Panel Ravenna AIPH-9

Abstract e documentazione del Panel

Lunedì 5 Giugno | h. 15-16.30 | Palazzo Corradini, Aula 4 [Galleria fotografica]

AIPH-9 Il passato non è un paese straniero. Fonti ed educazione alla cittadinanza in alcuni archivi toscani
Coordinatrice Aurora Savelli (Dipartimento SAGAS, Università di Firenze)

  1. Francesca Klein (Coordinatrice del Servizio educativo dell’Archivio di Stato di Firenze), Il progetto “Archipedia” dell’Archivio di Stato di Firenze 
  2. Laura Guiducci (Archivio Storico del Comune di San Miniato), Gli archivi dei Comuni per la scuola primaria
  3. Cristina Gavazzi (Responsabile della Didattica dell’Archivio di Stato di Pistoia), Archivio di Stato di Pistoia: attività didattica e percorsi di cittadinanza

Il passato non è un paese straniero. Fonti ed educazione alla cittadinanza in alcuni archivi toscani
Abstract
I programmi scolastici prevedono per la scuola primaria italiana, dal 3° al 5° anno, l’insegnamento della preistoria e della storia antica. La normativa di riferimento (“Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione”, DM 254 del novembre 2012) riconosce all’insegnamento della storia un ruolo strategico e di ampio respiro, tale da immaginare attività di insegnamento che fuoriescono dai limiti curriculari: «Lo studio della storia […] contribuisce a formare la coscienza storica dei cittadini e li motiva al senso di responsabilità nei confronti del patrimonio e dei beni comuni. Per questa ragione la scuola è chiamata ad esplorare, arricchire, approfondire e consolidare la conoscenza e il senso della storia». O anche: «L’insegnamento e l’apprendimento della storia contribuiscono all’educazione al patrimonio culturale e alla cittadinanza attiva. I docenti si impegnano a far scoprire agli alunni il nesso tra le tracce e le conoscenze del passato, a far usare con metodo le fonti archeologiche, museali, iconiche, archivistiche, a far apprezzare il loro valore di beni culturali». In questo panel interessa discutere non tanto quanto nei corsi universitari di Scienze della Formazione primaria si stia attualmente verificando un impoverimento dei programmi di storia, con soluzioni diversificate da un ateneo all’altro, ma quanto la rete archivistica possa essere di supporto alla scuola primaria (e non solo) in un percorso di educazione culturale e civile al patrimonio e di cittadinanza attiva. Vari archivi in Toscana si stanno muovendo in questa direzione: è importante tentare un bilancio delle loro attività senza dimenticare bisogni e criticità di un’azione culturale di sicuro interesse ma ancora troppo diversamente presente sul territorio.

Abstract (english version)
Primary school curricula envisage the teaching of Prehistory and Ancient History. The legislation in question (“Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione”, DM 254 del novembre 2012) acknowledges historical discipline’s strategic role in primary school, thus providing for teaching activities not only for these curricula periods. Let us look at a few passages of these Indicazioni to clarify: «The study of history […] helps to form citizens’ historical awareness and to forge a sense of responsability towards heritage and commons. For this reason the school has an important contribution to make, in order to explore, to enrich and to consolidate the knowledge and the sense of history». It is worthwhile quoting another passage: «Teaching and learning history helps educating people to their cultural heritage and to active and aware citizenship. Teachers must discover with their students the traces of the past, they must follow a method with archaeological finds, museum exhibits, archive records and iconic testimonials to appreciate their value as cultural asset». In this panel we will not be discussing university courses (Science of Primary Education) where we are seeing an outright impoverishment of history programmes with different solutions being adopted in different universities, so much as the important support of Archives and their educational programmes for primary school teachers moving down a path of cultural and civic education to heritage and active citizenship.

1. Il progetto “Archipedia” dell’Archivio di Stato di Firenze
Francesca Klein (Coordinatrice del Servizio educativo dell’Archivio di Stato di Firenze) 

Abstract
L’intervento mira a illustrare i risultati del progetto Archipedia dell’Archivio di Stato di Firenze. L’ASFi è una specie di ‘mostro sacro’ tra gli istituti archivistici, in Italia e fuori d’Italia: fin dalle origini terreno di coltura di quel ‘metodo storico’ che la scienza archivistica ha accolto e sviluppato, è meta di studiosi di tutte le parti del mondo, conserva una documentazione straordinaria che non cessa di suscitare interessi per la ricerca scientifica. Eppure l’Archivio resta ancora oggi una presenza alquanto sconosciuta per i fiorentini. Dal 2010, esso ha dunque proposto alle Scuole il progetto Archipedia che si propone di far conoscere l’Archivio (la sua missione e i suoi contenuti documentari) e introdurre i ragazzi delle scuole al linguaggio dei documenti a partire da alcuni percorsi particolari. I percorsi tematici cercano di suscitare interessi su soggetti che riguardano da vicino il mondo che ci circonda (ad es. famiglia, città, leggi razziali, alluvione di Firenze) offrendo un contatto diretto con alcuni documenti archivistici che, opportunamente esaminati, possano offrire elementi non per una celebrazione del passato/ del soggetto, ma per nuove esplorazioni e per nuovi interrogativi. Nel quadro di una proposta diretta soprattutto a costruire una educazione al bene culturale i percorsi si propongono anche di illustrare il particolare strumentario che occorre per saper leggere e comprendere meglio e più in profondità il significato dei documenti archivistici: scrittura/convenzioni espressive/ modi in cui essi sono stati organizzati e trasmessi.

Abstract (english version)
This paper focuses on the “Archipedia project”, an educational project created by the State Archive in Florence. The State Archive in Florence is a sort of ‘giant’ among archival institutions in Italy and abroad: it holds thirteens centuries of historical records and constitutes an extraordinary cultural heritage. The ASFI reading room is visited by scholars coming from all the parts of the world, although the State Archive in Florence is relatively unknown to, and virtually neglected by, the Florentines themselves. The ASFI has been proposing the Archipedia project to schools since 2010. The main goal of Archipedia is to acquaint students with the Archive, showing them its mission and contents. Several documentary itineraries are selected to illustrate specific subjects of research and the language of documents. In fact these itineraries primarily concern particular historical topics (family, city, racial laws; 1966 Arno flood) which are supposed to be interesting and linked to the present social world. They offer a direct contact with archival documents in order to give students the opportunity not to celebrate the past, but to explore and probe historical events afresh. Therefore the itineraries focus on the particular elements in order the better to read and the more deeply to understand documents: the writing, the communicative conventions, the different ways to organize and transmit archival records. The educational proposal of Archipedia aims to give students a better knowledge and respect of archives as part of our, and their, cultural heritage.

2. Gli archivi dei Comuni per la scuola primaria
Laura Guiducci (Archivio Storico del Comune di San Miniato)

Abstract
L’archivio comunale è per sua natura la chiave principale per conoscere il territorio e la storia locale. Ci sono tante “storie da raccontare” e da far sperimentare ad una età in cui è viva la curiosità e la fantasia: le dimensioni familiari, i mestieri e la struttura sociale delle comunità che ci hanno preceduto indagate con i ruoli delle tasse o con lo stato civile francese; il trattamento dell’infanzia, legittima e illegittima con gli archivi ospedalieri; i commerci, l’evoluzione delle colture, l’uso e il controllo delle acque del territorio usando fonti di tipo catastale che aiutano a conoscere visualizzare i territori e confrontare il mondo di ieri con quello che ci circonda oggi. È indispensabile però proprio per l’età dei ragazzi, la mediazione degli adulti: l’archivista e gli insegnanti per primi, ma vanno coinvolte sempre le famiglie. Va evidenziato però che l’attività di progetto e laboratorio in collaborazione tra archivi locali e scuole primarie negli ultimi anni ha subito un rallentamento dovuto al cambio di programmi e alla marginalizzazione di ciò che non è curricolare, poiché le fonti di un archivio storico locale che per quanto ricco e antico, possono risalire al massimo alla fine del XIII sec. Inoltre alcuni progetti che riguardino il vissuto “intimo” delle comunità richiedono attenzioni particolari dovute alla mutata composizione delle classi e alla provenienza molto varia degli alunni.

Abstract (english version)
The municipal archive is one of the main keys for exploring a local area and its history. There are so many stories we can tell children at their age, when curiosity and fantasy flourish: we can investigate ancient families, old works or the social relationships of people of past centuries, by using public taxes records or ancient hospital registers. By exploring historical archives we can also better understand an area’s local government, agriculture and breeding, trade, and development. However it is absolutely necessary for adults to act as middlemen for children who approach an archive: teachers, archivists and families too should act as middlemen. For all our responsibility and commitment, we have to admit that these kinds of activities and workshops with schools have recently decreased. This is both due to school curriculum changes (the richest local archives go back no further than the XIIIth century) and to the fact that these kinds of project require a special attention being paid to the different children’s origin and traditions.

3. Archivio di Stato di Pistoia: attività didattica e percorsi di cittadinanza
Cristina Gavazzi (Responsabile della Didattica dell’Archivio di Stato di Pistoia)

Abstract
L’Archivio di Stato di Pistoia svolge ormai da diversi anni, continuativamente, una strutturata attività didattica, in collaborazione con partner istituzionali e privati operanti sul territorio pistoiese. Si tratta di percorsi tematici appositamente studiati a seconda dell’ordine e grado di scuola a cui si rivolge l’offerta e, tutti, iniziano con una visita guidata all’Istituto e proseguono con la trattazione dei temi specifici secondo quanto concordato in fase di progettazione. Questa seconda fase è forse la più impegnativa per tutti, poiché prevede di informare, di mediare, di comunicare. Di formare e di condividere, è anche la più foriera di soddisfazione perché consente a docenti e discenti di riflettere e lavorare su linguaggi diversi e rafforza la consapevolezza del ruolo di ognuno nello sviluppo della nostra identità culturale. Identità ed appartenenza che trovano nella conoscenza della storia uno dei punti di riferimento per sviluppare il senso di nuova cittadinanza. Alla fine di ogni percorso, solitamente le classi realizzano degli elaborati sempre molto originali, da conservare ed esporre, che vanno a costituire un valore aggiunto al patrimonio disponibile, diventando strumenti di promozione e valorizzazione. Nella costruzione degli itinerari che vede sempre il coinvolgimento degli insegnanti e dei partner, si cerca di tenere uniti gli aspetti cognitivi a quelli affettivi-motivazionali, capaci di sollecitare interesse nei ragazzi, agendo sul senso di “appartenenza” alla propria città, al proprio territorio. Se questo aspetto è importante per i ragazzi autoctoni, diventa strategico per i sempre più numerosi ragazzi provenienti dai vari paesi del mondo che “necessitano” di investire il nuovo luogo di residenza di quell’affettività necessaria a sentirlo proprio e quindi favorevole alla propria integrazione. L’offerta formativa fin qui descritta, diventata ormai stabile nei programmi della città, si rivolge prevalentemente ad un pubblico della scuola dell’obbligo e porta in archivio circa 300 ragazzi l’anno.

Abstract (english version)
The State Archive in Pistoia has been carrying out regular and structured teaching activity for several years. For this activity, collaboration is in place with both institutional and private partners located in the Pistoia territory. Thematic teaching programmes have been designed to meet the needs of the students tailored to the level of the target classrooms. The programmes always start with a guided tour of the State Archive; then they differentiate according to the specific needs agreed on when defining the programmes. This second step is usually the most critical since it contains informative, communication and negotiation activities. It is also the most satisfying step for the teachers due to the fact that it allows both teachers and learners to understand and appreciate the different languages and to strengthen awareness of the roles played in the development of our cultural identity. Identity and cultural belonging come together in a knowledge of history to create a new shared sense of nationhood. At the end of the programme each classroom usually produces handiwork and papers which are stored and displayed as additional tools to aid the promotion of the teaching activity. In planning the teaching programmes and pathways, particular attention is paid to the cognitive and affective-emotional aspects; these are able to inspire young learners, making use of their sense of membership and their root-related and territorial heritage. This aspect is important for native learners, but even more for foreign learners because they need to feel that they can invest their emotions in a place in order to complete the process of integration. The teaching activity described has become a stable part of the city’s programmes. It is addressed mainly to young learners in primary and secondary education, with about 300 students visiting the Archive each year.