Panel Ravenna AIPH-47

Abstract e documentazione del Panel

Venerdì 9 Giugno | h. 14.30-16.00 | Palazzo Corradini, Aula 3 [Galleria fotografica]

AIPH-47 Migrazioni e comunità locali
Coordinatrice Maddalena Tirabassi (Centro Altreitalie)

  1. Filippo Frangioni (ANCI), Seconde generazioni: You2TellEU 
  2. Santo Lombino (Insegnante), Public History in un paese siciliano 
  3. Sonia Salsi (Ricercatrice indipendente), Anna Caprarelli (Università della Tuscia), Raccontare l’emigrazione italiana. I nuovi linguaggi della diaspora italiana in Belgio

Migrazioni e comunità locali
-Sintesi del panel (pdf)

1. Seconde generazioni: You2TellEU 
Filippo Frangioni (ANCI)

Abstract
La relazione proposta ha lo scopo di presentare e analizzare i risultati di un progetto di memoria storica, co-finanziato dall’Unione Europea, nell’ambito del programma Europa per i cittadini. Il progetto si intitola You2TellEu e si rivolge a giovani di seconda generazione, che vivono in Toscana e provengono da famiglie originarie dell’Europa orientale. Anci Toscana (Associazione dei Comuni toscani) è promotore e capofila di un partenariato internazionale. Per seconde generazioni intendiamo, seguendo la più diffusa definizione sociologica, coloro che sono nati in Italia da genitori stranieri oppure che sono arrivati in Italia in un’età precedente all’adolescenza. Il progetto prevede la costituzione di un laboratorio di storia e memoria storica, con giovani di seconda generazione. Il primo obiettivo del laboratorio è creare una discussione attorno ad alcuni temi e problemi di storia contemporanea dell’Europa orientale. In particolare, ci occuperemo del sistema dei mass media e della rappresentazione pubblica della storia sotto i regimi comunisti. Il secondo obiettivo è sviluppare un’analisi critica delle fonti, utilizzando soprattutto risorse online. Il terzo obiettivo riguarda la comprensione di alcune specifiche metodologie di ricerca di storia orale. A conclusione del laboratorio, i partecipanti intervisteranno alcuni immigrati di prima generazione, che hanno vissuto sotto i governi comunisti dell’Europa dell’Est, per comporre un archivio audiovisivo di testimonianze consultabile in rete. Le attività si svilupperanno fra febbraio e maggio 2017. Attraverso il laboratorio intendiamo valorizzare il ruolo delle seconde generazioni, come ponte fra storie e culture diverse. Al tempo stesso, le attività potranno mostrare, in modo originale, le relazioni che intercorrono fra la vita sociale e culturale a dimensione locale e la storia internazionale, compresa attraverso il patrimonio di memorie dei migranti.

Abstract (english version)
The proposed paper aims to present and analyze the results of an historical memory project, co-funded by “Europe for Citizens” Programme of the European Union. The project is titled “You2TellEu” and focuses on second-generation Tuscan young people whose parents immigrated from Eastern Europe. Anci Toscana (Municipal Association of Tuscany) is the project applicant’s organization. Second-generation Italian definition generally accepted is those born in Italy to foreign parents or who have migrated to Italy as a child. The project envisages the establishment of History and Historical Memory Workshop, actively involving second-generation young people. The first objective of the workshop is to create a discussion about issues of contemporary Eastern European history, especially the mass media system and the public representation of history under communist regimes. The second objective of the workshop is to develop a critical analysis of the sources, especially using online resources. The third goal is to understand specific methodologies on oral history research. At the workshop’s conclusion, the young participants will interview first-generation immigrants, who have lived under Eastern European communist regimes, creating an audiovisual archive of testimonies available for online consultation. The workshop will be implemented from February to May 2017. Through the workshop we intend to contribute to promote the role of second-generation as a bridge between different cultures. The activities will show, in an original way, the relationship between the cultural life at local level and the international history, learned through the heritage.

2. Public History in un paese siciliano
Santo Lombino (Insegnante)
-Testo intervento (pdf)
-Slide intervento (pdf)

Abstract
Cercherò in questa comunicazione di riflettere sul bilancio di una serie di iniziative progettate e realizzate nell’arco temporale degli ultimi 45 anni nell’ambito di una piccola comunità siciliana, Bolognetta, nell’hinterland del capoluogo di regione, a metà strada tra Palermo e Corleone. Bolognetta contava al censimento del 1971 circa 2350 abitanti ed oggi circa 4200, con una repentina crescita dovuta a flussi migratori provenienti contemporaneamente, per motivi soprattutto economici, dall’interno della Sicilia e dalla città di Palermo. I dati dei censimenti dicono che quasi il 12% degli abitanti dai 6 anni in su non ha conseguito alcun titolo di studio, il 20% circa ha la licenza elementare, quasi il 40% un diploma di scuola media, il 24,8% un diploma di istruzione superiore e il 9,5 % un diploma di laurea. Il tasso di partecipazione al mercato del lavoro è del 42%. Quanto all’occupazione, il 53,4% dei lavoratori è impiegato nel terziario, il 18,5% nel commercio, il 17% nell’industria (soprattutto edilizia), l‘11% in agricoltura. In paese non si registrava in passato, tranne che nel ventennio fascista, una tradizione di commemorazione di eventi storici in cui era coinvolta la popolazione. Dagli anni ‚70 del Novecento in poi alcune associazioni culturali e turistiche, nella maggior parte dei casi col sostegno economico dell’amministrazione comunale, hanno cominciato a proporre ai cittadini attività rievocative di eventi e fenomeni del passato. Così, nel corso del periodo esaminato, si sono sviluppate manifestazioni in occasione di anniversari di fatti storici, come la fondazione del comune (1600) e il cambiamento di nome da Santa Maria d’Ogliastro a Bolognetta (1883). Tali ricorrenze, spesso accompagnate dalla pubblicazione di volumi e dalla realizzazione di convegni di studi, sono in genere sembrate agli organizzatori memorabili di per sé, per cui non occorreva neppure motivare l’iniziativa. Un‘altra tipologia ha riguardato esposizioni di immagini fotografiche raccolte tra gli abitanti, di documenti presenti negli Archivi di Stato, comunale e parrocchiale, di pannelli che illustrano permanentemente le tappe della storia del paese, mostre a carattere etno-antropologico (Vita e lavoro contadino). Un terzo filone ha utilizzato rappresentazioni teatrali e cortei in costume per le strade e le piazze, in cui gli abitanti hanno fatto da comparse o da attori, guidati da un regista professionista. Particolarmente riuscita, tanto da essere rappresentata anche negli Stati Uniti, la trasposizione teatrale della memoria autobiografica La spartenza (Einaudi, 1991, prefazione di Natalia Ginzburg; Navarra, 2013, prefazione di Goffredo Fofi) del contadino emigrato bolognettese Tommaso Bordonaro. Mentre è difficile valutare quanto le varie attività sviluppate da diverse agenzie nel periodo 1971-2016 abbiano inciso sul modo di rapportarsi al passato e di considerare la storia da parte dei diversi strati della popolazione, il problema più importante è comprendere per quali ragioni alcune iniziative abbiano visto il coinvolgimento di centinaia e a volte migliaia di abitanti del paese e dei paesi limitrofi, al contrario di altre che non hanno avuto successo di pubblico, venendo meno quindi alla finalità per cui erano state progettate. Dall’osservazione dei vari momenti possiamo dedurre che siano risultate „vincenti“ le manifestazioni (laboratori teatrali, raccolte di fotografie, di strumenti di lavoro, suppellettili domestiche…) in cui vasti gruppi di cittadini siano stati coinvolti sia nella fase preparatoria sia nel momento di proporre una fruizione esterna. Sono state anche premiate da ampia presenza di pubblico quelle attività in cui la rievocazione è stata „spettacolarizzata“ all’interno di una cornice celebrativa più vasta, molto simile ad una sagra o ai festeggiamenti per il santo patrono (sbandieratori, corse di cavalli, concerti musicali, ecc.). Al contrario, sono state generalmente poco visitate le esposizioni di documenti archivistici e, in parte, di quelle fotografiche, mentre la partecipazione ai momenti di riflessione come i convegni e gli incontri, benchè non trascurabile, ha fatto registrare a volte la preponderanza di studiosi e osservatori provenienti dal capoluogo o da comuni limitrofi. Nel complesso, però, il fatto che in un comune di così modeste dimensioni si sia potuta organizzare una così variegata gamma di proposte di natura divulgativa mostra, almeno all’interno di una significativa minoranza, la presenza di un „bisogno di storia“, di una domanda di conoscenza del passato, ritenuta interessante in quanto parte integrante della vicenda personale di ciascuno e della collettività di appartenenza.

3. Raccontare l’emigrazione italiana. I nuovi linguaggi della diaspora italiana in Belgio
Sonia Salsi (Ricercatrice indipendente), Anna Caprarelli (Università della Tuscia)

Abstract
Raccontare un movimento migratorio è sempre problematico sia per le questioni sociali che inevitabilmente solleva sia per le dimensioni e gli innumerevoli mutamenti che porta con se. Rimane fondamentale l’accuratezza dei dati storici che devono, per necessità narrativa, imprescindibilmente legarsi ad una certa dose di creatività empatica per potere essere narrati e recepiti dal pubblico. A distanza di 70 anni dai primi accordi bilaterali, che prevedevano lo scambio di materie prime in cambio di mano d’opera tra Italia e Belgio, sono nate una serie di iniziative mediatiche particolarmente interessanti. Questi eventi hanno saputo coniugare storia, letteratura e arte a vari livelli sia per quanto riguarda i contenuti storici che le tecniche narrative. Il lasso di tempo ormai passato ha permesso alle giovani generazioni di “recuperare” con una pacata leggerezza i temi traumatizzanti dell’emigrazione (viaggio, alienazione, nostalgia, condizioni di lavoro e di vita…). Opere teatrali, mostre fotografiche e lungo metraggi autoprodotti e finanziati grazie alle nuove possibilità del crowdfunding, spettacoli acrobatici, fumetti si sono velocemente avvicendati sul panorama francofono belga per rappresentare e narrare l’emigrazione italiana post-bellica. Tutti questi eventi e creazioni sono frutto di una onda lunga di riflessioni di lungo periodo all’interno della comunità italiana residente in Belgio. Riflessioni che portano su temi cardini quali il senso d’identità storica e culturale direttamente collegati all’appartenenza ad una comunità che sta lentamente modificandosi e sparendo per motivi generazionali. Questo panel presenterà le ultime produzioni che si ricollegano a questa nuova elaborazione del racconto migratorio italiano nella fattispecie in Belgio.

Abstract (english version)
Narrating a migratory movement always poses problems either for social matters that inevitably rise from the storytelling but also for the difficulty to explain dimensions and changes that go with it. Still the fundamental accuracy of historical data is necessary, even if conveniently blended, in order to be effectively narrative, with a certain amount of creativity,  to be able to be sympathetically narrated and acknowledged by the public. 70 years have passed since the signing of the bilateral treaty between Italy and Belgium in which labour and workers were traded in change of coal as a raw material. During these long years, history has decanted throughout the generations giving birth, lately, to a number of very interesting events mixing history with art, literature and great events and this at various levels, both as to give importance to the historical contents and the narrative techniques. Time has passed allowing younger generation to “catch up” memories in a subdued way, leaving behind all the most traumatic themes of emigration (travel, alienation, nostalgia, working conditions and living conditions…). Theater plays, exhibitions and self-produced feature films financed thanks to crowdfunding, stunt shows, comic books have quickly appeared in the artistic Belgian landscape to represent and narrate the post-war Italian emigration. All these events and creations are the result of a long wave of long-term thinking within the Italian community in Belgium. Reflections that bring issues such as the meaning of historical and cultural identity directly linked to belonging to a community that is slowly changing and disappearing for generational reasons. This panel will present the latest products that are linked to this new development of the Italian migration history and storytelling in Belgium.