Panel Ravenna AIPH-44

Abstract e documentazione del Panel

Giovedì 8 Giugno | h. 10.15-11.45 | Palazzo Corradini, Aula 5 [Galleria fotografica]

AIPH-44 Crowdsourcing, produzioni e progetti comunitari
Coordinatrice Enrica Salvatori (Università di Pisa)

  1. Filippo Macelloni (Nanof), Lorenzo Garzella (Nanof) MemorySharing 
  2. Roberto Paura (Università di Perugia) Dal Public Understanding of Science alla Public History: spunti per una contaminazione transdisciplinare 
  3. Ambra Tumino e Andrea Nicita (Associazione Archivio degli Iblei) Work in progress per una storia di comunità. La pratica del crowdsourcing e l’Archivio degli Iblei

1. MemorySharing
Filippo Macelloni (Nanof), Lorenzo Garzella (Nanof)

Abstract
MemorySharingè un processo innovativo, partecipato e dal basso che valorizza il bagaglio di ri- cordi e documenti privati di una comunità, integrando tecnologia, ricerca storica e creatività. L’o- biettivo è connettere le generazioni, rafforzare la memoria condivisa e alimentare un patrimonio collettivo nella ricostruzione della storia delle comunità. Le competenze messe in campo vanno dalla produzione multimediale all’organizzazione di eventi, dalla creazione di strumenti web alla realizzazione di prodotti editoriali. Il modello prevede 4 passaggi:
-Individuazione di un tema e invito alle persone a contribuire
-Raccolta del materiale attraverso web, social-network, spazi fisici
-Condivisione del materiale in circuiti web aperti, gratuiti e dinamici
-Narrazione: quanto raccolto è restituito in modalità narrative innovative e coinvolgenti
Alcuni dei temi affrontati:  La II Guerra Mondiale a Firenze: mostra“1940-1944 Firenze in guerra” a Palazzo Medici Riccardi, con percorso multimediale, piattaforma web aperta e film sonoro a Palazzo Pitti; La II Guerra Mondiale a a Pisa: mostre, tour multimediali nella città, laboratori inter-generaziona- li, web-doc, film-documentari, film-itineranti proiettati a capitoli nelle piazze con la CineBicicletta e il CineBus, e-book, volumi cartacei, eventi ecc.; Alluvione 1966 a Firenze (www.arno66ar.it): itinerari “site specific” con Realtà Aumentata alla Biblioteca Nazionale; tour virtuale a 360° della Biblioteca Nazionale con visori VR; creazione di un archivio web fotografico aperto; pubblicazione dell’App “Arno66AR”; Alluvione 1966 a Pisa: mostra “4 novembre 1966. L’Alluvione a Pisa” a Palazzo Blu, film-documentari proiettati sul lungarno e sulle facciate dei palazzi dal CineBattello; Generazioni a confronto, mostra multimediale interattiva (Festival delle Generazioni) (www.oltrelegenerazioni.it). Il modello può essere applicato a vari contesti, individuando nuovi temi d’interesse, periodi storici, tipo di documenti che si vogliono raccogliere e valorizzare a livello locale, nazionale o internazionale. Tra i fondatori e animatori delle attività MemorySharing i registi Filippo Macelloni e Lorenzo Garzel- la, l’associazione culturale Acquario della Memoria (www.acquariodellamemoria.it) e la società di produzione indipendente Nanof (www.nanof.it).

Abstract (english version)
MemorySharingis an innovative process to enhance the memories and private documents of a community by a mix of technology, historical research and creativity. The aim is to connect genera- tions, reinforce the shared memories and feed a collective heritage in order to retrace the commu- nities history. The skills involved include multimedia production, organization of events, web tools development, creation of publishing products and more. The model includes four steps:
-Identification of a topic and invite people to contribute
-Collection of materials through the web, social networks, physical locations
-Sharing of the collected materials in open, free and dynamic web platforms
-Narration: gathered material is used in innovative and engaging narrative ways
Examples of developed topics (photos attached):  World War II in Florence: exhibition“1940-1944 Firenze in guerra”(Palazzo Medici Riccardi) with a multimedia tour, shared web platform and a documentary audio-film (Palazzo Pitti); WWII in Pisa: exhibitions, multimedia tour in the city, inter-generational workshops, web-doc, multi-screen installations, “traveling” films projected with theCine-bicycleandCine-bus, e-books, paper volumes, events etc.; 1966 flood in Florence (www.arno66ar.it): “site specific” itineraries with Augmented Reality (Florence National Library); 360° virtual tour of the National Library with HMD headsets; creation of an open web photo archive; publication of the App “Arno66AR”; 1966 flood in Pisa: archival footage in the exhibition “4 novembre 1966. L’Alluvione a Pisa” (Palazzo Blu); documentary films projected on the Arno embankment and the facades of the buildings from theCine-boatwith tour-cruise); Comparing generations, multimedia interactive exhibition (Festival delle Generazioni, Firenze)(www.oltrelegenerazioni.it). The model can be applied in many different contexts, identifying new issues of interest, historical periods, type of documents we want to collect in local, national or international projects. Among the founders and leaders of MemorySharing activities: directors Filippo Macelloni and Lo- renzo Garzella, the cultural association Acquario della Memoria (www.acquariodellamemoria.it) and the society of independent production Nanof (www.nanof.it).

2. Dal Public Understanding of Science alla Public History: spunti per una contaminazione transdisciplinare
Roberto Paura (Università di Perugia)

Abstract
Se in Italia l’affermazione della Public History è recentissima, la comunicazione pubblica della scienza come settore disciplinare vanta una storia lunga almeno un quarto di secolo. I punti in comune tra Public History e Public Understanding of Science – come si definisce il paradigma tradizionale di comunicazione pubblica della scienza – sono numerosi, e una migliore comprensione dell’evoluzione del settore della comunicazione scientifica può risultare utile per il futuro della Public History in Italia. In entrambi i percorsi il punto di partenza è dato dalla volontà di superare il tradizionale deficit model, fondato sull’idea che una più efficace comunicazione da parte di intermediari (i “divulgatori”) possa superare il gap tra grande pubblico e mondo della ricerca, aumentando di conseguenza la literacy (scientifica o storica). Il Public Understanding of Science ha visto il passaggio da un approccio quantitativo (aumentare il livello di divulgazione nel settore) a uno qualitativo, fondato su nuove metodologie di comunicazione, per es. nei musei e nelle mostre. Le nuove frontiere della comunicazione della scienza possono offrire spunti utili per un’evoluzione della Public History anche in Italia: un primo caso è la citizen science, in cui il crowdsourcing mette a disposizione di un’impresa scientifica l’impegno dei singoli cittadini; un modello replicabile anche nel settore storico, dove anzi è più facile per il cittadino accedere agli strumenti del mestiere (archivi, documenti d’epoca). Un secondo caso è il dialogic mood, in cui su alcune discipline dove è forte l’impatto sulla società – per es. genetica, biotecnologie, energia nucleare – la comunicazione avviene attraverso un dialogo paritario tra il ricercatore i cittadini; tale approccio può essere utile in quei contesti dove l’interpretazione dei fatti storici è oggetto di dibattito: così come un ampio consenso sui progressi della scienza è necessario prima di assumere scelte di grande responsabilità, analogamente una memoria storica condivisa può aiutare una comunità a proiettarsi con fiducia verso il futuro.

Abstract (english version)
While in Italy the rise of Public History is very recent, Public Communication of Science as a disciplinary sector is at least a quarter of a century old. Shared points between Public History and Public Understanding of Science (as the traditional paradigm of science communication is defined) are numerous, and a better understanding of the evolution of the field of science communication can be useful for the future of Public History in Italy. For both, the point of departure starts from the will to overcome the traditional deficit model, founded on the idea that a more effective communication by intermediaries (the “popularizers”) may bridge the gap between general public and researchers, thereby increasing scientific or historical literacy. Public Understanding of Science has seen the transition from a quantitative approach (i.e. increasing the level of popularization in the field) to a qualitative one, founded on new communication methodologies, mainly in museums and in exhibitions. The new frontiers of science communication can offer useful insights for an evolution of Public History also in Italy: a first case is that of citizen science, in which crowdsourcing allow citizens to take part in a scientific endeavour; a model that is replicable in historical research, where actually is more easy for citizens to access historian’s stock-in-trade (archives, old documents). A second case is the dialogical mood, used in some disciplines where the impact on society is strong – e.g. genetics, biotechnology, nuclear energy; there, the communication is carried out through a peer dialogue between researchers and citizens. This approach can be useful in contexts where the interpretation of historical facts is subject to debate: just as a wide consensus on the progress of science is needed before taking responsible decisions, an agreement on its own historical memory can help a community to project itself with confidence toward the future.

3. Work in progress per una storia di comunità. La pratica del crowdsourcing e l’Archivio degli Iblei
Ambra Tumino e Andrea Nicita (Associazione Archivio degli Iblei)

Abstract
È grazie alla pratica del crowdsourcing che l’Archivio degli Iblei (www.archiviodegliiblei.it), avviato nel 2013 come archivio virtuale partecipato dei paesi dell’area del ragusano (sud-est della Sicilia) si è andato via via arricchendo di sempre nuovi documenti iconografici e testuali oltre che di nuovi contributi di ricerca, testi biografici e storie di famiglia: un work in progress per una storia di comunità attraverso la partecipazione attiva dei suoi componenti. La pratica del crowdsourcing è anche alla base di originali eventi di public history, come l’evento teatrale Oltre al fronte. La grande guerra e i paesi iblei, giunto alla seconda edizione, basato soprattutto su documentazione privata conservata nelle famiglie. Attraverso la condivisione di foto, indicazioni geografiche e corretta denominazione, e con la collaborazione di un gruppo di architetti, si sta procedendo alla mappature delle ville rurali iblee, “documenti” del paesaggio rurale della storia economica, sociale, del costume e dei consumi dalla seconda metà dell’Ottocento alla prima metà del Novecento. Foto, indicazioni geografiche e descrizioni puntuali arricchiscono via via la mappatura delle fortificazioni della seconda guerra mondiale presenti nell’area dove, con lo sbarco delle truppe alleate nel luglio ’43, fu segnata una svolta decisiva del conflitto. Strumento principale, ma non esclusivo, del crowdsourcing è il gruppo facebook, che conta ad oggi 2.800 membri, un ambiente in cui i membri della redazione dell’archivio, intervengono attivamente nel ruolo di public historian.

Abstract (english version)
It is thanks to the crowdsourcing that the Archivio degli Iblei (the Italian for Hyblean Archive; www.archiviodegliiblei.it), which saw the light of the day on 2013 as a virtual community archive of the history of this area in the South of Sicily, flourished through the inclusion of historical iconographies and texts from private collections, as well as new research works, biographies and family storybooks. A continuous work-in-progress that aims to narrate the history of a community, thanks to the active contribution of its own members. At the Archivio degli Iblei, crowdsourcing is also behind original public-history events, such as “Beyond the forehead”, a theatrical performance, and “The Great War and the Hyblean Community”, arrived to its second edition this year, which is mainly based on private collections belonging to local families. Moreover, by sharing pictures, memories, geographical and topographical information, and rare original denominations, with the co-operation of a team of local architects, all the historical farmsteads are being mapped. These typical villas represent real “documents” of the rural landscape, the economic and social history, the traditions and the habits of the local people between the second half of the XVI and the first half of the XX century. Pictures, geographical indications and punctual descriptions also contribute to enrich the mapping of the German bunkers, which were built during WWII and are located along those areas where decisive battles were fought following the landing of Allied forces at Sicily on July 1943. Fundamental, yet not exclusive, instrument of the Archive’s crowdsourcing activity is its Facebook group with 2.800 members: an environment in which the curators of the Archive hold the role of public historians, actively interacting with the other members and followers.