Panel Ravenna AIPH-5

Abstract e documentazione del Panel

Venerdì 9 Giugno | h. 16.15-17.45 | Palazzo Corradini, Aula 2 [Galleria fotografica]

AIPH-5 Ricercare, raccontare, divulgare, mostrare: Sardegna e dintorni
Coordinatore Cecilia Novelli (Università di Cagliari)

  1. Roberto Ibba (Università di Cagliari), Public History, Intangible Heritage e comunità: nella Sardegna meridionale 
  2. Giampaolo Salice (Università di Cagliari), Khorakhané. Un esperimento di Public History in Sardegna 
  3. Valeria Deplano (Università di Cagliari), Sardegna d’oltremare. La memoria coloniale dei sardi dalle soffitte al web 
  4. Silvia Benussi (Università di Cagliari), Creazione e divulgazione delle testimonianze istituzionali: prospettive di genere nelle fonti audiovisive per la storia delle amministrazioni locali

Ricercare, raccontare, divulgare, mostrare: Sardegna e dintorni
-Sintesi del panel (pdf)

Abstract
Il Panel che proponiamo intende affrontare un percorso di valorizzazione della memoria del territorio sardo, ma applicabile a qualsiasi territorio, utilizzando una molteplicità di percorsi materiali e immateriali. Utilizzando il metodo dell’Open museum, Museo diffuso, intende valorizzare la memoria e la storia di un territorio attraverso quattro esempi concreti, che costituiscono solo un caso esemplificativo facilmente interscambiabile con altri esempi. In genere affronta la nuova sfida del raccontare, divulgare e mostrare la Storia oggi, alla luce delle esigenze del pubblico e della divulgazione di massa, mantenendo un alto profilo scientifico. La questione dei nuovi linguaggi e dell’uso pubblico della storia era già stata posta qualche anno fa da Maurizio Ridolfi il quale affermava che è necessario confrontarsi con l’uso pubblico della storia e con i linguaggi multimediali e audiovisivi. E ritenendo necessario, in qualche modo, connettere il “fare” la storia con il “comunicarla”. Oggi la Public History costituisce un esempio pratico di come si possano coniugare insieme ricerca scientifica e divulgazione. E soprattutto, come ha scritto anni fa Serge Noiret, nel suo “Public History” e “Storia Pubblica” nella Rete è “una storia fatta sul terreno con la gente che produce testimonianze della storia stessa”.  I quattro contributi proposti in questo panel si occupano di quattro realtà diverse alcuni materiali altri immateriali dove si ricostruisce la storia dei sardi sul loro territorio. Il primo intervento di Roberto Ibba propone un allestimento museale su una zona della Sardegna centro meridionale dal suggestivo titolo di “I Cavalieri delle colline”, dove il pubblico può utilizzare postazioni informatiche per la ricerca. Giampaolo Salice illustra l’esperienza dell’Associazione Khorakhanè che raccoglie in un museo virtuale racconti orali e fotografici di comunità e dei luoghi che queste abitano. Valeria Deplano, si è occupata della raccolta e della costruzione di un portale sulle memorie dei sardi che sono andati a combattere in Africa. Silvia Benussi propone le interviste alle donne che hanno ricoperto la carica di sindaco in Sardegna.

Abstract (english version)
The Panel aims to valorise the memory of the Sardinian territory by following a number of tangible and intangible pathways that could also be applied to other territories. Using the method of Open Museum, the aim is to recognise the memory and history of an area through four concrete examples, which go to make up an illustrative case that can easily be substituted by other examples.  Generally speaking, the Panel will tackle the modern-day challenge of narrating, popularising and illustrating  History today, whilst maintaining a high scientific profile, and bearing in mind  the needs of the  public and of mass dissemination.  Maurizio Ridolfi already addressed the issue of new languages ​​and the public use of history a few years ago when he affirmed that it is necessary to confront the public use of history with multimedial and audiovisual languages. And it is also important to connect “doing” and “communicating” history in some way. Nowadays, Public History is a practical example of how scientific research and dissemination can be combined. And above all, as Serge Noiret wrote many years ago in his “Public History” and “Storia Pubblica” nella Rete, it is “a history carried out in the field with people who document this selfsame history.” The panel’s four proposed contributions deal with four different tangible and intangible situations in which the history of the Sardinians in their land is reconstructed.  Roberto Ibba’s proposal illustrates a museum, suggestively called “I Cavalieri delle Colline” [The Knights of the Hills], which focuses on one of the south-central regions of Sardegna and is equipped with public computer workstations.  Giampaolo Salice describes the experience of the Khorakhanè Association whose  virtual museum collects the oral and photographic histories of the community and the places they inhabit. Valeria Deplano who organised the collection and construction of a portal on the recollections of all the Sardinians who went to fight in Africa. The final contribution is by Silvia Banussi propose the interviews of women who have served as mayors in Sardinian town councils.

1. Public History, Intangible Heritage e comunità: nella Sardegna meridionale
Roberto Ibba (Università di Cagliari)
-Slide intervento ITA (Prezi)
-Slide intervento ENG (Prezi)

Abstract
Il mutato contesto mondiale, gli effetti del processo di globalizzazione, un nuovo rapporto tra centro e periferia, in questi ultimi due decenni hanno prodotto nelle comunità l’esigenza sempre maggiore di riscoperta della propria memoria, del proprio patrimonio culturale e della propria storia. L’Unesco, dopo la convenzione sul patrimonio culturale mondiale del 1972, ha approvato nel 2003 la convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale che ha permesso l’estensione del concetto di salvaguardia anche alle pratiche, ai saperi, ai processi produttivi. La convenzione del Consiglio d’Europa sul valore dell’eredità culturale per la società (Faro, 2005) ha introdotto il concetto di comunità patrimoniale (o comunità di eredità), che coinvolge in una partecipazione attiva i soggetti attori e custodi del patrimonio. All’interno di questa cornice concettuale e normativa, la Public History è uno degli strumenti, che assieme alle discipline demo-etnoantropologiche, può rispondere adeguatamente alla domanda di storia che emerge dai territori. Troppo spesso infatti si assiste, in Sardegna e altrove, a un proliferare di pubblicazioni, eventi, produzioni, dal sapore storico che ripropongono narrazioni, ormai sedimentate nell’opinione pubblica, senza il necessario approfondimento metodologico e analitico. La Public History se da un lato salvaguardia la metodologia di ricerca storica, dall’altro pone il ricercatore nel ruolo di mediatore tra le fonti e le comunità, con il difficile compito di creare percorsi partecipativi di divulgazione. L’intervento si concentrerà principalmente sul progetto di allestimento del museo “I Cavalieri delle Colline”, che attraverso la ricerca storica e genealogica sulle famiglie aristocratiche della Marmilla, ha ricostruito la storia dei villaggi dal punto di vista economico, sociale e architettonico. L’utilizzo di applicazioni multimediali nel percorso museale e la pubblicazione di un sito web con le genealogie ha favorito la partecipazione attiva dei visitatori. Altri due progetti realizzati nei comuni di Setzu e Villamar, rispettivamente per la ricostruzione delle genealogie familiari del paese e la ricostruzione della biografia di una poetessa locale, hanno coinvolto le due comunità producendo un esito più tradizionale: la pubblicazione di due libri diffusi capillarmente tra la popolazione.

Abstract (english version)
Over the last two decades, the changed global context, the impact of the globalisation process and a new centre-periphery relationship have led communities to recognise the growing need to rediscover the collective memory of their own cultural heritage and history.  In 2003, following the 1972 World Cultural Heritage Convention, UNESCO approved the Convention for the Safeguarding of the Intangible Cultural Heritage which allowed the concept of safeguarding to also be applied to practices, knowledge, and production processes. The Council of Europe Convention on the Value of Cultural Heritage for Society (Faro, 2005) introduced the concept of community asset (or heritage community), which involves an active participation from the stakeholders and custodians of the heritage. Within this conceptual and legislative framework, Public History is one of the tools that, along with the demo-ethno-anthropological disciplines, can adequately meet the needs of a history that has to do with territories. All too often, in Sardinia and elsewhere in the world, we are witness to a proliferation of publications, events, and works that have a historical flavour and which reproduce stories that have become established common beliefs which have never been the subject of essential in-depth methodological and analytical research.  If, on the one hand, Public History safeguards historical research methodology, on the other, the researcher is assigned the role of mediator between the sources and the community, and the difficult task of creating participatory dissemination pathways. The work will mainly focus on the project that set up the “I Cavalieri delle Colline [The Knights of the Hills]” Museum, which has used historical and genealogical research on the aristocratic families of the Marmilla area to reconstruct the economic, social, and architectural history of several villages in this region.   The use of multimedia applications in the museum and the creation of a website with the genealogical data have encouraged the active visitor participation. The reconstructions of family genealogies from the township of Setzu and of the life of a local poet from the Villamar municipality have given rise to more traditional   results, with the publication of two books that have been disseminated widely among the local population.

2. Khorakhané. Un esperimento di Public History in Sardegna
Giampaolo Salice (Università di Cagliari)

Abstract
L’intervento dà conto dell’esperienza dell’Associazione Khorakhané, tra i pochi esperimenti di public history in Sardegna. Nata nel 2010, in 6 anni Khorakhané ha organizzato circa 50 appuntamenti dedicati alla storia, coinvolgendo oltre 70 studiosi di università e centri di ricerca pubblici e privati, isolani e non, con l’obiettivo di portare la ricerca storica all’esterno del perimetro accademico. Khorakhané ha inoltre promosso, attraverso strumenti digitali e open source, il coinvolgimento diretto delle popolazioni locali nella valorizzazione del patrimonio tangibile e intangibile dei territori. Sono nati così, tra gli altri, i progetti “Fotografica”, che coinvolge un’intera comunità nella ricostruzione della propria storia (sociale, urbana, agraria) attraverso la catalogazione e la condivisione delle sue fotografie storiche; oppure il documentario “Cagliari 1943. Memorie di uno sfollamento” che, incrociando testimonianze orali e documenti d’archivio, ricostruisce lo sfollamento dei cagliaritani seguito ai bombardamenti anglo-americani della seconda guerra mondiale. Centro problematico fondamentale di tutte le iniziative promosse da Khorakhané è il luogo, inteso come spazio denso di tempo, come sedime di eventi, ricordi, memorie; come tempo di trasformazioni, osservate lungo tutta l’età moderna. Lo strumento è il coinvolgimento diretto delle comunità, sia nella progettazione che nella realizzazione dei percorsi esplorativi e narrativi.

Abstract (english version)
The work recounts the experience of the Khorakhané Association as one of the few experiments in public history in Sardinia.  Since its foundation in 2010, over the past six years the Khorakhané Association has organised about 50 events dedicated to History, which have involved more than 70 scholars from universities and public and private research centres, as well as islanders and non-islanders, with the aim of taking historical research beyond the boundaries of academia. By making use of digital tools and open source, Khorakhané has also encouraged the direct involvement of local people in the valorisation of the tangible and intangible heritage of territories. This has given rise to several projects, such as the “Fotografica [Photographic] project which involved an entire community in the reconstruction of its own social, urban and agricultural history, through the cataloguing and sharing of its historical photographs; or again the documentary titled “Cagliari 1943. Memorie di uno sfollamento” [Cagliari 1943. Memories of Evacuation] which interlaces oral histories and archival documents to retell the evacuation of the townsfolk of Cagliari following the Anglo-American bombings in World War II. Il luogo [place] is the nerve centre for all the initiatives promoted by Khorakhané.  Il luogo is considered as a space packed with time which is the sediment of events, recollections, and memories; a time of transformation observed throughout the modern age. The chosen instrument is the direct involvement of communities, both in the planning and implementation of exploratory and narrative paths.

3. Sardegna d’oltremare. La memoria coloniale dei sardi dalle soffitte al web
Valeria Deplano (Università di Cagliari)

Abstract
Il paper presenterà il portale fotografico in fase di costruzione che costituisce uno degli esiti di Sardegna d’oltremare, progetto finalizzato alla raccolta e digitalizzazione delle memorie scritte e iconografiche dei sardi che parteciparono alla vicenda coloniale italiana. Nato nel 2013, il progetto ha intersecato approcci e questioni propri della Public History: la richiesta di mettere a disposizione le proprie memorie di famiglia ha favorito naturalmente l’avvicinamento di un pubblico non accademico alla storia coloniale; la volontà di restituire le storie individuali e collettive alla comunità che ha contribuito alla raccolta ha reso il pubblico soggetto attivo, e non solo fonte o solo “ricettore” del discorso storico: il progetto è stato presentato in occasioni pubbliche, dando occasione di dibattere ampiamente delle tematiche coloniali con le comunità locali e di acquisire nuove testimonianze. E’ per rispondere all’evidente “bisogno di storia” che esiste in Sardegna, e che vede ancora pochi storici impegnati sul terreno, che si è deciso di costruire un portale in grado di comunicare gli esiti della ricerca, e di accogliere nuovi contributi in futuro. Soprattutto, però, è stata la difficoltà – in Sardegna come in Italia – di far diventare patrimonio collettivo i risultati degli studi sul colonialismo ad aver sollecitato un esito del progetto che prevedesse la costruzione di un oggetto di storia pubblica: che sollecitasse, cioè, una ampia “consapevolezza storica” della vicenda coloniale dando agli utenti gli strumenti per una lettura, critica, della documentazione recuperata. Il paper si strutturerà in tre parti: darà conto del ruolo del pubblico e delle comunità nella realizzazione del progetto; illustrerà gli strumenti utilizzati o ipotizzati per “integrare” le memorie private in un corpus significante e renderle fruibili in maniera consapevole; metterà in luce alcuni dei problemi, non tutti risolti, che si sono posti durante l’ideazione e la costruzione del portale.

Abstract (english version)
The paper presents the photographic portal which is currently under construction as a result of the Sardegna d’oltremare [Sardinia Overseas] project which aimed to collect and digitise the written and iconographic memories of the Sardinians who took part in Italian colonialism.  The project was started in 2013 and interlaced approaches and issues that are part of Public History. To give some examples,  asking people to narrate their own family memories clearly brought a non-academic audience closer to colonial history; the wish to give individual and collective stories back to the community that had contributed to their collection made the public a stakeholder and not just a source or “receiver” of historical discourse; and the numerous public presentations of the project provided the perfect opportunity to have lengthy discussions about the colonial question with the local communities and also to acquire new eye-witness accounts.  The clear “need for history” that exists in Sardinia where even today very few historians are actively engaged in research in the field was a reason that influenced the decision to build a portal to communicate the results of the study and to accommodate any future new contributions.  However, the main factor that spurred the project to work towards the construction of a public history object was the extreme difficulty with which the results of studies on colonialism can become a part of collective heritage in both Sardinia and in Italy. Hence, the decision to create a historical object that could stimulate a heightened “historical awareness” of the colonial experience and provide users with the tools to carry out a critical analysis of the retrieved documents.
The paper is structured in three parts: the first part explains the role of the public and communities in the implementation of the project; part two explains the tools used or postulated to “integrate” private memories into a significant corpus and to make this data accessible in a conscious way, while the final section highlights some of the problems, including a few still unsolved ones, that were encountered during the design and construction of the portal.

4. Creazione e divulgazione delle testimonianze istituzionali: prospettive di genere nelle fonti audiovisive per la storia delle amministrazioni locali
Silvia Benussi (Università di Cagliari)
-Slide intervento (pdf)

Abstract
Il progetto di intervistare le donne che hanno ricoperto la carica di sindaco nei comuni sardi nel periodo dal 1985 al 2015 nasce da un più ampio percorso di ricerca volto a studiare la rappresentanza di genere in Sardegna. È emersa, come logica conseguenza, la scelta di integrare la documentazione tradizionale con la raccolta di testimonianze orali, che ne costituirà la naturale prosecuzione e completamento. Per questo asse di indagine verrà utilizzato lo strumento delle interviste video da rendere disponibili on line. L’uso dello strumento audiovisivo nella storia istituzionale consente di rispondere a diverse finalità. Innanzitutto, permette di creare una nuova fonte, (con tutte le implicazioni metodologiche del caso) che renda la multiforme varietà dell’esperienza del vissuto istituzionale. In tal senso, l’elemento audiovisivo diventa essenziale al completamento dello studio della storia delle istituzioni politiche, nella misura in cui esso renda il concreto agire delle istituzioni, che non può prescindere dall’esperienza umana del singolo che vi ha lavorato contribuendo a dar loro forma. Un’esperienza che la videointervista rende in tutte le sue sfumature. Una seconda finalità coincide più in generale con un elemento fondante della storia orale: conservare la testimonianza diretta di tali esperienze, affinché non si perda nel tempo una dimensione istituzionale altrimenti ignota. In terzo luogo, tale approccio permette di trasmettere la conoscenza così acquisita a un pubblico che in questo caso è non solo destinatario di un modo più fruibile di apprendere la storia, ma anche insieme di cittadini direttamente interessati alla vita degli apparati che li governano. Infatti, proprio per la natura della Public History, è essenziale che essa sia coniugata correttamente con un approccio di genere: la rappresentazione della donna in politica, in questo caso specifico, è autorappresentazione, che passa nella testimonianza delle donne stesse, ma è anche, ovviamente, mediata dallo storico creatore, o co-creatore, della fonte. Pertanto la lente che ne mette a fuoco la narrazione pubblica risulta cruciale nel formare e trasmettere un immaginario che sia scevro dagli stereotipi di genere, grazie agli ormai consolidati strumenti dei gender studies.

Abstract (english version)
The project to interview women who have served as mayors in Sardinian town councils between 1985 and 2015 stems from a broader research project that has aimed to study gender representation in Sardinia. The choice to integrate traditional forms of documentation with the collection of oral testimonies emerged as a logical consequence, inasmuch as it leads to the natural completion of the research. The interviews will be collected using audiovisual tools, in order to make them available on-line. The use of audiovisual tools in institutional history has various purposes: firstly, it allows the researcher to tap into a new resource (with all the methodological implications associated with this kind of work) that helps reconstruct the variety of experiences in institutional life. In this sense, video interviews allow the researcher to understand people’s experience in all its nuances and the use of audiovisual material in general is essential to provide a more complete picture of the history of political institutions, insofar as they enable us to analyse concrete actions, clearly inseparable of the human experience of the people who work in them. A second and perhaps central purpose of making oral recordings of history is the opportunity it provides to conserve the direct testimony of people’s experiences, which would otherwise be lost and unknown. Third, this approach allows the transmission of the knowledge gained to an audience that cannot only benefit from a more enjoyable way to learn the history, but is also directly affected, as groups of citizens, by the behaviour of their representatives or civil servants. Indeed, the educational nature of Public History underlines the need to adopt a fitting gender approach; the representation of women in politics, in this specific case, is self-representation, constructed and made known through women’s testimonies. At the same time though, it is also a mediated representation by the historian who produces the source. Therefore, thanks to the well-established tools of gender studies, the perspective that focuses the public narrative is crucial in forming and transmitting images that should be devoid of gender stereotypes.