Panel Ravenna AIPH-48

Abstract e documentazione del Panel

Giovedì 8 Giugno | h. 12.00-13.30 | Palazzo Corradini, Aula 3 [Galleria fotografica]

AIPH-48 Il patrimonio fotografico tra conservazione e fruizione
Coordinatrice Tiziana Serena (Università di Firenze)

  1. Davide Macaro e Luca Rubino (Beautytaly), blog BEAUTYITALY 
  2. Raffaella Biscioni (Università di Bologna), La digitalizzazione del patrimonio fotografico e le pratiche di Public History in Italia 
  3. Davide Polo (Ukkosen Teatteri), Fotografia, Storia, e Rigenerazione Urbana 
  4. Antonio Avitabile (Rete biblioteche Prato), Archivio Fotografico Toscano, trent’anni di Public History

1. blog BEAUTYITALY
Davide Macaro e Luca Rubino (Beautytaly

Abstract
L’intervento sarà dedicato al racconto dei primi due anni di esperienza del progetto BeautyItaly. Progetto ideato da due amici / colleghi (un architetto ed un urbanista) desiderosi di raccontare con le immagini fotografiche le aberrazioni nel cambiamento del territorio e del paesaggio italiano: conoscenza e comprensione, della storia della storia urbana e della storia dell’ambiente e del paesaggio, attraverso la pratica della fotografia. L’intento è sempre stato quello di rendere BeautyItaly un “progetto collettivo” d’indagine, un’esplorazione condivisa sul legame tra uomo e territori che abita, dando l’opportunità a chiunque di partecipare con le proprie fotografie a questo racconto collettivo. In modo da riuscire a raccogliere il punto di vista di ogni cittadino capace di esprimere una consapevolezza storica dell’ambiente che lo ospita. Ventotto articoli (proposti da 7 fotografi, o gruppi di fotografi, professionisti e non) composti da rassegne fotografiche e brevi testi descrittivi, compongono il grosso del lavoro fatto fin qui; vorremmo implementare questo progetto diventando un racconto “iper‐fotografico” sulle pratiche e le strategie del territorio che cambia (un’indagine per mezzo di mappe conoscitive ottenute con: fotografie, immagini, ortofoto, video, suoni, testi, dati, ecc.). La fotografia (sia nella sua componente documentale, sia come testimonianza storica) è oggi alla portata di tutti (soprattutto dopo l’avvento del digitale); BeautyItaly può così divenire espressione di un civile sentimento di vicinanza ai luoghi, strumento di comprensione: certamente modalità per “prendersi cura di”. Luoghi o “città”che, non sono oggetto di giudizio critico se belle o brutte, “felici” o “infelici”, ma che riprendendo le parole di Italo Calvino, ha senso dividere in altre due specie: “quelle che continuano attraverso gli anni e le mutazioni a dare la loro forma ai desideri e quelle in cui i desideri o riescono a cancellare le città o ne sono cancellati.” BeautyItaly è un blogbeautyitaly.wordpress.come si trova inoltre su Facebook, Twitter ed Instagram.

Abstract (english version)
Our speech will introduce the experience of BeautyItaly in the past two years. This project has been conceived by two friends – colleagues (an architect and an urban designer) with the purpose of describing and immortalizing through photography the changes and the aberrations that are occurring in the Italian landscape; this is a work based on the analysis and the comprehension of the history and the evolution of territory and urban spaces through images. We want BeautyItaly to be a “collective project “ to investigate the relationship between the population and the areas where they live, how we relate with territory, how we perceive the space and how we use the soil; we are seeking for many contributors in order to gain different points of view and figure out a new consciousness about the environment. The core of our research until now is made of 28 investigations (that came from 7 different photographers or groups of photographers or photography and landscape lovers); we would like to improve this collective heritage and make it become a photographical tale and a common knowledge about problems, strategies and evolution of our territory, through pictures, images, diagrams, videos and data in general. Photograpy is nowadays a tool that everyone can handle; everyone can be a contributor and a reporter of this project and everyone can take care of the environment. You can follow our activity through our blog:beautyitaly.wordpress.comand on Facebook, Twitter and Instagram.

2. La digitalizzazione del patrimonio fotografico e le pratiche di Public History in Italia
Raffaella Biscioni (Università di Bologna)

Abstract
La principale problematica che la mia proposta di panel intende esplorare riguarda il fatto che la recente e notevolmente aumentata disponibilità di immagini fotografiche storiche su molti tipi di canali di comunicazione, e su Internet in particolare, tende ad aumentarne indefinitamente la possibilità di accesso, mentre allo stesso tempo decostruisce e propone su una sola dimensione orizzontale e non gerarchizzata una grande quantità di informazioni che non possono essere facilmente gestite dagli utenti. L’uso pubblico del patrimonio digitale solleva la questione di indagare nuove possibili forme di mediazione, di come organizzare culturalmente tale patrimonio al fine di fornire una serie di strumenti per la conoscenza e lo sviluppo culturale, preservando la libertà di accesso. Queste nuove forme di mediazione culturale e gli strumenti volti a un uso pubblico del patrimonio digitale non dovrebbero essere imposti dall’alto, ma piuttosto essere il risultato di un processo che coinvolge attivamente gli utenti stessi. In questo senso, particolarmente degne di nota sono le esperienze di “storia pubblica” largamente presenti, anche se spesso in maniera non esplicita,  nel caso di studio che intendo analizzare, quello delle attività svolte nell’ambito per la valorizzazione della fotografia d’epoca,  che sono uno degli aspetti più interessanti di uso pubblico del passato in una nuova dimensione, creando un rapporto diverso e più interazione tra il luoghi di “alta” cultura (università e istituti di ricerca), operatori, istituzioni, associazioni culturali e il pubblico in generale. Il caso di studio che intendo esplorare, è quello delle attività svolte da vari soggetti individuali e collettivi all’interno della Società Italiana di Studi sulla Fotografia, di cui sono stata uno dei soci fondatori. In molti casi infatti queste attività si sono svolte con la partecipazione attiva alla raccolta, interpretazione e studio delle fotografie con vari gradi di partecipazione di attori molto diversi.

Abstract (english version)
The main, problematic issue that our paper  intend to explore pertains to the fact that the greatly increased availability of images in all types of communication channels , and on the Internet in particular, tends to indefinitely increase freedom of access, while at the same time it deconstructs and places on a single horizontal dimension a large amount of information which cannot be fully managed by users. Public use of digital heritage raises the question of investigating new possible forms of mediation and how to culturally organise such heritage in order to provide a set of tools for cultural awareness and development while preserving freedom of access. These new forms of cultural mediation and these instruments aimed at a public use of digital heritage should not be imposed from above, but rather be the outcome of a process which actively involves the users themselves. In this sense, particularly worth mentioning are the experiences of “public history” so widely present throughout the activities of my “case study” , which are one of the most interesting aspects of public use of the past in a new dimension, creating a different relationship and more interaction between the places of “high” culture (universities and research institutes), operators, institutions, cultural associations and the general public. The case study that I intend to explore, is that the activities of various individual and collective subjects within the Italian Society of Studies on Photography, of which I was one of the founding members. In many cases, in fact, these activities were carried out with the active participation of very different actors in the collection, interpretation and study of the historical photographs.

3. Fotografia, Storia, e Rigenerazione Urbana
Davide Polo (Ukkosen Teatteri) 

Abstract
Sarà analizzato lo svolgimento di tre diversi progetti gestiti da tre soggetti diversi, l’Associazione Ukkosen Teatteri di Cormòns, in Friuli, il progetto History of italian pop Photography, con sede a Milano e la dottoressa Chiara Pradella, che si è occupata della riqualifiazione del palazzo nella cui soffitta operò il filosofo Carlo Michaelstaedter a Gorizia, che hanno in comune una forte partecipazione della cittadinanza. Nel dettaglio saranno prese in esame le strategie che hanno permesso: il coinvolgimento del tessuto sociale dei territori di appartenenza dei progetti; l’identificazione della popolazione nei progetti culturali; il riconoscimento degli stessi come prodotto della propria cultura; la partecipazione attiva delle persone nel lavoro di diffusione dei contenuti culturali. Saranno inoltre oggetto di discussione le strategie comunicative utilizzate per sensibilizzare le persone e diffondere gli output culturali dei progetti, l’approccio multidisciplinare utilizzato per massimizzare la diffusione dei contenuti e gli strumenti espositivi utilizzati per veicolare i messaggi.

Abstract (english version)
The panel will have as main theme the involvement of people in the cultural divulgation processes, how can be possible that, through participatory paths, communities of citizens take back possession of their (not necessarily physical) spaces, and how this process makes it particularly easy to spread content rather complex, with specific reference to the world of photography. We will analyze the performances of three different projects managed by three different actors: Association Ukkosen Teatteri from Cormòns, Friuli, History of italian pop Photography Project, based in Milan, Dr. Chiara Pradella, that is working for the requali_cation of the building in which the philosopher Carlo Michaelstaedter worked, in Gorizia. The projects have in common a strong citizen participation. Will be examined in detail the strategies that have enabled: involvement of the social fabric of the territories belonging to the projects; identification of the citizens in cultural projects; approval of these projects as a product of their own culture; active participation of people in the work of dissemination of cultural content. Will be also discussed the communication strategies used to raise awareness and spread the cultural output of the projects, the multidisciplinary approach used to maximize the dissemination of contents and the exhibition tools used to convey the concepts.

4. Archivio Fotografico Toscano, trent’anni di Public History
Antonio Avitabile (Rete biblioteche Prato)

Abstract
Nato per il recupero e la valorizzazione del patrimonio fotografico regionale e della sua memoria , l’AFT con la sua lunga e molteplice attività (è aperto al pubblico dal 1985) costituisce di per sé un esempio di Public History Fa capo al Comune di Prato e, grazie alla Regione Toscana, ha realizzato diversi progetti di interesse collettivo, dal Censimento delle raccolte regionali alle iniziative per gli appassionati, la scuola, il territorio Ha promosso la cultura fotografica scientificamente e storicamente orientata con varie proposte (editoriali – a cominciare dal semestrale «AFT. Rivista di storia e fotografia» – indagini, seminari, corsi, mostre, banche dati) e, attraverso la lista di discussione sfotografie, raccoglie e veicola fra studiosi e cultori, le principali notizie sulla fotografia e sul patrimonio fotografico in Italia Per stimolare la sensibilità verso la fotografia come bene culturale ha coinvolto un pubblico eterogeneo (scuole e varie realtà sociali) che, chiamato a partecipare, ha aumentato la consapevolezza della memoria storica della comunità, sollecitandone il sentimento identitario Via via ha adeguato le sue attività alle esigenze emergenti nell’ottica della tutela e della fruizione del patrimonio, aggiungendo ai contenuti consueti (cataloghi e banche dati) offerte innovative rivolte al grande pubblico (mostre virtuali, social networks) Possiede una raccolta di documenti fotografici, molti toscani, un nucleo di oggettistica storica (macchine da studio, stereoscopi, materiali vari da laboratorio), una biblioteca specializzata con testi in lingua (le pubblicazioni confluiscono nel Catalogo collettivo provinciale pratese e in SBN), una emeroteca, un laboratorio per ripresa e scansione. Attualmente conserva ca. 150.000 pezzi (lastre su vetro, pellicole, stampe, album) organizzati in fondi e raccolte, catalogati secondo le norme nazionali (ICCD e Nuovo soggettario/BNCF).

Abstract (english version)
Archivio Fotografico Toscano (AFT) is an Institute of the Municipality of Prato, opened to the public since 1985. Supported by Tuscany Region, it was born to collect and promote photographic heritage. For its activity AFT is itself an example of Public History. In fact it has worked on the territory with many projects of public interest, such as the Regional Photographic Collections Census or initiatives for amateurs, students, locals. From the beginning it has encouraged Photography culture scientifically and historically oriented by several activities (i.e. the review “AFT . Rivista di storia e fotografia”, surveys, seminars, classes, exhibitions and databases). It also gathers and broadcasts the main news and info about photography and photographical heritage in Italy through the mailing list “S-fotografie”, addressed to experts and amateurs. With its activities, AFT has greatly helped to perceive photography as a cultural heritage, and increased the awareness about local History and its memory and stimulated community identity in a large and heterogeneous public. Time by time AFT has upgraded its offer to meet new specific demands, mixing traditional means (catalogue and database) and new media such as virtual exhibitions and social networks, to reach a various and not specialized public, always keeping in the foreground good practices for use and preservation of photographic heritage. AFT owns a collection of photographic documents and a section of historical photographic objects (banquet cameras, stereoscopes, lab materials and tools). It has a specialized library, rich in technical texts in different languages, with a large periodical section (collected in the CCP of Prato and in SBN). Currently, it preserves about 150.000 photographic documents (glass plates, films, prints and albums) catalogued and treated according to the National Standards (ICCD and Nuovo Soggettario/BCNF).