STATUTO

Statuto dell’Associazione Italiana
di Public History – AIPH

Premessa

Un gruppo di studiosi, raccogliendo l’invito della Giunta centrale per gli studi storici e della International Federation for Public History, si costituisce in associazione per favorire la riflessione sulla public history come oggetto di studio e di pratiche. Li accomuna il desiderio di confrontare le diverse accezioni che sono date alla disciplina per definirne uno statuto scientifico e i suoi rapporti con la storia anche in relazione a quanto avviene in altri paesi.

 Art. 1

E’ costituita a tempo indeterminato un’associazione culturale denominata: Associazione italiana di Public History (AIPH), con lo scopo dell’esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà, ai sensi dell’art.10, co.1, lett.b) del Decreto legislativo n. 460/97. La denominazione è: AIPH – Organizzazione non lucrativa di utilità sociale – con sede legale presso la Giunta centrale per gli studi storici, Via Milano, 76 – 00184 Roma. La segreteria dell’associazione è stabilita con delibera del Consiglio Direttivo conformemente alle esigenze organizzative.

L’ AIPH è un’associazione non riconosciuta, senza fini di lucro. Suo scopo è promuovere la cultura: in particolare promuovere la Public History in Italia e la sua valorizzazione nell’ambito scientifico, accademico, civile. Momenti fondamentali di tale attività sono l’ampia diffusione di ogni informazione riguardante l’insegnamento e la pratica della disciplina, l’organizzazione e gli esiti della ricerca nonché il dibattito tra i cultori della stessa e, in generale, la promozione delle attività di Public History in Italia.

Art. 2

L’ AIPH  è un’associazione non riconosciuta, senza fini di lucro. Suo scopo è promuovere la cultura: in particolare promuovere la Public History in Italia e la sua valorizzazione nell’ambito scientifico, accademico, civile. Momenti fondamentali di tale attività sono l’ampia diffusione di ogni informazione riguardante l’insegnamento e la pratica della disciplina, l’organizzazione e gli esiti della ricerca nonché il dibattito tra i cultori della stessa e, in generale, la promozione delle attività di Public History in Italia

Strumenti essenziali dell’attività sociale sono la preparazione di un Convegno annuale, la pubblicazione di notizie, dati, documenti e studi attraverso notiziari periodici, siano essi informatici o cartacei, e attraverso i vari canali mediatici che saranno ritenuti utili allo scopo oltre che la preparazione di eventi e di attività di Public History sul terreno come l’allestimento di musei, le mostre, le rievocazioni storiche, le performance teatrali, lo storytelling, la creazioni di materiali audiovisivi, le consulenze storiche, la collaborazione con i media, ecc..

Concorrono inoltre alla realizzazione dello scopo sociale:

  • la promozione di convegni e ricerche;
  • l’organizzazione di seminari e corsi di studio, anche a carattere didattico;
  • la promozione di iniziative per una formazione universitaria nel campo della PH
  • la partecipazione alle attività della Federazione internazionale
  • l’organizzazione di eventi sul terreno

E’ precluso lo svolgimento di attività diverse da quelle di cui al presente articolo, salve quelle ad esse direttamente connesse.

 Art. 3

Possono essere soci previa approvazione del Consiglio Direttivo, tutti coloro che a vario titolo si riconoscono nelle finalità dell’associazione e pagano la quota associativa. Gli associati hanno diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’associazione. E’ ammessa l’associazione di istituzioni che non potranno però rivestire cariche sociali.

I soci possono recedere in qualsiasi momento dall’associazione con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno indirizzata al Consiglio Direttivo a far tempo dalla data di ricevimento della lettera stessa.

 Art. 4

La quota di iscrizione e quella annuale di associazione sono stabilite dal Consiglio Direttivo. Il mancato pagamento della quota dopo due consecutivi solleciti comporta la decadenza dalla qualità di socio.

 Art. 5

Sono organi dell’associazione:

  • l’Assemblea dei Soci
  • il Consiglio Direttivo
  • il Presidente
  • Il Comitato Scientifico

 Art. 6

L’Assemblea è costituita dall’insieme dei soci in regola con il pagamento delle quote. Essa si riunisce in via ordinaria una volta all’anno per l’approvazione del bilancio ed in via straordinaria ogniqualvolta il Consiglio Direttivo lo ritenga necessario o gli venga richiesto da almeno terzo dei soci. In questo caso l’Assemblea dovrà svolgersi entro due mesi dalla presentazione della richiesta.

La convocazione si effettua mediante lettera (o e-mail) da inviarsi almeno due mesi prima della data stabilita per la riunione (venti giorni prima, nel caso di assemblee straordinarie). La comunicazione deve contenere l’ordine del giorno, la data e l’ora della prima e della seconda convocazione (che possono essere fissate nello stesso giorno) ed il luogo della riunione. La riunione dell’Assemblea è valida in prima convocazione solo se è presente la metà dei soci ed in seconda convocazione qualunque sia il numero degli intervenuti.

L’Assemblea delibera a maggioranza semplice dei votanti di maggiore età, fatta eccezione per le delibere relative alla modifica dello statuto o allo scioglimento ed alla liquidazione della Associazione, per le quali occorre la presenza di un terzo dei soci ed il voto favorevole dei tre quarti dei presenti sia in prima che in seconda convocazione.

 Art. 7

L’Assemblea discute le linee programmatiche di attività dell’associazione e la gestione della medesima da parte del Consiglio Direttivo.

  • Delibera sulle modifiche di statuto proposte dal Consiglio Direttivo o da almeno un quarto dei soci.
  • Delibera anche sulle proposte relative ai regolamenti di cui l’Associazione potrebbe dotarsi. Di tali proposte, formulate e presentate entro un mese dalla data dell’Assemblea in cui dovranno essere discusse, va data notizia in allegato alla lettera di convocazione dell’Assemblea stessa;
  • Delibera su progetti, programmi e iniziative sottoposti alla sua approvazione dal Consiglio Direttivo.
  • Elegge a scrutinio segreto il Presidente dell’ Associazione e i componenti del Consiglio Direttivo.

 Art. 8

Il Consiglio Direttivo è composto da nove membri tra cui il Presidente dell’associazione.

I membri e il Presidente durano in carica tre anni. In prima applicazione l’elezione del Presidente, del consiglio direttivo e la durata delle cariche saranno regolate dalle norme transitorie e finali.

I consiglieri alla scadenza del loro mandato triennale sono immediatamente rieleggibili una sola volta.

Qualora un membro del direttivo si dimetta o decada prima della scadenza del suo mandato, subentrerà il primo dei non eletti.

Le elezioni si svolgono a scrutinio segreto nel corso dell’Assemblea ordinaria annuale. Sarà accettato il voto elettronico, predisposto dal Consiglio Direttivo.

Almeno tre mesi prima dell’Assemblea ordinaria, il consiglio direttivo nomina un comitato elettorale composto di tre membri, non più di uno dei quali nel proprio seno.

Il comitato raccoglie, predispone e pubblicizza le candidature per l’elezione dei consiglieri, da scegliere tra i soci, fino a 30 giorni prima dell’Assemblea. Ogni candidatura deve essere presentata da almeno 10 e non più di 15 soci. Nel corso dell’Assemblea, sempre da 10 a 15 soci, possono comunque presentare una ulteriore candidatura. Ogni socio può presentare una sola candidatura. Ciascun socio potrà votare indicando un numero di preferenze non superiore ai due terzi dei posti eleggibili. Le istituzioni che sono socio dell’Associazione possono delegare a votare una persona in loro rappresentanza.

 Art. 9

Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide solo se sono presenti non meno della metà dei consiglieri tra cui il Presidente.

L’assenza ingiustificata a tre consecutive riunioni comporta la decadenza del mandato. Le delibere del Consiglio sono prese a maggioranza semplice.

I verbali sono conservati a cura del Consiglio stesso.

 Art. 10

Il Consiglio Direttivo provvede alla gestione ordinaria e straordinaria dell’associazione in esecuzione delle direttive dell’Assemblea;

  • provvede all’organizzazione del Convegno annuale secondo le modalità deliberate dall’Assemblea e alla nomina di apposite redazioni delle sue pubblicazioni periodiche, cartacee e informatiche;
  • propone ed elabora progetti e programmi da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea;
  • convoca l’Assemblea stessa, stabilendone l’ordine del giorno;
  • cura la gestione economica dell’associazione provvedendo alla riscossione delle quote e dei contributi, nonché al pagamento delle obbligazioni contratte ed alla riscossione dei crediti. Tali funzioni di tesoriere sono delegate ad un consigliere o a un socio scelto dal comitato direttivo, o eccezionalmente al Presidente
  • predispone, sulla base del rapporto del tesoriere, il bilancio annuale della gestione da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea;
  • può nominare al proprio interno e/o con membri esterni al Consiglio, comitati con compiti specifici (ad esempio comunicazione, sito web, rapporti con i soci, elezioni, ecc.)

Il Consiglio si riunisce sempre entro i quaranta giorni successivi all’Assemblea annuale ordinaria. Nel corso di ciascuna adunanza verranno stabiliti e messi a verbale ora, data, luogo dell’adunanza successiva. Convocazioni straordinarie possono seguire a discrezione del Presidente ed ove ne facciano richiesta tre consiglieri. L’ordine del giorno delle adunanze ordinarie e straordinarie viene determinato dal Presidente e comunicato ai consiglieri per iscritto e con congruo anticipo.

 Art.11

 Il Presidente è eletto dall’Assemblea dei soci, dopo l’elezione del Consiglio Direttivo, a scrutinio segreto fra i consiglieri in carica. Il mandato di durata di tre anni, è rieleggibile una volta per il successivo triennio come gli altri membri del consiglio direttivo.

Verrà eletto il candidato che raccoglierà almeno la metà più uno dei voti. Ad un primo turno inefficace seguirà il ballottaggio tra i due candidati più votati.

Art. 12

Il Presidente presiede l’Assemblea dei soci ed il Consiglio Direttivo;

  • ha la legale rappresentanza dell’associazione;
  • rappresenta in giudizio l’associazione;
  • stipula contratti, convenzioni e protocolli d’intesa e firma la corrispondenza dispositiva che impegni comunque l’associazione

 Art. 13 – Comitato Scientifico

Il Comitato Scientifico è composto dai rappresentanti delle Associazioni professionali, culturali e società scientifiche che hanno fatto parte del Comitato Costituente dell’Associazione.

Su deliberazione dell’Assemblea dei soci presa con una maggioranza dei ¾ dei votanti, potranno in futuro essere ammesse a far parte del C.S. con un proprio rappresentante altre Associazioni professionali, culturali e società scientifiche.

Il C.S. è un organo consultivo, la cui funzione è quella di fornire pareri e suggerimenti circa le attività e i programmi della Associazione in modo da evidenziare eventuali carenze o opportunità di approfondimento rispetto ai principi e ai campi di interesse che sono stati individuati come caratterizzanti e fondativi dalle Associazioni e Società Scientifiche che hanno partecipato al processo di costituzione dell’Associazione Italiana di Public History o che sono state ammesse in seguito. Il Comitato Scientifico è presieduto dal Presidente della Giunta Centrale di Studi Storici, o da un suo delegato. Il Presidente nomina un Segretario fra i suoi componenti.

Il C.S. senza obbligo, si può riunire su proposta del Presidente del comitato stesso o di un terzo dei suoi componenti.

Il C.S. riceve un mese prima dell’Assemblea dei Soci la relazione annuale del Consiglio direttivo della Associazione, e formula in proprio parere in merito, entro la settimana precedente alla data di effettuazione dell’Assemblea. Il C.S. non assume delibere, ma formula un parere che recepisce e sintetizza le osservazioni pervenute dai suoi componenti. Il Presidente, coadiuvato dal Segretario, cura la redazione, in forma di relazione scritta, di tale documento, che viene inviato al Consiglio Direttivo dell’Associazione e per suo tramite a tutti i soci, assieme agli altri materiali preparatori dell’Assemblea.

 Art. 14

Il Tesoriere cura la riscossione delle entrate ed il pagamento delle spese. La sua firma deve essere apposta obbligatoriamente su ogni atto contenente un’attribuzione o una diminuzione del patrimonio dell’associazione. Egli cura la tenuta del libro di cassa e di tutti i documenti che specificamente riguardano la sua funzione.

 Art. 15

Il patrimonio dell’Associazione è costituito:

  • da beni immobili e mobili, di proprietà o comunque acquistati;

dall’introito delle quote sociali e di iscrizione;

  • da proventi, erogazioni o lasciti da parte di enti pubblici e privati e da altri proventi comunque collegati alla realizzazione dello scopo sociale;
  • da redditi patrimoniali.
  • dai proventi delle attività organizzate a pagamento dall’associazione.

Il patrimonio della Associazione, sotto qualsiasi forma, deve essere destinato esclusivamente ai fini e per gli scopi prefissati dallo statuto e alle attività ad esso connesse. E’ fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili e avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’associazione. In caso di scioglimento dell’associazione, per qualunque causa, il patrimonio sarà devoluto ad altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale o a fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art.3 comma 190, della legge n. 662/1996, salvo che la legge non preveda una diversa destinazione.

 Art. 16

Gli esercizi sociali si chiudono al trentuno dicembre di ogni anno.

 Art. 17

Per quanto non esplicitamente previsto dal presente statuto valgono le norme di legge in materia.

Norme Transitorie e Finali

  1. L’associazione viene costituita in data 21 giugno 2016 dotandosi di un comitato direttivo provvisorio di 9 membri che eseguirà tutte le operazioni necessarie per preparare la prima assemblea generale dei soci e definirà l’ammontare in prima applicazione delle quote associative.
  1. Il presente statuto sarà da modificare o ratificare nella prima assemblea generale dopo quella costituente di Ravenna del giugno 2017.
  1. Le candidature per l’elezione dei nove membri del Comitato Direttivo, corredate da un breve curriculum (300 parole) e da una dichiarazione programmatica (300 parole) dovranno pervenire all’indirizzo del segretariato della Giunta Storica Nazionale (segreteria@gcss.it) e per pubblicazione anticipata sul sito dell’Associazione a partire dal 7 maggio 2017, un mese prima dell’Assemblea generale dei Soci che si terrà a Ravenna il 7 giugno 2017.
  • In prima applicazione, durante l’Assemblea costitutiva dell’Associazione vengono eletti tutti i nove membri del Consiglio Direttivo. In prima applicazione non è ammesso il voto telematico, ma è ammesso il voto per delega, con il limite di una delega al massimo per ogni votante presente. La delega deve essere firmata dal delegante e presentata dal delegato prima della votazione, al momento del ritiro delle schede elettorali. Il Presidente viene eletto con votazione successiva e separata fra i nove consiglieri eletti.
  • Il Presidente è eletto dall’Assemblea dei soci a scrutinio segreto. Verrà eletto il candidato che raccoglierà almeno la metà più uno dei voti. Ad un primo turno inefficace seguirà il ballottaggio tra i due candidati più votati.
  • 2017 – A (Presidente) BC – DEF – GHI
  • 2018 – A (Presidente) BC – DEF – GHI
  • 2019 – A (Presidente) BC – DEF – LMN
  • 2020 – A (Presidente) BC – LMN – OPQ
  • 2021 – LMN – OPQ – R (Nuovo Presidente) ST
  1. Il Comitato Direttivo provvisorio è composto da: Agostino Bistarelli, Tommaso Detti, Andrea Giardina, Serge Noiret, Chiara Ottaviano, Maurizio Ridolfi, Luigi Tomassini, Edoardo Tortarolo, Maria Antonietta Visceglia. Presidente pro tempore è stato nominato Serge Noiret. Le associazioni professionali, culturali e società scientifiche che hanno contribuito alla costituzione della AIPH il 21 giugno 2016 presso la Giunta Centrale per gli Studi Storici a Roma sono le seguenti. In futuro altre associazioni potranno aggiungersi come agli articoli 7 e 13 dello Statuto:
  • Consulta Universitaria di Storia Greca e Romana
  • Società italiana degli storici medievisti
  • Società Italiana per la Storia dell’Età Moderna
  • Società italiana per lo studio della storia contemporanea
  • Società italiana delle storiche
  • Società degli archeologi medievisti italiani
  • Associazione Italiana di Storia Orale
  • Società Italiana di Storia del lavoro
  • Associazione Italiana di Storia Urbana
  • Società italiana per lo studio della fotografia
  • Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura digitale
  • Associazione nazionale archivistica italiana
  • Associazione italiana biblioteche
  • International Council of Museums – Italia
  • Istituto nazionale per la storia del Movimento di Liberazione in Italia
  • Master in Public History (Università MO-RE)
  • Master in comunicazione della storia (Università BO)
  • Museo M9 di Venezia