Panel Ravenna AIPH-46

Abstract e documentazione del Panel

Martedì 6 Giugno | h. 12.00-13.30 | Palazzo Corradini, Aula 2 [Galleria fotografica]

AIPH-46 Archivi e pubblico: esperienze a confronto
Coordinatore Augusto Cherchi (ANAI – Associazione Nazionale Archivistica Italiana)

  1. Nicola Maranesi (Archivio dei diari Pieve Santo Stefano), L’Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano e la Public History 
  2. Lucia Miodini (Università di Parma), L’archivio come progetto condiviso. Esperienza e pratiche espositive 
  3. Lorenza Barbero(ASP Golgi Redaelli Milano), Laboratori sulle fonti storiche aperti alla città
  4. Paolo Simoni (Università di Padova), Dimensione home movies. La storia nei film di famiglia

1. L’Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano e la Public History
Nicola Maranesi (Archivio dei diari Pieve Santo Stefano)

Abstract
L’intervento si propone di inquadrare l’attività dell’Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano (Arezzo), e in modo particolare le attività più recenti e innovative poste in essere dalla Fondazione toscana, nel contesto della Public History. L’Archivio nasce nel 1984 come centro per la raccolta delle scritture autobiografiche. Sin dall’inizio si pone come soggetto custode della memoria individuale e collettiva, ma anche come agente di divulgazione di contenuti memorialistici e storiografici. Si rivolge al mondo accademico offrendo in consultazione il proprio patrimonio documentario, pubblicando volumi scientifici, riviste di settore, organizzando seminari e convegni. Ma si rivolge anche a un pubblico “generico”, subito interessato al racconto della storia attraverso le storie delle persone comuni. A questo settore l’Archivio si rivolge con pubblicazioni non scientifiche (i diari che diventano libri) e attraverso una presenza costante su giornali, radio, tv, cinema, teatro. Media, scrittori, giornalisti e artisti colgono la purezza e il valore dei racconti di vita che Pieve attrae e ripropone loro dopo averli esaminati. La voce degli “ultimi” amplificata da questo luogo-megafono acquisisce autorevolezza sul proscenio del dibattito pubblico, della rappresentazione del passato e del presente.
Una dinamica che nell’ultimo decennio ha registrato qualcosa di più di un’accelerazione, grazie all’avvento del digitale e di internet. O meglio, alla penetrazione di internet in ogni settore della vita e dello scibile umano. L’Archivio ha progressivamente scoperto strumenti in grado di rendere più efficienti i meccanismi di acquisizione e restituzione dei patrimoni documentari. Tre le policy attraverso le quali si è espressa concretamente questa volontà di cambiamento: la creazione di una Digital Library destinata prevalentemente alla fruizione del mondo accademico; l’edificazione di un percorso museale multimediale ed esperienziale, un museo di narrazione intitolato “Piccolo museo del diario”, rivolto ai visitatori della Fondazione e all’utenza turistica; la realizzazione di piattaforme informatiche in serie, collegate alla DL ma monotematiche e di più immediato accesso, per una divulgazione di massa. Scelte che hanno determinato una penetrazione capillare in ogni settore, anche i meno convenzionali, della narrazione storica. Festival di storia e giornalismo, allestimento di percorsi museali e mostre, siti web, turismo culturale, e ancora trasmissioni radio, tv, stampa, pièce teatrali, documentari, film.

Abstract (english version)
The paper aims to illustrate the activities of the National Archives of Diaries in Pieve Santo Stefano (Arezzo), and especially the most recent and innovative activities carried out by the Tuscan Foundation, in the context of the Public History. Archivio was founded in 1984 as a centre for the collection of autobiographical writing. From the beginning of its activity, it has been a guardian of individual and collective memory, but also an agent of dissemination for memoirs and historiographical content. It caters to the academic world, offering its own documentary heritage through consultation, publishing scientific volumes, industry magazines, and organising seminars and conferences. However, it also caters to a more ‘generic’ audience, which is more directly interested in recounting history through the stories of ordinary people. The Archive addresses this need with non-scientific publications (diaries which become published books) and a constant presence in newspapers, radio, television, cinema, and theatre. Different forms of media – alongside writers, journalists, and artists –  capture the purity and value of life stories which Pieve Santo Stefano attracts and, after examination, communicates to the world; the voice of ordinary citizens, amplified from this place through a cultural megaphone, acquires authority on the stage of public debate in the representation of the past and the present.
This is a dynamic that, in the last decade, has been in high acceleration, thanks to the advent of digital technology and the Internet. Moreover, the Internet’s penetration into every area of life and human knowledge. The Archive has gradually discovered tools which are able to increase the efficiency of mechanisms for acquisition and restitution of documentary heritage. Three policies through which The Archive has concretely expressed this desire for change include: the creation of a digital library system intended mainly for use within the academic sphere; the building of an experiential, multimedia museum – a narrative museum called the “Little Museum of Diaries”, targeting visitors of the Foundation and tourists; and the implementation of various IT platforms, each connected to the digital library, yet focusing on single historical themes and allowing more immediate access on a grand scale. These are choices that have led to a widespread penetration in every field of historical narrative, even those less conventional: festivals of journalism and history; furnishing museum tours and exhibitions; websites; cultural tourism; radio and TV transmissions; print publications; plays; documentaries; and film.

2. L’archivio come progetto condiviso. Esperienza e pratiche espositive
Lucia Miodini (Università di Parma)

Abstract
Partendo da esperienze di percorsi espositivi progettati dal Centro Studi e Archivio della Comunicazione di Parma, proporrò alcune riflessioni sulla rielaborazione pubblica del resoconto storico. Prima di tutto il problema dell’alternativa fra archivio e museo, perché il modello dell’archivio è alla base delle collezioni dello CSAC. Si tratta di modelli, per certi versi, contrapposti che avviano diversi processi di organizzazione e articolazione interna, come pure di formazione delle raccolte. Un aspetto dell’archivio che ha indotto Arturo Carlo Quintavalle, fondatore del CSAC, a denominare le collezioni universitarie Centro Studi e Archivio della Comunicazione è la pariteticità dei documenti non organizzati in senso gerarchico, non costruiti secondo trafile evolutive o secondo altri modelli interpretativi. L’archivio non ha un ordine di lettura prefigurato, è un sistema aperto ad ogni percorso, dove tutti i documenti sono considerati allo stesso livello, non gerarchizzati. Ne consegue l’ideazione non soltanto di percorsi espositivi che si rivolgono a un pubblico ampio e non specialistico, ma anche la partecipazione e il coinvolgimento diretto soprattutto dei giovani e giovanissimi. Un modo nuovo di lavorare sul passato, costruire e comunicare il racconto storiografico. Partendo dal materiale d’archivio (più di 12 milioni di opere archiviate, ne fa il maggiore fondo sul Novecento esistente in Italia) è rielaborato attraverso tecniche e linguaggi che appartengono al modo di comunicare dei giovani. Non prefigurando un modello narrativo funzionale a una precisa metodologia di ricerca e lasciando aperte diverse opzioni, si rende possibile un modo nuovo di lavorare sul passato, di costruire e comunicare un racconto storiografico tra le molte strutture narrative possibili. Le modalità di operazioni di narrazione/ricostruzione storica che coinvolgono in maniera attiva che normalmente è in posizione passiva ha comportato l’analisi dei linguaggi della comunicazione visiva e della storia dell’immagine, un percorso partecipato nell’acquisizione di una piena cittadinanza; la condivisa selezione del materiale d’archivio come fonte narrativa del passato e mediazione della memoria. Tra i casi studio: mostre virtuali costruite su percorsi all’interno dell’archivio Publifoto, materiale i grande interesse, che racconta una storia, una tra le possibili storie, del nostro paese dal 1927 agli anni Settanta, in circa sei milioni di fotografie.

3. Laboratori sulle fonti storiche aperti alla città
Lorenza Barbero (ASP Golgi Redaelli Milano)
-Testo Intervento (pdf)

Abstract
Erede degli antichi Luoghi pii elemosinieri di Milano e del ricco patrimonio stratificatosi in oltre sette secoli di storia, l’Azienda di Servizi alla Persona (ASP) Golgi-Redaelli – oggi protagonista della cura e della ricerca geriatrica in Lombardia – a partire dagli ultimi decenni ha promosso un articolato programma di approfondimenti e di studi finalizzato alla valorizzazione dei propri beni culturali. Queste attività si sono sviluppate in diverse direzioni, dalla divulgazione scientifica alla didattica laboratoriale, fino alla promozione culturale più ampia, rivolta a tutti i cittadini. Le sperimentazioni metodologiche collaudate in questi ambiti e basate sulla conoscenza del patrimonio storico hanno sostanziato nel tempo esperienza e know-how, divenendo talvolta modello di valorizzazione culturale e didattica, esportabile anche in altri analoghi contesti. L’intervento illustra le diverse iniziative di approfondimento culturale, promosse negli ultimi decenni dall’ASP per differenti tipologie di pubblico.

Abstract (english version)
In the last decades ASP Golgi-Redaelli of Milan, inheritors of historical and artistic heritage of Luoghi Pii Elemosinieri (almoners’ charity houses) and who are today actively involved in geriatric healthcare and research in Lombardy, have developed a well-structured programme of studies and reflections aimed at promoting their cultural heritage. This programme includes scientific advisory activities, educational workshops for schools (L’Officina dello storico) and a wider cultural promotion addressed to all citizens. These experiences have often allowed to build a role model in cultural and educational heritage enhancement, that can be followed in many different contests. Marco Bascapè will make a report regarding the different cultural ctivities promoted in these last decades.

4. Dimensione home movies. La storia nei film di famiglia
Paolo Simoni (Università di Padova)

Abstract
Il “secolo breve” visto e raccontato attraverso le immagini del cinema di famiglia può dare origine a una narrazione storiografica trasversale e sostanzialmente inedita, anche soltanto per il punto di vista dal basso. Tentativi in tal senso vengono prodotti da oltre vent’anni da studiosi e registi. Le pellicole amatoriali, accessibili in misura crescente negli archivi, permettono oggi al ricercatore, al filmmaker e al curatore di progetti artistici un’autentica immersione nel passato, grazie a immagini così preganti sulla realtà prossima e circostante, per la loro natura di ricordi di vita quotidiana registrati su pellicola (A. Cati). Si può addirittura azzardare l’ipotesi dell’home movie come “genere storiografico”: un singolo individuo racconta attraverso le immagini la propria storia e quella del mondo che lo circonda e nel quale si sente al centro (S. Aasman). La rappresentazione che ne deriva ha un alto grado di autenticità, poiché si tratta di immagini “spontanee” (A. Gilardi), che assumono la funzione di “testimoni oculari” (P. Burke) del tempo cui appartengono. Come interrogare e fare parlare queste fonti di per sé “mute”, che ci appaiono come “fantasmi da addomesticare” (A. Bazin)? Il film di famiglia, di solito privo di struttura narrativa e di senso compiuto, apparendo piuttosto come un album di fotografie in movimento (R. Odin), necessita di una contestualizzazione. Per ricostruire il quadro, insieme alle immagini sono da raccogliere e analizzare le testimonianze “vive” dei superstiti. Ciò avvicina il processo di indagine e rielaborazione alla raccolta delle fonti orali, dove però l’elemento filmico svolge esso stesso un ruolo di dispositivo della memoria, di meccanismo che mette in moto nuove narrazioni. I film, il cui status muta una volta digitalizzati, dunque assumono la funzione (e la forma) di dispositivi della memoria: in primo luogo per i protagonisti e i testimoni, stimolati dalla visione – dopo molto tempo – delle proprie immagini al ricordo e al racconto autobiografico, e in seconda battuta per gli artisti, i curatori e infine gli spettatori che si appropriano di immagini altrui. Così il cinema amatoriale, trasformato in un dispositivo di una memoria condivisa e partecipata, possa collocarsi in una dimensione in bilico tra il privato e il pubblico, tra il visibile e l’invisibile, tra la storia personale e la storia collettiva, attivando un processo di scavo che genera proliferazioni spesso imprevedibili. Saranno proposti casi di studio dall’Archivio Nazionale del Film di Famiglia.

Abstract (english version)
The “short twentieth century” seen through the amateur film images may produce a crosshistoriographical and unknown narration, ijust because of their point of view (from below). It is the case of several attempts produced for over twenty years by scholars and filmmakers. Small gauges film sources, increasingly accessible in the archives, allow the researcher, the filmmaker and the curator of art projects to do an authentic immersion in the past, thanks to personal memories recorded on film, taken from the surroundings and everydaylife of the filmmakers (A. Cati). It may even venture the hypothesis of home movie as a sort of “genre of historiography”: individuals “tells” their story through images and show the world around them and in which they feel at the center (S. Aasman). In any case they keep a high degree of authenticity, because they are “spontaneous images” (A. Gilardi), which perform now their function as “eye witnesses” (P. Burke) of the time which they belong to. But how to query these “mute” sources, which appear as “ghosts to be tamed”(A. Bazin)? The home movies, usually without a structured narration, since it rather as a moving picture album (R. Odin), is hardly separable the context from which it comes. Then with the images we need to collect and analyze other sources from their background. In the process of investigation and reworking of the amateur film images, in particular oral sources are taken into account. The film element itself plays a role as a device for memory in a mechanism that sets in motion new narratives. The films, whose status changes since they are remedied in digital, can therefore assume the function (and shape) of real devices: first for the protagonists and witnesses, stimulated by the vision – after a long time – of their images to remember and give back their autobiography, and in second place for the artists, the curators, and finally the spectators who appropriate other people’s images. The examples illustrate the Italian case (from Archivio Nazionale del Film di Famiglia): how the amateur film, turned into a device of a shared and collective memory, can be placed in a dimension between the private and the public, between the visible and the invisible, between personal history and collective history, activating an excavation process that generates often unpredictable proliferations.