STEFANO BARTOLINI

Profilo socio

Direttore della Fondazione Valore Lavoro, ente culturale che opera nel campo della storia del lavoro e del movimento sindacale e della conservazione di beni archivistici e bibliografici, e della rivista Farestoria. Società e storia pubblica. Partecipa alle attività della Società italiana di storia del lavoro, dell’Associazione italiana di storia orale, è membro del consiglio direttivo dell’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea di Pistoia, della redazione della rivista Il De Martino. Storie, voci, suoni, della redazione della rivista Storia locale, collabora con la rivista Clionet, fa parte del Comitato scientifico della collana di storia orale di Editpress e del comitato scientifico dell’Istituto Ernesto De Martino. Tra i suoi interessi di ricerca: la fotografia; la storia orale; la storia del lavoro; la storia del movimento sindacale; la mezzadria; il fascismo; il nazionalismo; la Shoah; la Jugoslavia.
È ideatore del sito https://italianbrickhistory.education/ che coniuga la Public History con la dimensione ludica dei mattoncini Lego. Ha lavorato all’allestimento di diversi percorsi espositivi.

Tra le sue pubblicazioni:
Labour Public History: quando il lavoro lascia il segno, Collettiva (2021);
“Costruire la storia mattoncino su mattoncino”. La “Public Brickstory”: i Lego come strumento per raccontare la storia, Diacronie (con Francesco Cutolo, 2/2021);
Curatela del numero monografico di Farestoria Spostarsi: migrazioni, lavoro, identità e conflitti, (2/2020); Curatela Un altro 1969: i territori del conflitto in Italia (con Pietro Causarano e Stefano Gallo, NDF, 2020);
Labour Public History: tracciare una rotta, Clionet, (3/2019);
La chiave a stella: l’incontro tra lavoro, sindacato e public history, in Fare storia a Pistoia capitale della cultura, a cura di Matteo Grasso, (IRSPt, 2019);
Contro la guerra e la povertà: l’onda lunga delle mobilitazioni popolari nel pistoiese, in Il 1917 in Toscana, a cura di Roberto Bianchi e Andrea Ventura (Pacini, 2019);
Potere a chi? Conflitti politici e sociali nel dopoguerra, in Le cicatrici della vittoria, a cura di Alberto Coco e Francesco Cutolo (ISRPt, 2019);
Lavoro, sindacato, fotografia e Public History, Clionet (2/2018);
Populismo: il nuovo spettro che si aggira per il mondo, Historia magistra, (26/2018);
Curatela In viaggio: dentro al cono d’ombra (con Sara Valentina di Palma, Belforte, 2018);
Un socialismo diverso. L’Autogestione in Jugoslavia, Quaderni di Farestoria, (3/2017);
In cerca della felicità. Storie di immigrati a Pistoia (con Giovanni Contini Bonaccossi, film documentario di storia orale, 2017);
La mezzadria nel Novecento. Storia del movimento mezzadrile tra lavoro e organizzazione (Settegiorni, 2015);
Dalla ricerca al testimone: uno studioso della deportazione, in Memoria viva. Responsabilità del ricordare e partecipazione civica, a cura di Marialuisa Menegatto e Adriano Zamperini (Firenze University Press, 2015);
Vittime dei bombardamenti liberatori e della guerra fascista. La guerra aerea, la memoria e l’uso pubblico della storia, Quaderni di Farestoria (3/2013);
Una passione violenta. Storia dello squadrismo fascista a Pistoia 1920 – 1923 (Cudir, 2011);
Vivere nel call center, in AA.VV, La lotta perfetta. 102 giorni all’Answers, (Settegiorni, 2010);
Fascismo e neofascimo. I “nipoti del Duce” tra eredità. novità, persistenze e sviluppi all’alba del nuovo secolo, Quaderni di Farestoria, (2-3/2008);
Fascismo antislavo. Il tentativo di “bonifica etnica” al confine nord orientale (ISRPt, 2006).

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search