Panel Ravenna AIPH-45

Abstract e documentazione del Panel

Venerdì 9 Giugno | h. 14.30-16.00 | Palazzo Corradini, Aula 2 [Galleria fotografica]

AIPH-45 Biblioteche e Public History: dal patrimonio al progetto
Coordinatrice Chiara De Vecchis (AIB – Associazione Italiana Biblioteche)

  1. Patrizia Angelone (Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest), Elena Carimati (Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest), Storia orale e memorie di comunità 
  2. Chiara Milani (Biblioteca comunale di Como), Evelina Borgese (Insegnante), Percorsi espositivi in biblioteca 
  3. Silvia Mirri (Biblioteca comunale di Imola), Simona Dall’Ara (Biblioteca comunale di Imola), Esperienze di “Public History” presso la Biblioteca comunale e Archivio storico comunale di Imola

Biblioteche e Public History: dal patrimonio al progetto
-Sintesi del panel (pdf)

1. Storia orale e memorie di comunità
Patrizia Angelone (Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest), Elena Carimati (Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest)

Abstract
Il CSBNO nasce nel 1997, affermandosi negli anni come agenzia di promozione culturale tout- court. Proprio questa specificità e questa nuova ottica permette al CSBNO di lanciare proposte di innovazione sviluppando tra gli altri – due servizi istituzionali: la promozione della storia locale e la gestione e valorizzazione degli archivi, di ambito territoriale. Il progetto nasce nel 2006: il Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest – su sollecitazione della Biblioteca Comunale di Villa Burba e della storica Biblioteca Popolare di Rho- dà vita ad un Centro di Documentazione Locale, con l’obiettivo di costituire un catalogo collettivo di Storia locale del territorio, partendo dalla digitalizzazione del materiale in possesso delle due Biblioteche. Il percorso, monitorato e seguito fino ad oggi ci ha portato alla costruzione di un catalogo condiviso in OPAC, rivelatosi strumento capace di consolidare l’ identità locale nella sua espressione plurale e interculturale. Questo percorso–tutt’ora aperto – guarda al futuro: collegando memoria, sapere, integrazione e inclusione e consente di condividere regole comuni e patrimonio storico. Il CSBNO ha avviato questo processo di ricostruzione della storia locale con la definizione di una bozza di protocollo, nella quale sono stati definiti il modello organizzativo, la sistemazione della raccolta locale , la copertura cronologica, culturale, la tipologia dei materiali, le modalità di acquisizione e utilizzo degli standard. Sono stati creati fondi locali di enti pubblici e privati,chiedendo la fattiva collaborazione dei cittadini, contribuendo a costruire l’identità di un territorio raggiungendo l’obiettivo di rendere il patrimonio storico consultabile attraverso i siti delle singole Biblioteche.
Questo progetto ha fatto da traino anche per altre tre Biblioteche del Consorzio, – Cornaredo, Lainate e Cormano. La Biblioteca di Cormano, con l’immissione di un fondo d’archivio relativo ad un ex-Sindaco della città, Eugenio Cassanmagnago, ha consentito grazie alla consistenza del fondo e a un accurato lavoro di riorganizzazione archivistica – di realizzare una ricostruzione storica approfondita in grado di esplorare diverse possibili linee di ricerca (presso vari istituti di conservazione, fonti orali e bibliografiche) e di comunicare e rendere fruibile il risultato di questo lavoro alla comunità scientifica e all’utenza tutta. In tal modo è stata restituita al territorio una interessante biografia del soggetto produttore del fondo e uno spaccato dell’epoca in cui questi ha vissuto e operato. Grazie a un progetto cosi strutturato il CSBNO ha potuto altresì esprimere tutte le proprie sinergie e offrire – attraverso la Biblioteca – l’accessibilità e la fruizione di un patrimonio archivistico di storia locale. Il CSBNO, portando a frutto questo progetto ha pensato di realizzare una suite capace di integrare strumenti tecnologici e servizi, offrendo all’utente finale un unico portale dedicato: questo consente di poter realizzare e disporre di un vero e proprio sistema di valorizzazione dei beni culturali di una comunità locale quale quella del territorio Nord Ovest di Milano.

Abstract (english version)
CSBNO was born in 1997, with the goal to promote library cooperation and manage innovation services (Inter Library Loan, Digital Library, IT management, etc.) in the area near Milan (Italy). Since then, CSBNO has developed into an all-around cultural agency, with several new services, as those in the field of local history and the management and enhancement of local archives.
In 2006, at the request of Rho’s Villa Burba and Popolare Library, CSBNO started to develop a collective catalogue of Local History of its territory, starting from the management of the materials made available by those two libraries. Through constant checks and several important milestones, the project has led us to build and promotelocal identity as a living tool of “common path” with the community in its plurality and interculturalism (youth, adults, elderpeople, Italians, foreigners,…). The project now aims to bring together memory and knowledge, and promote the dialogue between generations through the sharing of the stories and of the mutual care. Over time, three more libraries, based in Cornaredo, Lainate and Cormano, have joined the project, contributing their materials and making them available and accessible. The City of Cormano, that wanted to build an archive fund about former Mayor Cassanmagnago, provided the occasion for a deep historical reconstruction. Thanks to the huge dimension of the fund and to an accurate work of archival organization, all the possible lines of research were developed. Then we had the chance to communicate and make the final result available to the scientific community and to all the users, giving back to the territory a biography which tells about the one who has produced the fund and about his age. Thanks to such a project, CSBNO could express all its synergies and then offer through the library, the accessibility and the fruition of an archival heritage that, read by new eyes and touched by new hands, leads us to our present days. This has been the fundamental junction to get to the awareness (that we always had) that in order to offer the right reconstruction of local history (able to give us back our local and cultural identity) it is important to look at it from all the possible points of view: the archival document with the picture or the book beside a letter of the author.

2. Percorsi espositivi in biblioteca
Chiara Milani (Biblioteca comunale di Como), Evelina Borgese (Insegnante)

Abstract
Il passaggio da un’idea di servizio come risposta a una domanda, a strategie di servizio che abbracciano la logica dell’offerta culturale declinata nell’anticipare, proporre e mettere in relazione patrimonio storico e contemporaneità, apre una nuova via alla ricerca storica, alla cultura e alla cittadinanza partecipata. Obiettivo impegnativo ma gratificante, che mette in gioco le competenze specifiche degli addetti ai lavori, imponendo un ripensamento virtuoso dell’agire professionale. Entrare in biblioteca è un atto volontario, non un obbligo: la libertà di questa scelta pone le basi della partecipazione. Il colloquio con i lettori di ogni età e background culturale è fondamentale. Raccontare la storia componendo tante storie, si può, attraverso le storie di libri, perché i libri non sono solo veicoli di conoscenza ma oggetti di conoscenza nella loro materialità, condensato di alta artigianalità e tecnologie, innovazioni e produzione industriale. Da qui l’idea di esposizioni ideate, progettate e allestite con gli utenti della biblioteca: studenti, insegnanti, giornalisti, professionisti, comuni lettori. Le mostre come laboratorio di confronto e collaborazione tra saperi e competenze diverse, dove i contenuti non sono statici ma generativi. Focalizzando un tema centrale, ogni mostra racconta anche un frammento della storia dell’istituzione che ha custodito e tramesso cultura, di una decisione politico-strategica; ripropone il percorso dei libri verso la biblioteca, la loro storia individuale e di collezione. Operazione attuale, oggi, quando è serrato il confronto in merito a identità e cambiamento della biblioteca, luogo di interconnessione tra sapere e nuove tecnologie. Riflettere sul significato della “rivoluzione del libro” mentre i supporti della cultura stanno cambiando, è un esercizio critico non banale che comporta una riflessione di carattere cognitivo sul rapporto tra gesto e parola. Le mostre realizzate alla comunale di Como (biblioteca storica e di pubblica lettura) hanno accostato libri e documenti di differenti epoche per suggerire percorsi di conoscenza in una sorta di wunderkammer contemporanea, sperimentando il coinvolgimento degli utenti in fasi diverse, dalla progettazione all’allestimento. I temi delle mostre, sono scelti in relazione a eventi ma anche suggeriti dal patrimonio stesso, segnano un percorso che può essere ricostruito virtualmente e messo in relazione con la storia e il contesto culturale di chi ha fatto di una passione un elemento importante di riflessione, un’ideale, un motivo di vita. Un primo ciclo di mostre è stato laboratorio di sperimentazione condivisa sulle potenzialità del patrimonio, mentre la metodologia e l’approccio venivano continuamente migliorati. Negli ultimi 6 anni si sono succedute 30 esposizioni senza soluzione di continuità che hanno proposto un campione di documenti unendo al rigore documentale, freschezza e approccio amichevole. Mostre come “bibliografia in progress”, dalla formula espositiva improntata alla flessibilità; come evento partecipato, dove i pezzi esposti possono essere cambiati a mostra in corso, accogliendo indicazioni e critiche, perché non è più possibile costruire, nell’epoca del web, percorsi di cultura in solitudine. Fin dalla mostra del 2012, Leggere connessioni, lo spazio fisico della biblioteca è stato illustrato come spazio di ricerca, accostando visivamente scienze esatte e scienze umane: a partire dalle radici filosofiche comuni, si è documentato lo sviluppo storico di questi due campi del sapere ponendo in luce elementi di continuità e di differenza. Tavole del libro/ricerca in progress del coautore Fabio Fornasari, dotate di QRcode, hanno permesso di accedere a contenuti aggiuntivi già disponibili in rete come i testi completi dei libri antichi, esposti suddivisi per ambiti di sapere, accostati senza limiti di scala, geografici o temporali a immagini e parole per introdurre i concetti della ricerca e invitare a riflettere sulla trasmissione del sapere, per secoli veicolato da pagine di carta, “spazio” fragile, fatto di legami e connessioni mutevoli, illuminanti, cangianti… leggère: connessioni da lèggere alla luce dei nuovi media. I libri antichi a stampa esposti in questa mostra, sono passati dalla staticità alla dinamicità, in un primo tuffo dentro al documento grazie all’utilizzo, nella massima economia, di nuove tecnologie già in uso, unito al rigore documentale con un risultato di grande bellezza e suggestione. Ricercare una nuova connessione tra il piano reale a quello virtuale sembra ora possibile, grazie all’interesse del Centro Speciale di Scienza e Simbolica dei Beni Culturali e dal Dipartimento DISAT dell’Università degli studi dell’Insubria, sede di Como, partner della mostra attualmente in corso: La matematica, misura dell’universo: matematica fisica, astronomia nei libri della Rivoluzione scientifica, che ha dato avvio a una riflessione condivisa tra biblioteca, università, utenti della che si potrà sviluppare anche nei prossimi anni con lo studio di applicazioni per la didattica del bene culturale, bene comune da tutelare, studiare, valorizzare e promuovere insieme con i cittadini.

Abstract (english version)
The transition from an idea of service in response to a question, in service strategies that embrace the cultural offer logical declined to anticipate, propose and to relate historical heritage and modernity, opens a new way to historical research, culture and participatory citizenship. So this is a challenging but rewarding goal, which brings into play the particular responsibilities of insiders, by imposing a virtuous rethinking of acting professionally. To Enter the library is a voluntary act, not an obligation: the freedom of this choice sets the stage of the investment. The interview with readers of all ages and cultural background is crucial. In fact, telling the history composing many stories, you can, through the stories of books, because the books are not only vehicles of knowledge, but knowledge ‘s objects in their materiality, condensed objects of high craftsmanship and technologies, innovations and industrial production. Hence the idea of exhibitions conceived, designed and landscaped with library users: students, teachers, journalists, professionals, ordinary readers. The exhibitions as comparison laboratory and collaboration between different knowledge and skills, where the contents are not static but generative. Focusing on a central theme, each exhibition also tells a fragment of the history of the institution that has guarded and entremets culture, each exhibition speaks about a political and strategic decision; once again the path of the books to the library, their individual history and collection. Current operation, today, when it is tightened confrontation about identity and change of the library, place of interconnection between knowledge and new technologies. To reflect on the meaning of “book revolution” while the media culture is changing, it is a nontrivial critical exercise that involves a reflection of cognitive character of the relationship between word and deed. The exhibitions held at the municipal of Como (historic and reading public library) have approached books and documents from different eras to suggest paths of knowledge in a kind of contemporary Wunderkammer, experimenting user engagement at different stages, from design to construction. The themes of the exhibitions are chosen in relation to events but also suggested by the heritage itself, they mark a path that can be virtually reconstructed and correlated with the history and the cultural context of who has turned his hobby into an important element of reflection, an ideal, a source of life. A first series of exhibitions was experimental lab shared on the potential of the assets, while the methodology and approach were continuously improved. Over the past six years they have succeeded 30 exhibitions seamless who proposed a sample of documents by combining the documentary rigor, freshness and friendly approach.
Exhibitions such as “in progress Bibliography”, the exhibition concept geared to flexibility; as part event, where the exhibits can be changed in the current exhibition, receiving guidance and criticism, because it is no longer possible to build – in the age of the web – cultural paths in solitude. Since the exhibition of 2012, To read connections, the physical space of the library has been described as a research area, combining visually exact sciences and the humanities: from the common philosophical roots, has documented the historical development of these two fields of knowledge by placing in the light elements of continuity and difference. The tables of research/book in progress made by the co-author architect Fabio Fornasari, with QRcode, in an augmented reality environment , allowed to access additional content already available on the net as the full texts of the ancient books, exposed divided by fields of knowledge, books were combined different scales, geographical or temporal images and words to introduce the concepts of research and ask you to reflect on the transmission of knowledge, for centuries conveyed by paper pages, “space” fragile, made of bonds, links, and changing connections, lighting, changing… slight: connections to be read in the light of the new media. The oldest printed books on display in this exhibition, have gone from static to dynamic, in a first dip into the document by using, to the maximum economy, new technologies already in use, together with documentary rigor with a result of great beauty and suggestion. Search for a new connection between the real and virtual plan what now seems possible, thanks to the interest of the Science and Symbolic Special Center of Cultural Heritage (Centro Speciale di Scienza e Simbolica dei Beni Culturali) and about the activity of DISAT Department of the University of Insubria, Como Campus, partner of the exhibition currently underway:  Mathematics, measure of the universe: mathematics, physics, astronomy in the books of the Scientific Revolution which has initiated a shared reflection between Library, Universities, Users , Members of which will also develope in the coming years the study of applications for teaching the cultural asset and for education of Cultural property, which arise as the common good to be protected, to study, develop and promote together with the citizens.

3. Esperienze di “Public History” presso la Biblioteca comunale e Archivio storico comunale di Imola
Silvia Mirri (Biblioteca comunale di Imola), Simona Dall’Ara (Biblioteca comunale di Imola)

Abstract
La Biblioteca comunale di Imola, che trae origine da una libreria religiosa, è oltre che una biblioteca di pubblica lettura molto frequentata, una biblioteca di tradizione e conservazione. Conserva numerosi fondi antichi e, dal 1902, anche l’Archivio storico comunale. La Biblioteca possiede una sezione di opere di storia locale, principale fonte d’informazione su Imola, con una collezione a stampa di libri e periodici locali e numerosa altra documentazione come manoscritti, fotografie, cartoline. L’Archivio storico, con documentazione dal 1084, ha arricchito nel tempo il patrimonio con nuclei archivistici di persone, famiglie ed enti. La Biblioteca e l’Archivio hanno maturato nel tempo numerose esperienze di “public history”, elaborate avendo come pubblico di riferimento la comunità imolese. In particolare si intende illustrare l’esperienza che la Biblioteca porta avanti dal 2002 dei “Tesori della Biblioteca”, un calendario annuale di incontri che hanno come filo conduttore la valorizzazione del patrimonio di memoria conservato nei fondi Bim e l’intreccio tra storia e microstoria (i manoscritti miniati conservati in biblioteca, i personaggi storici legati a Imola come Caterina Sforza, l’architetto Cosimo Morelli, il fotografo Ugo Tamburini, la Grande Guerra, donne imolesi nel 70° del voto femminile). Per l’Archivio, oltre allo studio e l’inventariazione di fondi documentari complessi (come i fondi di Andrea Costa e di Giuseppe Scarabelli), che hanno comportato una forte interrelazione di competenze professionali, si segnala l’attività di didattica e la partecipazione alla “Settimana della didattica in archivio”. In questi anni sono state messe in campo strategie diverse per coinvolgere pubblici differenti della comunità di riferimento, affiancando ai tradizionali modi di divulgazione quali percorsi espositivi, conferenze, pubblicazioni anche altre iniziative quali proiezioni di film, letture teatrali, contenuti web e coinvolgendo associazioni e cittadini.

Abstract (english version)
Imola’s City library takes origin from an ancient religious library, dating back to the XVIII century. Now it’s alibrary with functions of public reading and also preservation of the historic memory of the city (ancient books, manuscripts, incisions and drawings, photographs, postcards). In particular, the library takes great care in the preservation and in the updating of all the documents regarding local history, purchasing any material regarding Imola and its territory. The Imola Archives store the documentation produced by the administrative bodies of the city. Many other archival fonds are conserved in the Imola Archives that come from private and other public bodies. The aim of this work is to present our experience in public history and the strategies to engage different audience segments of our community.