È stata l’occasione per recuperare un oggetto di grande interesse: un acceleratore Cockcroft-Walton del 1950, utilizzato nel primo laboratorio di fisica nucleare nato in Italia nel dopoguerra, il CISE (Centro Informazioni Studi Esperienze). Acquisito dal Museo nel 1965, l’acceleratore era custodito in deposito smontato, e doveva essere restaurato. Intorno all’operazione è stato organizzato un piano di documentazione audiovisiva e storia orale,  in vista sia della costruzione di un archivio di memorie sull’oggetto, sia della successiva esposizione.
Di grande importanza è stato il coinvolgimento di una pluralità di soggetti: curatori, restauratori, storici dell’Università degli Studi di Milano, l’associazione di ex-dipendenti del CISE e due registi documentaristi. Combinando storia orale e cinema, abbiamo filmato non solo interviste, ma anche le dinamiche in atto tra curatori,  restauratori e  testimoni, mentre studiavano e ricostruivano l’oggetto per l’esposizione, sia fisicamente che storicamente. Intorno alle discussioni sulla corretta configurazione della macchina è emersa la memoria del mestiere di fisico nucleare e una parte dimenticata della storia della disciplina in Italia, tassello importante del successivo sviluppo delle politiche energetiche e scientifiche del paese. Il coinvolgimento di registi professionisti ha permesso di avere a disposizione prodotti audiovisivi di qualità per l’esposizione, aggiungendo spessore storico al percorso di visita, originariamente imperniato sugli aspetti tecnologici e scientifici. Grazie ad uno di loro, Francesco Clerici, la storia approderà nel 2017 anche sul grande schermo, aggiungendo un ulteriore fronte di dialogo con un pubblico allargato.

Abstract (english version)
A participatory historiography around the restoration of a museum object and of its memory: the case of the Cockcroft-Walton accelerator at the Science Museum of Milan. The Museum holds a collection of 16.000 objects dating from 1800s until today: Leonardo da Vinci’s models, science instruments, industrial heritage, transport and communication means, works of art. It is a precious source for experts, but also for the 400.000 people who each year visit the Museum’s 20.000 m2 of exhibitions. This case study aims to show how a science museum can engage itself in building historiography outside the academic environment. In 2016 the Museum opened Extreme, a permanent exhibition about particle physics. This was the occasion to enhance a main object in the collections: a 1950s Cockcroft-Walton accelerator, which was used in the first nuclear physics laboratory created after the WWII in Italy, the CISE (Center for Information, Studies and Experiences). Acquired by the Museum in 1965, the accelerator had been stored for years and needed to be cleaned and remounted. We organized an audiovisual documentation and oral history project about the operation, in order both to implement the Museum’s archive and to build the new exhibition. The involvement of many different subjects was crucial: curators, restorers, historians from the University of Milan, the CISE former employee association and two documentary film directors. Combining oral history and cinema, we filmed some interviews but also we documented the dynamic occurred between all the involved subjects while they were studying and reconstructing the object for the exhibition, both physically and historically. While they were discussing the correct configuration of the machine, the memory of being an Italian nuclear physics in the 1950s emerged with strength, along with forgotten pieces of the history of the nuclear physics: an important element of the history of the Italian politics about energy and science research developed after that period. The involvement of professional filmmakers allowed the Museum to display high quality audiovisual products in the new gallery, originally organized in order to provide mainly science information. The videos added a new historical dimension to the visitor’s experience. Thanks to one of them, Francesco Clerici, in 2017 the story will be screened in theatres as a feature film, adding a further dimension to the dialogue with a large public.

2. I musei della Shoah in Italia tra uso pubblico della storia e Public History 
Federica Di Padova (Università degli Studi di Trieste e Udine)

Abstract
La progettazione di un museo dellashoahinveste problematiche legate alla storia, alla memoria e ai lorousi pubblici. Processi di questo genere fanno generalmente riemergere l’antico dibattitto attorno ai limiti della rappresentabilità dell’olocausto. IlMuseo Nazionale dell’Ebraismo e della Shoah di Ferrara, inaugurato parzialmente del 2011, è il primo museo nazionale italiano dedicato allashoah, frutto del lavoro congiunto di enti locali e nazionali. Nel 2005, dopo un lungo e articolato dibattito pubblico, una parte dei terreni diVilla Torlonia, residenza romana di Benito Mussolini, viene destinata alla costruzione di quello che avrebbedovuto essere il primo museo nazionale dell’olocausto in Italia ma che tuttora è in fase progettuale. Il percorso che ha portato all’ideazione di questi musei ha acceso un vivace dibattito pubblico, che ha fatto emergere numerose conflittualità, rappresentative del lento e complesso processo di metabolizzazione dellashoahnella cultura italiana. Attraverso una rassegna dei “luoghi delle memoria”, dei musei nazionali elocali dedicati a questo tema è possibile indagare l’uso che è stato fatto dellashoahnello ”spazio pubblico”.Illustrerò poi i tentativi avvenuti dipublic historyin questo ambito, ovvero progettazioni di siti museali in cui i visitatori, attraverso adeguati percorsi e la mediazione deipublic historians, facciano della memoria un esercizio attivo di coscienza e cittadinanza, al contempo collettivo ed individuale. Dunque mi focalizzerò su singoli casi, mostre o percorsi espositivi dedicati a questo tema, che si ritiene possano aver utilizzato linguaggi, strumenti e tecniche innovative. In questi casi è fondamentale stigmatizzare rischi e limiti di queste operazioni quando non sono suffragate da una solida base storica, storiografica e di ricerca. Tra gli altri si analizzeranno i seguenti casi:Museo regionale della Memoria e della Pace– Centro Studi “Giovanni”Palatucci (2008, Campagna, Salerno), ilMuseo e Centro di Documentazione della Deportazione e Resistenza(2007, Prato) eBinario 21- Memoriale della Shoah di Milano.

Abstract (english version)
The design of a Shoah museum concerns issues related to history, memory and to their public uses. Generally this kind of problems are also connected with traditional themes concerning the big debate around the limits of holocaust representation. The “National Museum of Judaism and the Shoah” of Ferrara, opened in 2011, is the first Italian national museum dedicated to the holocaust. This museum is an important result achieved through the coordination of local and national governments. In 2005 after a long, complex public debate, it was decided that a section of Villa Torlonia, the Roman residence of Benito Mussolini, should have been the first Italian national Shoah museum. However this site is still a work in progress. The process leading to the creation of these sites has given rise to much debate that well shows how lengthy and tiresome is for the Italian culture to metabolize the Shoah. My first aim is to investigate publicuses of the Shoah in Italy by means of a review of the “places of memory”, national and local museums dedicated to that topic. My second purpose is to show experiments of public history, namely museums designed with the help of high-technology and interactive exhibits, in which, thanks to public historians, visitors can be assertive players. In this way “Memory of the Shoah” should become an individual and collective exercise at the same time. I will focus more on small local museums and exhibitions to stigmatize risks and limits of this kind of operations when they are not supported by historical researches and historiography . Among others, the following cases will be analyzed: the Regional Museum of Memory and Peace – “Giovanni Centro Studi” Palatucci (2008, Campagna, Salerno), and the Museum of Deportation and Resistance Documentation Centre (2007, Prato) and Binario 21 – Shoah Memorial in Milano (Milan).

3. Musei di impresa e public history: tre casi milanesi
Marta Gara (Associazione PopHistory) 

Abstract
L’intervento intende presentare tre casi italiani di musei e archivi storici d’impresa dell’area milanese analizzandone l’impatto sociale ed identitario sul territorio e la comunità locale, quali principi di azione cari alla public history. L’analisi parte da due assunti. Da una parte è ormai consolidato che i musei e gli archivi storici possono essere luoghi di esperienziabilità per il grande pubblico della storia aziendale, di percorsi di produzione, della storia di marchi, design e tecnologie. Dall’altra in Italia esiste una rete di musei e archivi aziendali quale Museimpresa che rappresenta cinquantacinque realtà su tutto il territorio nazionale secondo un modello pressoché unico in Europa. In aggiunta sono oltre un centinaio i musei d’impresa non associati, a riprova che il tessuto economico nazionale rappresenta un bacino dal forte potenziale di sviluppo anche per la progettazione storica e culturale. La letteratura ha tuttavia fino ad ora osservato l’efficacia di un tale sistema principalmente dal punto di vista mediatico e museologico, sottolineando le best practise in termini reputazionali per le aziende. Obiettivo dell’intervento è perciò spostare la valutazione sul rapporto creato dal museo o archivio storico aziendale con l’identità sociale del territorio, sul coinvolgimento della comunità di riferimento e i dipendenti dell’azienda. Per farlo verranno esaminati i tre esempi della Galleria Campari di Sesto San Giovanni, la Collezione Branca e la Fondazione Pirelli di Milano, scelti per i differenti modelli di valorizzazione dell’heritage aziendale finora percorsi: quello dell’esposizione concentrata sulla storia artistica di Campari, sulla storia aziendale e produttiva di Branca e sul potenziale dell’archivio storico in connessione con i dipartimenti interni per la Fondazione Pirelli. L’intervento prenderà in esame aspetti di forza e punti di debolezza delle tre esperienze secondo i principi della public history.

Abstract (english version)
The paper means to introduce three Italian cases of company museums and historical archives from Milan area to analyze the social and identitary impact over the territory and local communities, as the public history’s action values rule. The analysis starts from two items. On one hand it is consolidated that museums and historical archives can be places for common people to experience the company history, production paths, brand’s, design’s and technologies’ history. On the other hand in Italy exists a network of company museums and archives called Museimpresa, which represents fiftyfive realities over the whole national territory. Museimpresa consists in an almost unique model in Europe. Moreover there is about a hundred of company museums which are not associated as a further confirmation that the Italian economic pattern can be exploited also for historical and cultural projects. Nevertheless until now literature has observed the efficacy of this system mainly by a mediatic and museological point of view, highlighting best practises of increased reputation for companies. The paper’s objective is to shift the evaluation about the relationship realized by company museums and archives with territory’s social identity and about the involvement of local community and company employees. To do that the paper is going to examine the three examples of Galleria Campari in Sesto San Giovanni, Collezione Branca and Fondazione Pirelli in Milan, selected for their different approaches to the company heritage valorization. Campari’s exposition is focused on its artistic and design history; Branca on the company history and production development; Fondazione Pirelli on usefulness of its historical archive as an asset for company business departments. The paper means to check strong points and weaker items of these three experiences through the lens of public history.

4. La storia nei musei, nelle mostre e nei percorsi espositivi
Raffaele Savigni (Università di Bologna)

Abstract
Uno strumento utile ai fini di una valorizzazione del patrimonio culturale e dell’incentivazione di nuove forme di turismo culturale è costituito dallʼorganizzazione di mostre, accompagnate da conferenze di taglio divulgativo che sappiano comunicare al pubblico i risultati delle ricerche storiche. Negli anni Settanta del secolo scorso è sorto lʼIstituto storico lucchese, che promuove cicli di incontri culturali, convegni e pubblicazioni, favorendo  la collaborazione tra storici accademici, archivisti e storici amatoriali. Esso ha pubblicato anche le memorie di alcuni parroci del contado lucchese ( XIX-XX sec.). Nel 2016 lʼIstituto ha avviato il progetto «Memorie di Lucca», finalizzato alla raccolta di archivi di persone che hanno svolto un ruolo significativo nella vita culturale locale. Nel 2015, in occasione del centenario della morte di Matilde di Canossa, che ha lasciato tracce significative nella storia e nella memoria culturale del territorio lucchese,  è stato organizzato un ciclo di conferenze su «Lucca e Matilde di Canossa tra storia e mito», frequentate da un vasto pubblico. Lʼamministrazione comunale di Lucca ha promosso, dʼintesa con me e con gli archivi cittadini, una mostra di codici, libri antichi e pergamene presso la biblioteca statale di Lucca (novembre-dicembre 2016).  Essa ha consentito ai non specialisti di accostare i documenti matildici originali con lʼausilio di personale in grado di illustrarne il significato storico-culturale, ed ha evidenziato la fecondità della sinergia tra amministrazione locale, fondazione bancaria di sostegno, istituzioni deputate alla conservazione del patrimonio culturale e comunità degli studiosi. I convegni organizzati a cadenza biennale a Castelnuovo Garfagnana, fondati sulla collaborazione tra storici di professione, storici ed archeologi amatoriali, archivisti, rappresentano un importante strumento di riappropriazione della memoria storica da parte delle comunità locali. Essi si inseriscono in un più ampio progetto denominato «Banca dell’identità e della memoria della Garfagnana» e in un percorso innovativo di museo diffuso. Raccogliendo i racconti di alcuni anziani pastori è stata recuperata la memoria culturale di una società pastorale di lunga durata, entrata in crisi dopo il secondo conflitto mondiale. L’associazione culturale «Ponte» di Capannori ha raccolto testimonianze preziose sulla civiltà contadina, costruendo percorsi espositivi sui lavori agricoli e le immagini devozionali ed una mostra etnografica permanente. Un approccio etnografico caratterizza anche i musei di Colognora e di San Pellegrino in Alpe.

Abstract (english version)
A useful instrument to enhance cultural heritage and promote new forms of cultural tourism can be the organization of temporary exhibitions, connected with dissemination conferences focused on the communication of the results of historical research to a  larger public. The Istituto Storico Lucchese, founded in the 1970s, has its mission to promote cultural meetings, historical conferences and publications by way of enhancing the interaction between academic historians, archivists, and amateur historians. In 2016, the Institute promoted the project “Memories of Lucca”, aimed to the collection of archives of people who played a significant role in the local cultural life. The memoirs of two pastors from Luccan  countryside parishes have already been published (19th-20th c.). For the 9th centenary of the death of Matilda of Canossa, who left significant traces in the history and cultural memory of the territory of Lucca, in 2015,  the Institute organized a series of conferences under the title “Lucca and Matilda of Canossa, between history and myth”, attended by a large audience. In November-December 2016, the Lucca city administration promoted, in collaboration with the city archives and under my direction, an exhibition of codices, ancient books and scrolls at the Biblioteca Statale. The exhibition aimed to allow any visitor to understand the caracteristics of the Matilda’s original documents with the help of staff trained to illustrate their historical and cultural significance. This highlighted the fruitfulness of a positive synergy between local government, banking support foundation, institutions responsible for the conservation of cultural heritage and the academical community. Since 1992, every two years at Castelnuovo Garfagnana a conference is held on territorial history, in the frame of a strong cooperation between professional historians, amateur historians, archaeologists, and archivists. These conferences are part of a wider project called “Shrine of the Garfagnana identity and memory ” which also include an innovative path of widespread museum. With the aim of collecting elements able to preserve the cultual memory of a society based on a millennial tradition of farming and cattle-raising, but radically changed after World War II, the centre began the collection of oral histories of elderly shepherds. In Capannori too, the cultural association “Ponte” collects evidences about rural culture, with the focus on the construction of temporary exhibitions about agricultural tools and devotional images, and a permanent one on ethnographic traditions. This approach characterizes also the museums of Colognora and San Pellegrino in Alpe.