Panel Ravenna AIPH-6

Abstract e documentazione del Panel

Martedì 6 Giugno | h. 15.30-17 | Palazzo Corradini, Aula [Galleria fotografica]

AIPH-6 Quali strumenti e metodi per i Public Historian che useranno le fonti filmiche?
Coordinatrice Letizia Cortini (Università di Roma La Sapienza)

  1. Giulio Latini (Università di Roma Tor Vergata), Gli archivi filmici, fonti inesauribili di riusi creativi e di narrazioni-mondo 
  2. Silvia Savorelli (Documentarista), I tanti Cine-occhi 
  3. Aurora Palandrani (Assistente di produzione), Partecipazione attiva dal basso: esperienze di organizzazione di festival, premi, rassegne all’insegna dell’“altro” cinema di tutti e per tutti 
  4. Letizia Cortini (Università di Roma La Sapienza), Accedere alle fonti filmiche storiche: l’organizzazione dei patrimoni audiovisivi in Italia. L’importanza dell’apporto di professionalità diverse

AIPH-6 Quali strumenti e metodi per i Public Historian che useranno le fonti filmiche?
-Sintesi del panel (pdf)

Abstract
Quattro professionalità che lavorano da oltre vent’anni su e con patrimoni di Archivi di film, riflettono sull’accessibilità, la divulgazione, il ri-uso creativo e critico delle fonti filmiche. Si partirà da una pluralità di domande, a cui si tenterà di dare risposte, dialogando con il pubblico: i film, fonte preziosa per indagare la storia contemporanea, possono essere utilizzati come uno stimolo per raccontare criticamente un periodo storico anche da parte di un pubblico non accademico? E’ possibile costruire progetti di memoria attiva e partecipata di una comunità, a partire dalle memorie private, confrontandole e rielaborandole attraverso il linguaggio dei film documentari conservati negli archivi? Gli archivi d’impresa conservano patrimoni di film ricchi di storie: possono, e come, coinvolgere anche un pubblico di non addetti ai lavori? Le scuole primarie e secondarie possono diventare laboratori permanenti di creazione a partire dalla sperimentazione dell’uso critico delle fonti filmiche? Il ri-uso creativo dei film di archivio, pubblici o privati, attraverso le opere di artisti contemporanei che si confrontano con i temi della storia, possono essere compresi dal mondo della scuola dell’obbligo, attraverso quali percorsi? Il dialogo si articolerà quindi attraverso esempi di progetti realizzati, esperienze sul campo, ma anche progetti da realizzare.

Abstract (english version)
Four different professionals working for over twenty years on and with film Archives reflect on accessibility, dissemination on creative and critical re-use of film sources (Letizia Cortini, Giulio Latini, Aurora Palandrani, Silvia Savorelli). We will start from a number of questions to which we will try to give answers through the communication with the audience: movies, a valuable source to investigate contemporary history, can they be used as an incentive to critically narrate a historical period even by a non-academic audience? Is it possible to build active and shared memory projects of a community, starting from private memories, comparing and recasting them through the language of documentary film preserved in Archives? Business Archives preserve heritage of films full of stories: how can they catch the attention of a non-expert audience? Primary and secondary school can they become permanent laboratories of creation starting from experimental use of critical fim sources? The creative re-use of film archive, public or private archive, through the work of contemporary artists dealing with history themes, can they be understood from the world of school? And through which paths? The debate will also go through examples of realised projects , field experiences and projects to be implemented.

1. Film Archives, inexhaustible sources of creative re-use and narration-world
Giulio Latini (Università di Roma Tor Vergata)
-Sintesi intervento (pdf)
-Risorse web (pdf)

Abstract
Rilevanti questioni di tenore storico, estetico-filosofico e politico-culturale entrano in gioco quando cineasti sperimentali e artisti visivi di consolidato profilo prendono a sollecitare criticamente immagini mediali provenienti da archivi pubblici e privati. E’ quanto accade, dalla metà degli anni Ottanta in poi, nei sensibili esiti audiovisivi di figure quali Yervant Gianikian-Angela Ricci Lucchi e Harun Farocki ma anche come Péter Forgács, Janet Cardiff-George Bures Miller ecc. Quale altra diversa forma assume il passato nel respiro delle loro opere? Quale estensivo insegnamento se ne può trarre?

Abstract (english version)
Relevant historical content matters, aesthetic-philosophical and political-cultural come into play when experimental filmmakers and consolidated profile visual artists start to critically solicit media images from public and private archives. This what happens from the mid-eighties onwards, in sensitive audiovisual outcomes of figures such Yervant Gianikian-Angela Ricci Lucchi and Harun Farocki as well as Péter Forgács, Janet Cardiff-George Bures Miller etc. What other different shape takes on the past in the breath of their works? Which extensive teaching can be drawn?

2. I tanti Cine-occhi
Silvia Savorelli (Documentarista)
-Sintesi intervento (pdf)
-Slide intervento (pdf)

Abstract
La pervasività e la diffusione della documentazione della nostra vita quotidiana non ha prodotto consapevolezza e neppure una visione critica della realtà. Pertanto, possiamo ipotizzare che l’utopia di Vertov e di Zavattini non sia più attuale? Attraverso un percorso breve di analisi sulle modalità di ri-uso delle immagini in movimento nel cinema documentario e amatoriale cercheremo di capirlo. Anche attraverso esempi di progetti didattici e territoriali realizzati e in corso di realizzazione.

Abstract (english version)
The pervasiveness and dissemination of documentation of our daily lives has no awareness and not even a critical view of reality. Therefore, can we assume that the utopia of Vertov and Zavattini is no longer present? We’ll try to figure it out through a short path analysis on how re-use moving images in the documentary and amateur film also through examples of teaching and realised
territorial projects as well as in progress projects.

3. Partecipazione attiva dal basso: esperienze di organizzazione di festival, premi, rassegne all’insegna dell’“altro” cinema di tutti e per tutti
Aurora Palandrani (Assistente di produzione)
-Slide intervento (pdf)

Abstract
Dal Cineforum Palestina, al Premio Zavattini, all’Aperossa… un’attività ricca di spunti per i public historian per coinvolgere comunità, studenti, abitanti di un territorio nella costruzione di narrazioni partecipate, attraverso l’uso di film d’archivio, in particolare del ricco patrimonio della Fondazione Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico.

Abstract (english version)
From Cineforum Palestina to the Premio Zavattini, passing through the Aperossa… a really rich activity full of ideas for public historians to involve communities, students, inhabitants in the construction of shared narrations also through the use of film archives, specially coming from the precious heritage of the Audiovisual Archive of the Democratic and Labour Movement AAMOD.

4. Accedere alle fonti filmiche storiche: l’organizzazione dei patrimoni audiovisivi in Italia. L’importanza dell’apporto di professionalità diverse
Letizia Cortini (Università di Roma La Sapienza)
-Slide intervento (pdf)

Abstract
Una riflessione sulle pratiche e le metodologie di descrizione, digitalizzazione e condivisione sul web delle fonti audiovisive, sulle attività di valorizzazione messe in atto dagli istituti di conservazione in Italia. Pratiche fondamentali per la ricerca e l’uso dei documenti da parte di public historian e in progetti di public history. La riflessione sarà condotta in modo problematico e interlocutorio, facendo riferimento all’importanza di una catalogazione partecipata anche da soggetti e professionalità diversi, per un’attività di public cataloguing del public audiovisual heritage condotta e sperimentata per esempio nel mondo della scuola e interattiva nel web 2.0.

Abstract (english version)
A reflection on practices and methods description, digitization and web sharing of visual sources, the exploitation activities implemented by conservation institutions in Italy. Essential practices for the research and the use of documents by public historian and in public history projects. The reflection will be conducted going through problems also referring to the importance of a shared cataloguing coming from diffent subjects with different skills for a public cataloguing activity of the public audiovisual heritage, conduct and experienced, for example in the world of school and on the web 2.0.